Flaccovio Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Flaccovio)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando un altro editore, vedi Dario Flaccovio Editore.

Flaccovio editore, casa editrice palermitana fondata da Salvatore Fausto Flaccovio, inizia l'attività nel 1939.

La casa editrice nasce dall'esperienza della libreria Flaccovio, aperta nel 1938 da Salvatore Fausto Flaccovio, con la formula, allora innovativa, della libreria "aperta", in cui cioè era possibile aprire, sfogliare e leggere i libri.
La libreria, in parte adattata anche a galleria d'arte diretta da Lia Pasqualino Noto dal 1938 al 1940, divenne punto d'incontro degli intellettuali palermitani del secondo dopoguerra: Renato Guttuso, Bruno Caruso, Giuseppe Tomasi di Lampedusa[1], etc.

Negli anni cinquanta la casa editrice conferma il suo ruolo nella editoria di cultura con la pubblicazione del trittico sul Duomo di Monreale, di Palermo e sui mosaici di Piazza Armerina. Pubblica inoltre la Storia del Parlamento Italiano e la rivista Sicilia. Nel 1971 pubblica I Beati Paoli, di Luigi Natoli, precedentemente pubblicato a puntate sul Giornale di Sicilia.

Attualmente la casa editrice pubblica le collane:

  • Saggi
  • Album
  • Siciliana
  • Narrazioni
  • Vento della Storia
  • Tascabili Flaccovio
  • Scritture

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Collura, Il Libraio che scoprì Tomasi di Lampedusa in Corriere della Sera, 19 maggio 2000, p. 35. URL consultato il 28 ottobre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria