Flashy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flashy
Artista Electric Six
Tipo album Studio
Pubblicazione 21 ottobre 2008
Durata 44 min : 53 s
Genere Dance punk
Hard rock
Funk rock
Rock demenziale
Etichetta Metropolis Records
Electric Six - cronologia
Album successivo
(2009)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 3.5/5 stelle[1]
The A.V. Club (C-)[2]
Blender 3/5 stelle[3]
The Kill Times (5/6)[4]
Spin 3.5/5 stelle[5]

Flashy è il quinto album degli Electric Six. È stato pubblicato il 21 ottobre 2008, in versione CD e LP.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Versione CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Gay Bar Part Two – 2:42
  2. Formula 409 – 3:43
  3. We Were Witchy Witchy White Women – 3:55
  4. Dirty Ball – 3:40
  5. Lovers Beware – 3:19
  6. Your Heat is Rising – 3:32
  7. Face Cuts – 3:15
  8. Heavy Woman – 3:14
  9. Flashy Man – 2:04
  10. Watching Evil Empires Fall Apart – 3:58
  11. Graphic Designer – 4:36
  12. Transatlantic Flight – 4:02
  13. Making Progress – 2:59

Versione LP[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Gay Bar Part Two – 2:42
  2. Formula 409 – 3:43
Lato B
  1. We Were Witchy Witchy White Women – 3:55
  2. Heavy Woman – 3:14
  3. Watching Evil Empires Fall Apart – 3:58
  4. Graphic Designer – 4:36
  5. Transatlantic Flight – 4:02
  6. Making Progress – 2:59

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La canzone Gay Bar Part Two è una risposta alla notorietà della band legata alla canzone Gay Bar, presente nel loro primo album Fire. Il verso "soft steaming shits demanding Gay Bar Part 2" è un'indicazione di risentimento verso la loro più famosa canzone e l'unica per cui sono conosciuti. Molte persone spinsero la band a scrivere "un'altra Gay Bar" e nessuno dei lavori successivi fu apprezzato alla pubblicazione. La canzone contiene riferimenti anche ad altre produzioni del gruppo, come "Danger! High Voltage", "There's Something Very Wrong With Us, So Let's Go Out Tonight", "Be My Dark Angel" e "She's White".
  • La copertina dell'album è presa da un quadro intitolato "Hellcat" di Ron Zakrin.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione Allmusic
  2. ^ Recensione The A.V. Club
  3. ^ Recensione Blender
  4. ^ Recensione The Kill Times
  5. ^ Recensione Spin
  6. ^ I lavori di Ron Zakrin