Filippo di Crotone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filippo di Crotone, detto il Bello[1] (Crotone, VI secolo a.C.Crotone, ...), è stato un atleta greco antico, cittadino di Crotone e figlio di Butacide.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver sposato la figlia di Telide, re dello stato rivale di Sibari, e dovendo di conseguenza lasciare il suo paese, s'imbarcò per Cirene; e quando Dorieo, principe spartano, figlio di Anassandrida II, partì alla volta delle coste libiche nella sua spedizione siciliana, Filippo lo accompagnò con una cambusa attrezzata ed equipaggiata a proprie spese.

Venne ucciso durante una battaglia in Sicilia fra Cartaginesi e Segesti. È stato il più grande uomo del suo tempo e un vincitore ad Olimpia, e in virtù delle sue vittorie i Segesti lo venerarono dopo la sua morte come se fosse un eroe.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Angelo Vaccaro, Kroton, vol. I, Cosenza, MIT, 1966, p. 150

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dictionary of Greek and Roman Biography and Mithology

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]