Fleetway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Fleetway, nota anche come Fleetway Publications e Fleetway Editions, era una casa editrice, che produceva principalmente riviste a fumetti per il Regno Unito.

La Fleetway nacque come Amalgamated Press, la società di proprietà di Alfred Harmsworth, che aveva sede a Fleetway House. L'Amalgamated Press entrò nel mercato dei fumetti sin dal 1890 con Comic Cuts e Illustrated Chips. Pubblicò anche giornali con romanzi a puntate (per esempio nella rivista The Thriller), in cui apparvero, tra le altre, storie di Edwy Searles Brooks.

Nel 1959[1] il nome della società fu cambiato da Amalgamated Press in Fleetway Publications. Nel 1963, la Fleetway Publications si fuse con la George Newnes Publishers e la Odhams Press per formare la IPC Media. Il nome della Fleetway venne ancora utilizzato per identificare il ramo editoriale a fumetti della IPC, sebbene alcuni fumetti fossero pubblicati sotto il nome della stessa IPC. Nel 1987 tutti i fumetti furono raccolti nel ramo della Fleetway e venduti a Robert Maxwell.

Nel 1991, questa divisione della Fleetway fu acquistata dalla Egmont, che la fuse con la propria divisione editoriale a fumetti con sede in Gran Bretagna, la London Editions, per creare la Fleetway Editions. Ad un certo punto, dopo il 2002, il nome della Fleetway Editions cessò di essere utilizzato dalla Egmont sulle sue pubblicazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]