Fissazione esterna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Esculaap4.svg Fissazione esterna Esculaap4.svg
Procedura chirurgica External Fixator.JPG
Esempio di fissazione esterna nel trattamento di una frattura del radio
Classificazione e risorse esterne
ICD-9 78.1
MeSH D016267

La fissazione esterna è una procedura ortopedica utilizzata per il trattamento delle fratture ossee nel caso l'applicazione delle garze gessate non possa garantire un buon allineamento dei due monconi ossei[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Seligson , op. cit., pp. 43-49, 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Ricciardi, Il trattamento delle fratture con il fissatore esterno di Hoffmann, Padova, Piccin, 1991. ISBN 88-299-0910-6.
  • David Seligson, Cyril Mauffrey, Craig S. Roberts, External Fixation in Orthopedic Traumatology, Springer, 2012. ISBN 978-1-4471-2199-2.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina