Filistione di Locri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filistione di Locri (Locri, ... – ...) è stato un medico greco antico.

Vissuto nel IV secolo a.C., fu il principale esponente della scuola medica siceliota, esercitando la medicina anche alla corte di Dionisio II di Siracusa. Secondo Callimaco fu maestro di Eudosso di Cnido[1].

Le sue concezioni fisiologiche erano basate sui quattro principi del caldo, freddo, secco e umido, che associava ai quattro elementi di Empedocle: fuoco, aria, terra e acqua.

Già alcuni critici antichi gli attribuivano due trattati di dietetica inseriti nel corpus ippocratico: il De salubri victus ratione e il De victus ratione. Secondo Ateneo [2]scrisse anche un Manuale di cucina.

Oribasio gli attribuisce l'invenzione di una macchina per ridurre le lussazioni degli arti[3].

Edizione dei frammenti[modifica | modifica sorgente]

M. Wellmann, Die Fragmente d. Sikelischen Ärzte (1901).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'informazione è riferita in Diogene Laerzio, Vitae philosophorum, §86.
  2. ^ Ateneo, Deipnosophistae, 516c.
  3. ^ Oribasio, De machinam., c. iv, p. 164.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology", s.v.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]