Filippo I d'Angiò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Monarca}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Sigillo di Filippo I di Taranto.

Filippo I d'Angiò (10 novembre 1278Napoli, 23 dicembre 1332) fu principe di Taranto, despota dell'Epiro, principe d'Acaia ed imperatore titolare di Costantinopoli. Discendente dalla famiglia d'Angiò, fu figlio del re di Napoli Carlo II e di Maria d'Ungheria, figlia del re Stefano V.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Principe di Taranto e Acaia[modifica | modifica wikitesto]

Armi di Filippo d'Angiò, Principe di Taranto. Le armi di Filippo sono quelle di suo padre Carlo II d'Angiò con una banda di argento.

Il 4 febbraio 1294, il padre lo nominò Principe di Taranto ad Aix-en-Provence, mentre il 12 luglio lo elevò a Vicario-Generale del Regno di Sicilia. Questi onori erano il preludio al piano di Carlo di conferire a Filippo un impero a oriente del mare Adriatico. Lo stesso 12 luglio Filippo sposò per procura Thamar Angela Comnena Ducena (1277 – 1311), figlia di Niceforo I despota d'Epiro e di Anna Cantacuzena: minacciato dall'Impero bizantino, Niceforo aveva deciso di rivolgersi agli Angiò e acconsentì al matrimonio di Tamara e Filippo. Il matrimonio fu confermato, con i due sposi presenti di persona, il 13 agosto a L'Aquila. In questa occasione Carlo cedette a Filippo il Regno di Albania, la signoria del Principato d'Acaia e tutti i suoi diritti sull'Impero latino e la Signoria della Vlachia. Come dote della figlia, Niceforo concesse al genero le fortezze di Vonitsa, Vrachova, Argirocastro e Naupatto (in Etolia); dichiarò infine che alla sua morte sarebbe stato succeduto dalla figlia, invece che dal figlio Tommaso I Comneno Duca.

Alla morte di Niceforo (1297), Filippo assunse il titolo di Despota della Romania, rivendicando l'Epiro, l'Etolia, l'Acarnania e la Valacchia; però la moglie di Niceforo, Anna Cantacuzena, fece proclamare Tommaso Despota di Epiro e ne assunse la reggenza.

In Sicilia gli Angiò dovevano fronteggiare la ribellione locale, un evento noto come Vespri siciliani. In qualità di Vicario Generale della Sicilia, Filippo sbarcò sull'isola con un esercito, ma nel 1299 fu sconfitto da Federico III di Aragona nella battaglia di Falconara e tenuto prigioniero a Cefalù fino alla stipula della pace di Caltabellotta, nel 1302.

Nel 1306 Filippo I di Savoia-Acaia e Isabella di Villehardouin, Principe e Principessa d'Acaia, furono convocati a Napoli alla corte di Carlo, il quale in questa occasione accusò Filippo di slealtà per non aver aiutato Carlo nella campagna contro l'Epiro; e, poiché Isabella non aveva chiesto il permesso di Carlo, di cui era vassalla, per sposare Filippo di Savoia, Carlo privò i due del loro dominio e conferì il principato d'Acaia a suo figlio Filippo di Taranto (5 maggio 1306). Filippo si recò per la prima e ultima volta in visita al suo principato poco dopo, accettando l'omaggio dei suoi vassalli a Glarentza e conducendo senza successo una campagna contro il Despotato di Epiro. Lasciò poi Guido II, Duca di Atene, come suo balivo in Acaia. L'11 maggio 1307 Filippo di Savoia rinunciò alle sue pretese sull'Acaia in cambio della Contea di Alba.

Imperatore latino[modifica | modifica wikitesto]

Armi di Filippo d'Angiò dopo il suo matrimonio con Caterina di Valois e l'acquisizione del titolo di Imperatore di Costantinopoli. Le nuove armi sono un partito delle vecchie armi e delle armi degli imperatori latini di Costantinopoli.

