Filarmonica Sestrese C. Corradi G. Secondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'orchestra di fiati al Teatro Carlo Felice di Genova e al Teatro Verdi di Sestri Ponente.

La Filarmonica Sestrese - Casimiro Corradi Ghio Secondo è un'associazione musicale di volontariato Onlus.

Storia in breve[modifica | modifica sorgente]

Fu fondata il 27 maggio 1845 dall'allora Comune di Sestri Ponente (Genova) come scuola di musica, "con lo scopo principale di dare un'utile distrazione a tanta numerosa gioventù". Ai primi di gennaio del 1846 iniziò l'attività scolastica, il suo primo insegnante di musica fu il Maestro Leonardo Corradi. Il 10 dicembre 1847 a Oregina, sulle alture di Genova, nel corso per la rievocazione patriottica della rivolta genovese contro gli Austriaci (il famoso episodio del Balilla), il giovane Goffredo Mameli presentò ai numerosi convenuti il suo "canto per gli italiani", intitolato "Fratelli d'Italia", musicato da Novaro.

La banda musicale sestrese, nata dalla scuola filarmonica, eseguì per la prima volta in pubblico quell'inno patriottico, meritandosi una bandiera tricolore donata dal Conte Faraggiana. In seguito, la banda, diventata comunale, fu protagonista di altre vicende del Risorgimento, aiutò la raccolta di fondi per Garibaldi, organizzando concerti di beneficenza. I garibaldini, in procinto di salpare da Quarto, il 4 maggio 1860 vollero donare alla banda di Sestri un altro tricolore, diventato poi il vessillo ufficiale dell'associazione musicale.

Il 17 marzo 1872, la banda comunale di Sestri Ponente accompagnò la salma di Mazzini al cimitero di Staglieno e presenziò all'inaugurazione del monumento al grande politico genovese in Piazza Corvetto, il 5 settembre 1880. Dopo la morte del suo indimenticato Maestro Casimiro Corradi, avvenuto il 17 novembre 1905, ne assunse il nome e, nel corso dei successivi quarant'anni, la banda Casimiro Corradi fu protagonista della vita sociale e culturale cittadina e nazionale. Partecipò a numerosi concorsi nazionali e internazionali e presenziò a tutte le manifestazioni politiche e religiose che si svolsero nella città. Nel 1945 festeggiò il suo primo secolo di vita, con un grandioso concerto pubblico e il 24 luglio di due anni dopo, si unì all'altra formazione musicale sestrese, la Ghio Secondo, assumendo il nome di "Filarmonica Sestrese - C. Corradi G. Secondo", nome che tuttora mantiene.

Nell 1980 la banda fu gradualmente trasformata in una grande Orchestra di Fiati e Percussioni, introducendo nel repertorio anche colonne sonore di film, brani jazz e sudamericani, oltre a nuove composizioni per Orchestra di Fiati. Il 12 ottobre 1992 ha presenziato alle celebrazioni per il 500° della scoperta dell'America a Washington, su invito dell'Associazione "I Cavalieri di Colombo", alla presenza dell'ambasciatore italiano.

I concerti più importanti[modifica | modifica sorgente]

Durante i suoi 165 anni di ininterrotta attività, ha eseguito concerti in molte regioni d'Italia: Liguria, Piemonte, Val D'Aosta, Lombardia, Veneto, Friuli - Venezia Giulia, Emilia - Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Calabria e Sicilia. Ha suonato alla presenza di regnanti e in onore di tre Presidenti della Repubblica, Pertini, Cossiga e di Scalfaro al Quirinale, nonché di Papa Giovanni Paolo II, durante le Sue visite a Genova e a San Pietro. Ha partecipato a spettacoli televisivi e teatrali, tra i quali Ulisse e la balena bianca, di e con Vittorio Gassman, con le musiche di Nicola Piovani.

Le trasferte all'estero[modifica | modifica sorgente]

Sono molte le trasferte effettuate all'estero dalla Filarmonica Sestrese. Finora, sono state dieci le nazioni ove si è esibita: Belgio, Francia, Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Spagna, Stati Uniti d'America, Svizzera e Ungheria.

Altre iniziative[modifica | modifica sorgente]

In campo editoriale, ha pubblicato tre libri e, dal 1977,stampa un proprio notiziario culturale, "Musica in Piazza", inviato gratuitamente ai soci. Ha sinora inciso sette Compact Disc. Nel 1999 ha aperto nella sua sede il "Museo Storico Permanente", ove sono conservati spartiti e strumenti musicali antichi, premi, diplomi, nonché foto con dedica autografa di Garibaldi, Pietro Mascagni, Francesco Cilea, Ennio Morricone, Nicola Piovani, Danny Elfman e di altri compositori o famosi musicisti. Dal 1996 organizza il Festival Bandistico "Città di Genova" e, dal 2004, dà vita all'International Music Festival, con cadenza biennale, al quale sono invitate formazioni musicali provenienti da tutto il mondo.

La Scuola di Musica e l'Orchestra di Fiati[modifica | modifica sorgente]

Nella sua scuola di musica sono oggi iscritti più di 250 allievi di strumenti a fiato, percussione, pianoforte e chitarra, con corsi baby per i più piccoli. L'Orchestra è formata da 60 elementi, quasi tutti provenienti dalla scuola di musica, con una media di 25 anni di età.

Oltre all'attività culturale, la Filarmonica Sestrese è molto attiva nel campo della solidarietà.

Sostiene e collabora concretamente da anni con le grandi organizzazioni umanitarie come l'UNICEF, di cui è ambasciatrice, e l'UNHCR.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1998 - Concerto dell'Orchestra di fiati della Filarmonica Sestrese
  • 2001 - Millennium Filarmonica
  • 2002 - Concerto Verdiano
  • 2004 - Genova 2004 International Music
  • 2008 - Live in Genova
  • 2010 - Centosessantacinque
  • 2011 - Fratelli d'Italia - Genova, città dell'Inno

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Sono tre le pubblicazioni editoriali che raccontano, da un punto di vista storico-culturale, la vita della Filarmonica Sestrese dall'anno di fondazione ad oggi:

  • 1899 - Francesco Gerolamo Orelli - Secondo Orfeo Pizzorno - La banda Civica di Sestri Ponente attraverso mezzo secolo.
  • 1985 - Tito Tuvo - Storia della Filarmonica Sestrese, nel 140º anno di fondazione.
  • 2008 - Mario Carboni - La Filarmonica Sestrese Attraverso tre secoli di storia, cultura e solidarietà.

I tre libri sono stati stampati a cura della Filarmonica Sestrese.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica