Figli di Fëanor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel mondo immaginario ideato da J.R.R. Tolkien, i Figli di Fëanor erano sette fratelli, importanti Elfi della stirpe dei Noldor. Loro padre era Fëanor, figlio di Finwë, primo Re Supremo dei Noldor, mentre la madre era Nerdanel, figlia di Mahtan.

Essi erano, in ordine di anzianità:

I sette fratelli furono coinvolti dal padre nel Giuramento di Fëanor, in occasione del quale si impegnarono nell'ossessivo tentativo di recuperare i Silmaril, i tre meravigliosi gioielli (fatti per mano di Fëanor stesso) che racchiudevano la luce degli Alberi di Valinor e che furono sottratti da Morgoth, primo Oscuro Signore di Arda. I sette fratelli seguirono quindi loro padre in esilio nella Terra di Mezzo, non prima però che fosse stata pronunciata la Sorte dei Noldor, che prevedeva sventure e sofferenze per quelli tra il popolo di Finwë che avessero abbandonato le terre di Aman, bramosi di sfidare Morgoth per la riconquista dei Silmaril.

I Figli di Fëanor ebbero diverse personalità ed abilità, dalla strategia bellica (Maedhros) alla poesia e canzone (Maglor), dalla passione per la caccia (Celegorm) a quella paterna per l'arte manuale (Curufin). Non tutti erano divorati dalla brama dei silmaril allo stesso modo, ma legati come erano al loro giuramento, non poterono rivolgere la loro volontà altrove. Vennero così coinvolti in gran parte dalle Guerre del Beleriand contro l'Oscuro Signore di Angband, ed anche in molte azioni subdole e spietate, tra le quali il Fratricidio di Alqualondë, ricordato come "Primo Fratricidio di Elfi per mano di Elfi" e non ultimo l'Incendio delle navi a Losgar, durante il quale vennero distrutte le navi dei Teleri che avrebbero dovuto recuperare anche i Noldor al seguito di Fingolfin, ed al quale il solo Maedhros (amico di Fingon figlio di Fingolfin) non partecipò.

Celegorm, Curufin e Caranthir morirono per mano di Dior figlio di Beren e Lúthien, durante l'assalto alle aule di Menegroth per recuperare uno dei Silmaril, nell'episodio tristemente ricordato come "Secondo Fratricidio di Elfi per mano di Elfi". Amrod ed Amras vennero uccisi nel Terzo Fratricidio, avvenuto alle Bocche del Sirion. Maedhros e Maglor, straziati da tutte le sciagure vissute e in parte da loro causate, compirono una buona azione nel risparmiare ed allevare i gemelli Elros ed Elrond, ma dopo la Guerra d'Ira trucidarono i guardiani dei Silmaril (recuperati dall'Esercito dell'Ovest) e fuggirono con i due gioielli. Non potendo però sopportare l'ardore delle pietre, Maedhros si suicidò in un crepaccio infuocato mentre Maglor gettò il suo Silmaril nel Grande Mare e di lui non vi fu più traccia dopo la Prima Era.

L'unico tra i Figli di Fëanor ad aver avuto una discendenza fu Curufin: suo figlio fu Celebrimbor, il massimo degli artisti fra tutti gli Elfi della Terra di Mezzo durante la Seconda Era.

 
Finwë
 
Míriel
 
Mahtan
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Fëanor
 
 
 
Nerdanel
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Maedhros
 
 
Celegorm
 
 
Curufin
 
 
Amras
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Maglor
 
Caranthir
 
 
Amrod
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Celebrimbor
 
 
 
 
Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien