Flora Viola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Con il suo sorri­so sapeva sdrammatizzare qualsiasi situazione »
(Bruno Conti su Flora Viola[1])

Flora Viola (Giulino di Mezzegra, 4 novembre 1923Roma, 10 novembre 2009) è stata una dirigente sportiva italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Moglie del presidente della Roma Dino Viola, ne assunse la presidenza a partire dal 19 gennaio 1991, in seguito alla morte del marito. Prima donna ad aver presieduto una squadra militante in Serie A[2], guidò la società per soli tre mesi guadagnandosi la stima dei tifosi[1] (tra i quali era conosciuta anche come Donna Flora[1]) e dirigendo la difficile trattativa con Giuseppe Ciarrapico per il passaggio della proprietà[2]. in quell'anno la sua Roma conquistò la coppa Italia che, nonostante fosse stata conquistata sotto la sua gestione, fu sollevata dal nuovo presidente Ciarrapico

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Articolo di laroma24.it Flora Viola, addio a un’epopea
  2. ^ a b Morta Flora Viola fu la prima donna presidente in serie A
Predecessore Presidente dell'Associazione Sportiva Roma Successore
Dino Viola 19 gennaio 1991 — 24 maggio 1991 Giuseppe Ciarrapico