Figli di Ilúvatar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Figli di Ilúvatar (Children of Ilúvatar) sono Elfi e Uomini creati da Ilúvatar, nell'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. I Nani non sono inclusi in questa distinzione, perché furono creati da Aulë (sono quindi considerati figli adottivi di Ilúvatar e hanno lo stesso fato degli Uomini). La storia della loro creazione è narrata nel Quenta Silmarillion, e spiega come gli Elfi e Uomini furono direttamente creati da Eru Ilúvatar, senza delegazioni agli Ainur.

Gli Elfi sono anche chiamati i Quendi ("coloro che parlano", in Quenya) e Minnónar ("Priminati"). Sono inoltre divisi in molti gruppi, spesso distinti dai loro rispettivi linguaggi.

Gli Uomini sono anche chiamati gli Apanónar ("I Nati Dopo"), Fírimar ("Mortali"), Engwar ("i Malaticci"), e i Successivi. Questi nomi piuttosto denigratori furono dati agli Uomini dagli Elfi, che furono i principali storici dei primi eventi della Terra di Mezzo.

Il perché di questi nomi è semplice. Gli Elfi furono i primi dei Figli di Ilúvatar ad apparire nella Terra di Mezzo, mentre gli Uomini non sarebbero seguiti fino agli albori della Prima Era, con la creazione del Sole e della Luna, molte migliaia di anni dopo.

Animali e piante furono probabilmente modellati dagli Ainur su temi prodotti da Eru durante la Musica degli Ainur. In casi in cui gli animali esibiscono coscienza, come nel caso di Huan o delle Aquile, ciò è discutibile—potrebbero invece essere in verità Maiar.

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien