Filippo (diacono)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Filippo diacono
San Filippo diacono
San Filippo diacono

Diacono

Nascita I secolo
Morte I secolo
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 11 ottobre

Filippo era uno dei sette diaconi scelti dopo la Pentecoste affinché si prendessero cura delle vedove e dei poveri, consacrati dagli apostoli con l'imposizione delle mani.

Dopo il martirio di Stefano, Filippo evangelizzò la Samaria, con grande successo, e perciò fu chiamato l'evangelista. In particolare, convertì Simon mago.

Spinto da un angelo del Signore sulla strada di Gerusalemme a Gaza, vi incontrò un Etiope, eunuco della regina Candace che strada facendo leggeva il poema del profeta Isaia sul Servo sofferente del Signore. Filippo spiegò all'Etiope che la profezia riguardava Gesù: l'eunuco si convertì e ricevette subito il battesimo.

Proseguendo nel suo viaggio, Filippo predicò ad Azoto (oggi Ashdod), prima di stabilirsi a Cesarea Marittima.

Intorno all'anno 58, Paolo e Luca, alla fine del terzo viaggio missionario, gli fecero visita: egli aveva quattro figli e vergini che profetavano. È forse a casa sua che ebbe luogo l'incidente di Agabo. La tradizione fa del diacono Filippo il vescovo di Lidia.

La tradizione lo dice morto a Cesarea marittima. È celebrato dalla Chiesa cattolica l'11 ottobre.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]