Nel 1309 ripudiò Tamara con l'accusa, probabilmente fabbricata, di adulterio, e fu quindi libero di prendere parte ad un complesso insieme di matrimoni. Caterina II di Valois-Curtenay, Imperatrice latina titolare, era stata promessa in sposa a Ugo V di Borgogna, Re titolare di Tessalonica. Il loro fidanzamento fu sciolto e Filippo sposò Caterina il 29 luglio 1313 a Fontainebleau; in cambio, le terre materne della sposa, il Courtenay, e altre sue proprietà sul continente furono cedute alla sorella di Ugo, Giovanna, che sposò il fratellastro di Caterina, Filippo di Valois, e Ugo V fu fidanzato a Giovanna, poi contessa di Borgogna e Artois. Filippo d'Angiò cedette l'Acaia, sulla quale mantenne la signoria, a Matilde di Hainault, che sposò il fratello di Ugo, Luigi di Borgogna, lo stesso giorno del matrimonio di Filippo e Caterina. La donazione di Filippo a Matilde era molto limitata, in quanto in caso di morte senza eredi, il principato sarebbe tornato alla casa di Borgogna, mentre Matilde ne avrebbe goduto l'usufrutto a vita, senza potersi risposare senza il permesso del suo signore. A completare la separazione tra le rivendicazioni d'Occidente da quelle d'Oriente, Ugo cedette i diritti su Tessalonica a Luigi, il quale a sua volta rinunciò ai propri diritti sull'eredità dei suoi genitori in favore di Ugo. Infine, il figlio maggiore di Filippo, Carlo, ruppe il proprio fidanzamento con Matilde di Hainault e si fidanzò con Giovanna di Valois, sorella minore di Caterina, ricevendo dal proprio padre il titolo di Despota di Romania e le rivendicazioni connesse.

Nel 1315 fu inviato con un esercito dal fratello Roberto d'Angiò a sostenere i Fiorentini, minacciati dai Pisani guidati da Uguccione della Faggiuola, ma l'esercito fiorentino-napoletano fu gravemente sconfitto nella battaglia di Montecatini (29 agosto), in cui persero la vita il fratello minore di Filippo, Pietro "Tempesta", e Carlo di Acaia.

La morte senza eredi di Luigi di Borgogna nel 1316 scombinò i piani degli Angioini per l'Acaia. Matilda fu invitata a sposare Giovanni di Gravina, fratello minore di Filippo, dal re Roberto d'Angiò; quando rifiutò, Matilda fu rapita e portata a Napoli e, dopo lunghi tentativi di persuasione e minacce, fu obbligata a sposarsi nel 1318, mentre nel frattembo Federico Trogiso fu inviato in Acaia come nuovo balivo. Nel 1320, Oddone IV di Borgogna accettò, dopo aver protestato a lungo, di vendere i propri diritti sull'Acaia e Tessalonica al conte Luigi di Clermont per 40.000 lire, ma Filippo, finanziato da Filippo V di Francia, ricomprò questi diritti per la stessa somma nel 1321.

Nel frattempo la recalcitrante Matilde di Hainault fu portata alla corte papale di Avignone, dove rivelò di aver sposato in segreto il cavaliere burgundo Ugo de La Palice: il suo matrimonio con Giovanni fu annullato in quanto non consumato, ma il matrimonio segreto permise agli Angioini di confiscarle l'Acaia e di concederlo a Giovanni di Gravina, in cambio di 40.000 lire, il prezzo pagato dal Duca di Borgogna. Matilda fu tenuta prigioniera fino alla morte, per evitare che avanzasse pretese sull'Acaia.

Filippo continuò a progettare il recupero dell'Impero latino, alleandosi nel 1318 col nipote Carlo Roberto d'Angiò, re di Ungheria, ma senza successo. Nel 1330 l'ultimo dei suoi figli dal primo matrimonio morì, e il titolo di Despota di Romania tornò nelle sue mani. Tutti i suoi titoli e tutti i suoi diritti passarono al figlio maggiore di secondo letto, Roberto di Taranto, alla sua morte, avvenuta due anni dopo.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

I figli avuti dal suo matrimonio con Thamar Angela Comnena Ducena (ripudiata nel 1309) furono:

I figli avuti dal suo matrimonio con Caterina di Valois furono:

Predecessore Principe di Taranto
Signore del Regno d'Albania
Successore Armoiries Anjou Tarente.svg
Carlo II d'Angiò 1294-1332 Roberto di Taranto
Predecessore Principe d'Acaia Successore Armoiries Achaïe.svg
Isabella di Villehardouin 1307-1313 Matilde di Hainaut
Predecessore Imperatore titolare dell'Impero latino Successore Blason Empire Latin de Constantinople.svg
Caterina II di Valois 1313-1332
con Caterina II di Valois
Caterina II di Valois