Filippo Maria Bressan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filippo Maria Bressan (1957) è un direttore d'orchestra e di coro italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha diretto e ha collaborato con l'Orchestra e il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, l'Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice di Venezia, l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino, l'Orchestra della Toscana e altre. Ospite regolare delle principali società concertistiche e dei maggiori festival italiani di musica antica, sinfonica e contemporanea (Accademia Musicale Chigiana, Festival Monteverdi di Cremona, MITO SettembreMusica, Biennale di Venezia e molti altri) ha lavorato al fianco di Claudio Abbado, Frans Brüggen, Myung-Whun Chung, Carlo Maria Giulini, Eliahu Inbal, Neeme Järvi, Peter Maag, Lorin Maazel, George Prêtre, Mstislav Leopol'dovič Rostropovič, Giuseppe Sinopoli, Jeffrey Tate, Luciano Berio, Arvo Pärt e Roman Vlad.

È stato allievo a Vienna di Karl Österreicher, perfezionatosi con Sir J. E. Gardiner e Ferdinand Leitner e quindi assistente di Jurgen Jürgens. Dal 2000 al 2002 è stato direttore del Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, dove ancora è regolarmente invitato a dirigere. Bressan ha diretto realtà corali prestigiose anche all’estero, come il World Youth Choir (la tournée belga nel 2005) ed il Coro Giovanile Italiano (diretto dal 2003 al 2005).

Ha diretto all’Opéra Royal de Wallonie-Liége Paride ed Elena di C.W. Gluck, dopo averla portata al Teatro Verdi di Pisa, al Teatro Goldoni di Livorno e al Teatro del Giglio di Lucca. Ha presentato in prima esecuzione moderna i Vespri di Natale di Baldassare Galuppi (diretti nel dicembre 2006 nella Basilica di San Marco a Venezia con l’Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice) ed Ifigenia in Tauride (diretta al Teatro Goldoni di Venezia). Ha diretto anche opere di Giovanni Paisiello (Il mondo della luna, Teatro Verdi di Trieste), Gioachino Rossini (Semiramide, Teatri di Pisa, Livorno, Rovigo e Trento), Georg Friedrich Händel (Alcina, Teatro Verdi di Trieste), Christoph Willibald Gluck (Orfeo ed Euridice, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Verdi di Padova), Wolfgang Amadeus Mozart (Don Giovanni, Teatro Filarmonico di Verona).

In ambito sinfonico ha diretto molte orchestre italiane, con un repertorio che spazia dalle ouverture di Johann Sebastian Bach a Rendering di Luciano Berio, collaborando con solisti quali G. Andaloro, A. Ballista, P.Berman, R. Buchbinder, M. Campanella, Bruno Canino, Giuliano Carmignola, G. Cassone, B. De Simone, Benedetto Lupo, Sara Mingardo, duo Pepicelli, Michail Pletnëv, Roberto Prosseda, C. Sampson. Direttore stabile dell’ Orchestra Sinfonica di Savona, è stato direttore principale dell’Academia de li Musici ed ha fondato Athestis Chorus & Orchestra – complessi impegnati nell’esecuzione della musica barocca avvalendosi di testi autentici e strumenti d'epoca – e quindi l’ensemble coro & orchestra Voxonus.

Ha registrato diverse prime esecuzioni assolute e concerti dal vivo per la Rai e per le radiotelevisioni austriaca, francese, slovena e brasiliana. Ha inciso per Decca Records, Deutsche Grammophon, EMI, Virgin Classics; con Chandos Records ha pubblicato 4 cofanetti (Arianna e Requiem di Benedetto Giacomo Marcello, Messa per San Marco di Baldassare Galuppi e La Resurrezione di Lazzaro di Antonio Calegari). Dal 2006 è membro del comitato scientifico della Fondazione Gioachino Rossini di Pesaro.