Fiume Aras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Aras.
Aras
Aras
Stati Turchia Turchia
Armenia Armenia
Azerbaigian Azerbaigian
Iran Iran
Flag of Nagorno-Karabakh.svg Nagorno-Karabakh
Lunghezza 1,072 km
Portata media n,d, m³/s
Bacino idrografico 102.000 km²
Altitudine sorgente 1.097 m s.l.m.
Nasce Bingöl Dağları (Turchia Turchia)
Sfocia Fiume Kura
Mappa del fiume

Il fiume Aras (turco: Aras, armeno: Արաքս, persiano: ارس, azero: Araz, curdo: Aras o Araz; russo: Аракс) scorre alle pendici del monte Ararat, segnando il confine tra Turchia, Armenia, Nagorno Karabakh, Iran e Azerbaijan. Ha una lunghezza di 1.072 km. È conosciuto anche con i nomi di Arax o Araxes.

Corso del fiume[modifica | modifica sorgente]

Un tratto dell'alto corso dell'Aras, non navigabile per via della tortuosità dell'alveo

Il fiume Aras sorge nei pressi di Erzurum in Turchia, confluisce con il fiume Akhurian a sud-est di Digor, scorre lungo il confine turco-armeno e quindi tra Turchia ed enclave azera di Nakhichevan continua quindi lungo i confini Iran-Nakhichevan e Iran-Armenia, quindi Iran-Nagorno Karabakh e di nuovo Iran-Azerbaijan per sfociare infine nel fiume Kura.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'origine del nome Aras risale alla antica Armenia e, stando alla Storia della Grande Armenia di Mosè di Corene, deriva dal nome di Erast, discendente del leggendario patriarca Haik.[1] Più tardi è stato ellenizzato come Araxes. Molte volte è il fiume Volga che viene indicato con tale nome, specialmente in Erodoto, nel primo libro delle Storie.

In tempi moderni l'Aras diventa importante come confine politico. Nei termini dei trattati di Gulistan (1813) e di Turkmenchay (1828) il fiume è stato scelto come confine tra l'Impero russo e l'Impero persiano qajar. Iran e Unione Sovietica hanno costruito una diga comune sull'Aras nell'area di Poldasht.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il Fiume Aras viene citato nella canzone "Holy Mountains" dei System of a Down.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Elisabeth Bauer. Armenia: Past and Present, p. 49. ISBN B0006EXQ9C

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Turchia Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Turchia