Finnjet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Finnjet
Da Vinci
Kingdom
Il "Finnjet" in arrivo ad Helsinki, primavera 2004
Il "Finnjet" in arrivo ad Helsinki, primavera 2004
Descrizione generale
Flag of Finland.svg Flag of the Bahamas.svg Flag of Panama.svg
Tipo traghetto
Ordinata 5 dicembre 1973[1]
Costruttori Wärtsilä[1]
Cantiere Helsinki, Finlandia Finlandia[1]
Impostata 20 maggio 1975[1]
Varata 28 marzo 1976[1]
Entrata in servizio 15 maggio 1977[1]
Destino finale demolita ad Alang (India) nel 2008[1]
Caratteristiche generali
Dislocamento 16.747,5[2]
Stazza lorda 32.975[2] tsl
Portata lorda 2.728[2] tpl
Lunghezza 212,96[1] m
Larghezza 24,45[1] m
Pescaggio 6,5[1] m
Propulsione 2 turbine a gas Pratt&Whitney FT 4C-1 DLF, 55.000 kW; dopo il 1981, furono aggiunti due motori diesel Wärtsilä Vasa18V32, per una potenza totale di 69.400 kW[1]
Velocità 30,5 (servizio, turbine); 18,5 (servizio, solo diesel); 33,4 (massima, raggiunta durante dei test nel 1994)[1][3] nodi
Capacità di carico 325 autovetture, 50 semirimorchi[2]
Numero di cabine 533[2]
Equipaggio 178[2]
Passeggeri 1.781[2]

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Il Finnjet era una nave traghetto costruita nel 1977 per la Finnlines, allora di proprietà del colosso finlandese Enso-Gutzeit. Al momento della costruzione era la più grande e veloce nave traghetto mai realizzata[4].

Servizio[modifica | modifica sorgente]

Finnlines (1977 - 1982)[modifica | modifica sorgente]

Il Finnjet fu commissionato nel 1973 ai cantieri Wärtsilä di Helsinki dalla Finnlines, compagnia di navigazione controllata dal gigante finlandese Enso-Gutzeit. Varato nel 1976, al momento dell'entrata in servizio sul collegamento tra Helsinki e Travemünde il Finnjet era il più grande e veloce traghetto passeggeri mai costruito, tanto da tagliare i tempi di percorrenza sulla sua rotta da 36 ore a circa 22. Il Finnjet era anche caratterizzato da una particolare attenzione al comfort dei passeggeri, tanto da poter essere definito il primo vero e proprio cruise ferry al mondo. A riconferma di ciò, nella stagione invernale fu anche utilizzato per compiere brevi crociere nel Baltico, di durata di poco superiore alle 24 ore, per tutto il periodo del suo impiego[5].

Il Finnjet era inoltre l'unico traghetto al mondo spinto da turbine a gas, anche se questa soluzione si rivelò presto antieconomica, specie durante il periodo di bassa stagione. Nel 1981 fu quindi dotato di due motori Diesel Wärtsilä, che venivano azionati alternativamente alle turbine, permettendo un risparmio di carburante ma riducendo la velocità della nave a 18,5 nodi.

Finnjet Line/Silja Line (1987 - 2005)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1982 la Enso-Gudzeit formò insieme alla Effoa (società che controllava la Silja Line) una compagnia di navigazione appositamente per il Finnjet, denominandola Finnjet Line. Nel 1986 la proprietà del traghetto passò definitivamente alla Effoa e nel 1987 la nave cominciò ad operare con i colori della Silja Line. Nel 1994 la nave fu ristrutturata con un nuovo impianto di trasmissione, che permise un leggero aumento della velocità massima, salita a 33,4 nodi (registrati in un test)[3]. Nel settembre dello stesso anno il traghetto partecipò ai soccorsi ai naufraghi dell‘Estonia, ottenendo il permesso di allontanarsi dal luogo dell'incidente dopo poche ore, in quanto il mare mosso la rendeva pericolosamente instabile[6].

Nel 1999 il porto di approdo in Germania fu spostato a Rostock, mentre d'inverno la nave fu impiegata stabilmente, in questi anni, per crociere tra Helsinki e Tallinn. Nel 2004 il Finnjet fu spostato sul collegamento tra Rostock e San Pietroburgo, rotta sulla quale fu impiegato anche l'anno successivo. Tuttavia, nel frattempo, la Silja Line stava incontrando difficoltà economiche via via maggiori e questo portò a pianificare l'uscita di servizio del traghetto, considerato antieconomico.

Ultimi anni (2005-2008)[modifica | modifica sorgente]

Il Finnjet ormeggiato in Louisiana, 2006

Nel settembre 2005 il Finnjet fu noleggiato, venendo utilizzato come nave d'appoggio per gli studenti del Louisiana State University Health Sciences Center di New Orleans fino a giugno 2006. La nave rimase poi disarmata a Freeport, nelle Bahamas, fino al novembre 2007, quando fu definitivamente venduta alla Club Cruises, con l'intenzione di trasformarlo in nave da crociera. Rinominato Da Vinci, il traghetto lasciò Freeport nel gennaio 2008, arrivando a Genova, dove i lavori di conversione avrebbero dovuto essere svolti; tuttavia, questo progetto fu accantonato per difficoltà economiche della compagnia di navigazione. Dopo diversi mesi di speculazioni, nonostante diversi tentativi di salvarla, la nave fu venduta per la demolizione, venendo rinominata Kingdom e arrivando ad Alang, in India, nel settembre 2008.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l (SV) Micke Asklander, GTS Finnjet (1977) in Fakta om Fartyg. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  2. ^ a b c d e f g (EN) Mathias Saken, The extensive technical and further data of GTS Finnjet in Finnjetwe.com. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  3. ^ a b (EN) Mathias Saken, Finnjet's speed in Finnjetwe.com. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  4. ^ (EN) Mathias Saken, Finnjetweb.com - Home. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  5. ^ (EN) Mathias Saken, Finnjet Chronicle 24-hours-cruises. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  6. ^ (EN) Joint Accident Investigation Commission, Chapter 7.5 - The rescue operation in Final report on the MV ESTONIA disaster of 28 September 1994. URL consultato il 16 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]