Firefox - Volpe di fuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Firefox - Volpe di fuoco
Firefox volpe di fuoco.png
Clint Eastwood in una scena del film
Titolo originale Firefox
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1982
Durata 136 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, spionaggio
Regia Clint Eastwood
Soggetto Craig Thomas
Sceneggiatura Alex Lasker, Wendell Wellman
Produttore Clint Eastwood
Fotografia Bruce Surtees
Montaggio Ron Spang, Ferris Webster
Effetti speciali Chuck Gaspar
Musiche Maurice Jarre
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Firefox - Volpe di fuoco è un film del 1982 diretto e prodotto da Clint Eastwood, che ne è anche l'attore protagonista. La trama è ispirata da un romanzo di Craig Thomas.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il Maggiore dell'USAF Mitchell Gant, un veterano della guerra del Vietnam, è incaricato di rubare un avanzatissimo prototipo di caccia sovietico, il MiG-31 Firefox, capace di velocità fino a Mach 5, invisibile ai radar e dotato di potentissime armi che possono essere controllate dal pilota attraverso l'uso di una speciale interfaccia mentale con la sola forza del pensiero. Aiutato dalla sua conoscenza del russo e da una rete di dissidenti e simpatizzanti, Gant riesce a infiltrarsi nell'Unione Sovietica e a raggiungere l'immaginaria base aerea di Bilyarsk, dove si trovano i due prototipi del Firefox. Il suo compito è quello di rubarne uno e portarlo negli Stati Uniti perché possa essere studiato ed esaminato. Ma il KGB è già sulle sue tracce...

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il MiG-31 Firefox[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica principale del MiG-31 cinematografico è la velocità. In un momento in cui gli aerei statunitensi non possono superare Mach 3, il Firefox è in grado di raggiungere la velocità di Mach 5 (una velocità simile non è mai stata raggiunta da nessun aeroplano), ed era progettato per poter intercettare l'XB-70 Valkyrie.

Un'altra caratteristica interessante del Firefox è un sistema d'arma controllato dal pensiero del pilota attraverso un'interfaccia mentale; sensori nel casco del pilota rilevano i suoi impulsi neurali e trasmettono i comandi all'aereo. Così il pilota può lanciare i missili senza premere un bottone, nel momento stesso in cui identifica un nemico gli sta già lanciando un missile. Il difetto del sistema è che il comando va pensato in russo, la lingua per la quale il sistema è stato progettato.

Il Firefox è anche un velivolo con caratteristiche stealth. Non identificato dai radar, il Firefox può essere tracciato solo per via del calore generato dai suoi due potenti motori a reazione (stime effettuate dagli appassionati attribuiscono ai motori una spinta di 50 mila libbre ciascuno, equivalenti a 222.411 newton). Per ovviare a questo problema, il Firefox è dotato di contromisure, i flare o bengala, per neutralizzare i missili a ricerca termica che potevano puntare agli ugelli in coda.

L'armamento del Firefox è completato da due cannoni da 23 mm.

Alcune considerazioni sono citate in GlobalSecurity.org.[1]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il vero MiG-31 Foxhound è quasi identico al MiG-25, ma completamente diverso dal MiG-31 del film. L'impressionante versione cinematografica (simile vagamente ad un modello in scala ridotta dell'XB-70) è stata creata appositamente. Una terza versione dell'aereo, mostrata sulla copertina giapponese del seguito del romanzo, Firefox Down, presenta un caccia simile al MiG-29.
  • Nel film compaiono due veterani del cinema di fantascienza anni '50 (del resto anche Eastwood aveva debuttato in due film di quel filone, Tarantola e La vendetta del mostro): Richard Derr, qui nel ruolo dell'ammiraglio Curtin, era stato protagonista del catastrofico Quando i mondi si scontrano (1951), mentre Stefan Schnabel aveva interpretato una parte molto simile a quella che riveste nel presente Firefox nel discusso I 27 giorni del pianeta Sigma (1957).
  • Subito dopo il rifornimento del Firefox da parte del sommergibile americano, questo viene raggiunto da due elicotteri sovietici Mi-24 in una delle loro prime versioni con cabina di comando più convenzionale rispetto alla più famosa disposizione in tandem dell'equipaggio che ebbe dalla versione Hind-D in poi. Curiosamente, dalle riprese in primo piano dei due componenti dell'equipaggio si può notare che per tali sequenze è stato utilizzato l'elicottero Tuono Blu, protagonista di un altro film di successo del genere, l'omonimo Tuono blu.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) John Pike, MiG 31 Firefox in GlobalSecurity.org, http://www.globalsecurity.org. URL consultato l'8 mag 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema