Fish Tank

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fish Tank
Fish Tank (2009) Andrea Arnold.png
Mia, la protagonista.
Titolo originale Fish Tank
Paese di produzione Regno Unito
Anno 2009
Durata 123 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Andrea Arnold
Sceneggiatura Andrea Arnold
Fotografia Robbie Ryan
Montaggio Nicolas Chaudeurge
Scenografia Helen Scott e Christopher Wyatt
Interpreti e personaggi
Premi

Fish Tank è un film del 2009 diretto da Andrea Arnold, vincitore del Premio della giuria del 62º Festival di Cannes[1] e del Premio BAFTA per il miglior film britannico.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia si svolge in Inghilterra. Mia, un'adolescente di 15 anni, vive in un complesso di case popolari dell'Essex con la madre single, Joanne, e la sorella minore, Tyler. Mia è una persona solitaria e non sembra che abbia molti amici. Nella prima scena del film, lei prende in giro un gruppo di ragazze e poi viene alle mani con una di loro, ferendola. La sua unica fonte di fuga è la danza hip-hop, che lei pratica in un appartamento deserto.

Vicino al quartiere, Mia si imbatte in un cavallo malnutrito, legato in una zona appartata. Lei tenta di liberare il cavallo, ma incorre nella rabbia di due dei proprietari. Il terzo di loro, di nome Billy, è più simpatico. Il giorno seguente Billy spiega a Mia che il cavallo è malato e non vivrà a lungo. Alla fine Mia e Billy iniziano un'amicizia.

Joanne ha un nuovo fidanzato, Connor (Michael Fassbender) un affascinante e bell'uomo irlandese che lavora come guardia di sicurezza in un magazzino del luogo. Sebbene Mia sia scontrosa, Connor tenta di essere amichevole e di comportarsi come una figura paterna nei suoi confronti.

Mia e Connor diventano a poco a poco più intimi poiché lui aveva portato Mia nella sua camera quando lei aveva bevuto troppo, dopo un party indetto da Joanne. Il giorno dopo Mia entra in cucina in biancheria intima, e questo infastidisce Joanne. Connor e Joanne decidono di fare un giro in macchina, e Tyler chiede di poter andare con loro. Sebbene Joanne sia molto poco entusiasta, Connor insiste che sia Tyler che Mia debbano andare con loro.

Connor, Joanne, Mia e Tyler quindi si recano in campagna con la macchina. Connor fa conoscere a Mia la sua canzone preferita, la versione di Bobby Womack di California Dreamin', le mostra come prendere un pesce a mani nude, e le chiede di sfoggiare le sue mosse di danza.

Benché Mia provi a sembrare brusca con Connor, lui la intriga, e lei ha voglia di colpirlo. Una notte, lei osserva di nascosto lui e la madre durante un rapporto sessuale, ma Connor in realtà si accorge che lei li sta spiando e le getta delle occhiate acute. Lei torna nella sua stanza sbattendo molto forte la porta, per catturare l'attenzione di Connor.

Una discoteca locale sta cercando ballerine, e Connor incoraggia Mia a fare una domanda di partecipazione, e le presta la sua videocamera per registrare un video per l'audizione. Mia invia il video e le viene richiesto di presentarsi di persona per una performance dal vivo. Una notte molto tardi, dopo che lei e Connor avevano bevuto, lui le chiede di mostrargli il numero che eseguirà in discoteca. Lei balla sulle note di "California Dreamin'", per poi sedersi al fianco di Connor. I due consumano un rapporto sessuale sul divano del salotto mentre Joanne è al piano di sopra, addormentata dopo aver bevuto troppo. In seguito, Connor dice a Mia che il fatto dovrà restare tra loro due, dopodiché ritorna da Joanne.

La mattina seguente, Mia sente la madre piangere. Tyler informa Mia che Connor se ne è andato. Mia segue Connor fino a casa sua a Tilbury e lo affronta. Lui spiega che non può tornare e suggerisce a Mia di non vedersi più. Connor spiega che lui è attratto da Mia ma non si possono più vedere perché lei ha solo 15 anni. Lui l'accompagna alla stazione e le dà dei soldi per il biglietto non prima, però, di averla baciata sulla bocca. Coraggiosa, Mia torna a casa di Connor, e trovandola vuota, sgattaiola dentro da una finestra. Mia scopre che Connor è sposato e, inoltre, ha una figlia piccola di nome Keira. Mia urina sul pavimento del salotto.

Quando Connor e la sua famiglia ritornano, Mia scivola fuori dalla porta di servizio e vede Keira giocare fuori. Lei convince Keira a seguirla e loro due si incamminano nei campi. Arrivano sulle sponde del Tamigi, dove Keira cerca di scappare. Mia spinge Keira, che cade nel fiume ma Mia riesce a salvarla porgendole un tronco al quale aggrapparsi. Mia, piena di rimorso, riporta a casa Keira e scappa via senza essere vista.

Mentre Mia cammina a bordo strada, Connor la raggiunge in macchina, frenando bruscamente. Lei cerca di correre via ma lui la raggiunge e le dà una schiaffo. Lei cade a terra e Connor ritorna alla sua macchina.

Mia partecipa all'audizione, ma scopre che gli organizzatori stavano cercando delle ballerine erotiche, e non ballerine hip-hop in pantaloni larghi. Mia prova ad esibirsi ma abbandona il palco dopo che la musica inizia. Va a trovare Billy e scopre che il cavallo è morto. Mia scoppia a piangere. Billy le dice che sta per andare a Cardiff, e la invita ad accompagnarlo.

Mia è d'accordo e prepara le borse. Nel salotto, Joanne è quasi in uno stato di trance mentre balla sulle note del cd di Nas di Mia. Mia informa la madre che sta andando via e Joanne reagisce appena alla notizia ed è d'accordo dicendo che sia meglio che vada. Mia, Joanne e Tyler ballano la canzone "Life's a Bitch and Then You Die". Fuori, Mia abbraccia Tyler salutandola ("Ti odio", "Ti odio anch'io"), sale nella macchina di Billy e si allontana verso una nuova vita altrove.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Katie Jarvis che interpreta Mia, non ha precedenti esperienze da attrice; è stata presa per il ruolo dopo che uno degli assistenti di Andrea Arnold la vide mentre discuteva con il suo fidanzato nella stazione di Tilbury, la stessa stazione che compare nel film.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Awards 2009, festival-cannes.fr. URL consultato il 19 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema