Flash Gordon (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flash Gordon
Flash Gordon (film).png
Titolo originale Flash Gordon
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1980
Durata 111 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, fantascienza
Regia Mike Hodges
Soggetto Alex Raymond (fumetto), Michael Allin
Sceneggiatura Lorenzo Semple Jr.
Produttore Dino De Laurentiis
Fotografia Gilbert Taylor
Montaggio Malcolm Cooke
Effetti speciali George Gibbs
Musiche Howard Blake, Queen
Scenografia Danilo Donati
Costumi Danilo Donati
Trucco Giusy Bovino, Massimo De Rossi, Mario Di Salvio, Betty Glasow, Richard Mills, Jane Royle
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
  • Marshall Trophy, Napierville Cinema Festival, 1980: "Miglior attore" (Max von Sydow).

Flash Gordon è un film del 1980, diretto da Mike Hodges, ispirato all'omonimo personaggio dei fumetti fantascientifici ideato nel 1934 da Alex Raymond e già protagonista di tre serial cinematografici tra il 1936 e il 1940.

Il film ha vinto un Marshall Trophy al Napierville Cinema Festival nel 1980 per il "miglior attore" (Max von Sydow).

Trama[modifica | modifica sorgente]

Le peripezie spaziali del giocatore di football americano dei New York Jets "Flash" Gordon hanno inizio con l'incontro con la giornalista Dale Arden e lo scienziato costruttore di razzi dottor Zarkov, il quale si avvale dei nuovi venuti per intraprendere la disperata impresa nel cosmo al fine di salvare la Terra devastata da calamità climatiche ed ambientali per azione del Pianeta Mongo, dispoticamente governato dell'imperatore Ming.

Il crudele sovrano vanta puntualmente numerosi nemici esterni ed interni, i quali saranno di vitale aiuto per i nostri eroi, in primis una gelosissima principessa Aura ed una curiosa scienziata imperiale Kala.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato un kolossal con un costo stimato di produzione di 35 milioni di dollari.[1]

Come accade in una produzione di Dino De Laurentiis, il film ha una forte impronta italiana, insistendo sull'accuratezza dei costumi e della scenografia a scapito degli effetti speciali comunque ingegnosi, come un sistema di specchi per moltiplicare l'immagine degli Uomini Falco di Vultano.

Il finale aperto sembra dare adito ad un seguito mai realizzato.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Flash Gordon (album).

Il film si avvale di un accompagnamento musicale internazionalmente stimato dei Queen, autori dell'omonimo album discografico.

Flash Gordon fu uno dei primi film ad alto budget ad avvalersi di musiche principalmente composte da una rock band. Per il film fu inoltre composta della musica per orchestra da Howard Blake, distribuita su CD audio.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Il film ebbe un successo mediocre negli Stati Uniti, dove ricavò 27 milioni di dollari sui 35 milioni dei costi di produzione.[1] Nel Regno Unito invece riscosse un buon successo, ricavando £13.864.652[senza fonte] al botteghino.

Alla sua uscita il film fu apprezzato solo da pochi critici. Nella parte del cattivo Ming, Max von Sydow ricevette apprezzamenti, mentre non fu apprezzato il protagonista Sam Jones,[senza fonte] che ottenne anche una poco lusinghiera candidatura ai Razzie Awards come peggior attore protagonista e non ebbe in seguito parti altrettanto importanti.

Col passare degli anni, il film è stato rivalutato venendo ricordato come cult del cinema di fantascienza.

Critica[modifica | modifica sorgente]

« Ad oltre quarant'anni di distanza dalle avventure cinematografiche di Buster Crabbe, ritorna sugli schermi il capostipite ed insuperato eroe dei comics di fantascienza creato dalla sfrenata immaginazione di Alex Raymond. Dino De Laurentiis produce e Mike Hodges dirige un film fantasmagorico, abbastanza fedele alle affascinanti atmosfere del celebre fumetto, con tutto il suo improbabile apparato di sfarzosa barbarie tecnologica, marzialità teutonica e crudeltà orientale (erano gli anni del paventato pericolo giallo), oltre ad un rutilante campionario di personaggi e genti umane e semi-umane [...]. Nel superlativo cast appaiono meno convincenti proprio i due protagonisti [...]. Una fiaba semplice e spettacolare, in definitiva, da gustare nel ricordo di un classico intramontabile. »
(Fantafilm[2])

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

La versione Blu-ray è uscita il 15 giugno 2010.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Flash Gordon (1980) - Box office / business
  2. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Flash Gordon in Fantafilm. URL consultato il 30 dicembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]