Flavio Orsini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flavio Orsini
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1532, Roma
Creato cardinale 12 marzo 1565 da papa Pio IV
Deceduto 16 maggio 1581, Pozzuoli

Flavio Orsini (Roma, 1532Pozzuoli, 16 maggio 1581) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlio di Ferrante Orsini e di Beatrice Ferrillo, membro della nobile famiglia romana degli Orsini.

Studiò giurisprudenza e letteratura, ottenendo una laurea in utroque iure.

Fu eletto vescovo di Muro Lucano il 29 novembre 1560. Divenne anche refendario dl Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e acquistò il posto di auditore della Camera apostolica.

Il 6 luglio 1562 si dimise dal governo pastorale della sua diocesi e il 16 dicembre dello stesso anno fu eletto vescovo di Spoleto.

Il 12 marzo 1565 papa Pio IV lo creò cardinale e il 15 maggio dello stesso anno ricevette il titolo di San Giovanni a Porta Latina. Il 17 novembre del medesimo anno optò per il titolo dei Santi Marcellino e Pietro.

Partecipò al conclave del 1565-1566 che elesse papa Pio V. Il nuovo Pontefice gli affidò in amministrazione l'arcidiocesi di Cosenza, che tenne dal 24 gennaio 1569 al 16 settembre 1573. Nello stesso periodo svolse importanti incarichi diplomatici come legato papale in Francia, dove esercitò pressioni su re Carlo IX per contrastare gli ugonotti e per prendere parte alla guerra contro i Turchi.

Il 9 luglio 1578 optò per il titolo di Santa Prisca.

Nel 1580 riuscì a fare eleggere il nipote Pietro come suo coadiutore alla sede di Spoleto, con il diritto di succedergli sulla cattedra vescovile.

Cadde malato e si recò per le cure alle terme di Pozzuoli, dove morì.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]