Finn Olav Gundelach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Finn Olav Gundelach
Bundesarchiv B 145 Bild-F057701-0015, Berlin, Grüne Woche.jpg

Commissario europeo per il Mercato Interno e l'Unione Doganale
Durata mandato 6 gennaio 1973 –
6 gennaio 1977
Presidente François-Xavier Ortoli
Predecessore Wilhelm Haferkamp (Mercato interno)
Altiero Spinelli (Unione doganale)
Successore Étienne Davignon

Commissario europeo per l'Agricoltura e la Pesca
Durata mandato 6 gennaio 1977 –
13 gennaio 1981
Presidente Roy Jenkins
Gaston Thorn
Predecessore Pierre Lardinois
Successore Poul Dalsager

Finn Olav Gundelach (Vejle, 23 aprile 1925Strasburgo, 13 gennaio 1981) è stato un diplomatico e politico danese. È stato ambasciatore, vice direttore generale del GATT e commissario europeo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Estrazione e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gundelach era figlio di un insegnante[1]. Studiò economia a Vejle ed Aarhus[1]. Durante gli studi si impegnò notevolmente nella politica studentesca e divenne vicepresidente dell'associazione studentesca nazionale[1].

Carriera diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953 Gundelach entrò nel servizio diplomatico danese e fu nominato capo di sezione al ministero degli esteri[1]. Nel 1955 venne nominato rappresentante permanente della Danimarca presso l'ufficio delle Nazioni Unite per l'Europa a Ginevra[2].

Direttore del GATT[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1959 Gundelach fu nominato direttore del dipartimento per la politica commerciale del GATT[2]. Nel 1961 fu promosso assistente segretario, nel 1962 vice segretario e nel 1965 vice direttore generale del GATT[2]. Ebbe un ruolo particolarmente importante nei negoziati del Kennedy Round per la riduzione delle tariffe doganali[1].

Commissario europeo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967 Gundelach fu nominato ambasciatore della Danimarca presso le Comunità europee e negli anni successivi seguì da vicino i negoziati per l'ingresso del suo paese nelle Comunità[1].

Dopo l'ingresso della Danimarca nelle Comunità europee avvenuto nel 1973 Gundelach fu nominato commissario europeo. Entrò a far parte della Commissione Ortoli il 6 gennaio 1973 e ricevette la delega al mercato interno e all'unione doganale[3]. Gundelach fece parte anche della successiva Commissione Jenkins tra il gennaio 1977 ed il gennaio 1981, in cui fu vicepresidente e commissario per l'agricoltura e la pesca[3]. Come commissario per l'agricoltura Gundelach propose misure per limitare la sovrapproduzione di latte[3]. Fu riconfermato nell'incarico nella successiva Commissione Thorn, ma morì improvvisamente una settimana dopo l'inizio del mandato.

Gundelach è stato considerato come il danese più influente a livello globale durante gli anni Settanta[2]. Fu un sostenitore convinto dell'integrazione europea, anche se rimase scettico sulla retorica europeista e sui progetti utopici di rafforzamento dell'integrazione[2]. Politicamente Gundelach era vicino ai socialdemocratici, ma rimase attento a dialogare con le diverse realtà politiche[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (DE) Finn Olav Gundelach, Munzinger. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  2. ^ a b c d e f (DA) Finn Gundelach, Den Store Danske. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  3. ^ a b c (NL) Finn Olav Gundelach, Europa.nu. URL consultato il 29 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Commissario europeo per il Mercato Interno e l'Unione Doganale Successore Flag of Europe.svg
Wilhelm Haferkamp (Mercato interno)
Altiero Spinelli (Unione doganale)
6 gennaio 1973 -6 gennaio 1977 Étienne Davignon
Predecessore Commissario europeo per l'Agricoltura e la Pesca Successore Flag of Europe.svg
Pierre Lardinois 6 gennaio 1977 -13 gennaio 1981 Poul Dalsager
Predecessore Commissario europeo della Danimarca Successore Flag of Denmark.svg
- 6 gennaio 1973 -13 gennaio 1981 Poul Dalsager

Controllo di autorità VIAF: 5483320