Figlie del Divino Amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Figlie del Divino Amore (in inglese Daughters of Divine Love) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla D.D.L.[1]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

L'istituto sorse a Ukpor, in diocesi di Port Harcourt, per iniziativa del vescovo Godfrey Okoye (1913-1977), con il fine di formare suore indigene per sostituire le missionarie europee allontanate dalla Nigeria allo scoppio della guerra civile.[2]

Ottenuto il nihil obstat della congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, il vescovo eresse le Figlie del Divino Amore in congregazione di diritto diocesano il 1º dicembre 1971.[2]

Attività e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Le suore si dedicano all'istruzione e all'insegnamento del catechismo, all'assistenza agli ammalati e ad altre attività caritative.[2]

La congregazione è presente in Africa (Camerun, Ciad, Gabon, Kenya, Mali, Nigeria), nelle Americhe (Cuba, Giamaica, Stati Uniti d'America) e in Europa (Germania, Italia, Regno Unito, Svizzera);[3] la sede generalizia è a Enugu.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 835 religiose in 165 case.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1536.
  2. ^ a b c F. Rizzoli, DIP, vol. III (1976), coll. 1575-1576.
  3. ^ Missionary presence. URL consultato il 10 febbraio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo