Fidia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fidia (in greco antico Φειδίας, traslitterato in Feidìas; Atene, 490 a.C. circa – Atene, 430 a.C. circa) è stato uno scultore e architetto ateniese, attivo dal 470 a.C. circa ad Atene, Pellene, Platea, Tebe e Olimpia.

Fu l'artista che meglio riuscì ad interpretare gli ideali dell'Atene periclea, i quali raggiunsero e informarono di sé il mondo greco di epoca classica anche grazie e sulla scorta delle forme fidiache. Il cantiere del Partenone, per il quale Fidia lavorò come sovrintendente, fu un grande laboratorio nel quale si formò la scuola degli scultori ateniesi attivi nella seconda metà del V secolo a.C., e tra i quali occorre almeno ricordare Agoracrito, Alcamene e Kolotes. L'importanza di Fidia nella storia dell'arte greca, mai messa in discussione, ha tuttavia oscurato la realtà di ciò che realmente di Fidia si conosce. Molte delle date cruciali relative alla sua attività restano controverse, le numerose fonti letterarie ne restituiscono un'immagine quasi leggendaria e le conoscenze che si hanno sulla sua opera si basano prevalentemente sulle copie rinvenute di alcune sculture, sulla descrizione di scrittori antichi e sui rinvii iconografici alle sue opere desumibili da ceramiche, rilievi, monete e gemme. Nessuna delle fonti letterarie giunte sino a noi, a partire da Gaio Plinio Secondo che segue le proprie fonti di epoca ellenistica, restituisce qualcosa in più rispetto ad una generica retorica relativa alla dignitosa grandezza del suo stile.

Biografia e opere[modifica | modifica sorgente]

Testa di Atena. Bologna, Museo civico archeologico G1060.

Fidia nacque ad Atene dove fu secondo alcune fonti allievo di Egia; la tradizione secondo la quale sarebbe stato allievo di Agelada è meno accreditata. Plinio (Nat. hist., XXXIV, 49) pone il suo periodo di massima fioritura nella LXXXIII Olimpiade (448-445 a.C.) e lo dice formatosi inizialmente come pittore (Nat. hist., XXXV, 39). Tra le opere giovanili vengono solitamente menzionate l'acrolito di Atena Arèia per il tempio di Platea (Pausania, IX, 4.1; Plutarco, Aristid., 20) e, ancora precedente, l'Atena crisoelefantina per Pellene in Acaia (Paus., VII, 27.2).[1]

Scultore dell'acropoli di Atene[modifica | modifica sorgente]

Opera di un già famoso bronzista dovette essere la colossale statua bronzea di Atena Promachos eretta sull'Acropoli di Atene, alla quale, Fidia lavorò tra il 460 a.C. e il 450 a.C.[1] Seguirono i lavori per il donario degli Ateniesi a Delfi, di cui riferisce Pausania (X, 10.1), variamente datato in base alle vicende politiche di Cimone e generalmente connesso al rientro di quest'ultimo ad Atene dopo il periodo trascorso in esilio;[1] rappresentava il generale Milziade, vincitore della battaglia di Maratona e padre di Cimone, insieme ad Atena, Apollo e agli eroi eponimi.[2] Al 450 a.C. circa viene datata l'Athena Lemnia, commissionata dai colonizzatori ateniesi dell'isola di Lemno (Paus., I, 28.2). L'opera fu identificata dal Furtwängler nei due torsi di Dresda[3] e nella testa di Bologna (Museo civico archeologico, copia marmorea di età augustea, G1060), in base alle descrizioni presenti in Pausania (Paus., I, 28.2) e Luciano di Samosata (Imagines, 4 e 6) e seguendo riproduzioni in opere d'arte minore. Allo stesso periodo si data anche l'Apollo bronzeo detto Parnopios, che Pausania ricorda dedicato sull'acropoli (Paus., I, 24.8) e che viene identificato con un tipo di cui si conoscono numerose copie detto Apollo Kassel, dal luogo di conservazione dalla copia principale.[4]

In seguito Fidia lavorò come sovrintendente ai lavori per il nuovo tempio dedicato ad Atena, il Partenone; collaborò con gli architetti Ictino e Callicrate e seguì i lavori per la decorazione scultorea del tempio fino al 438 a.C. circa,[5] quando si data la sua partenza per Olimpia e la consacrazione della colossale statua di culto crisoelefantina detta Atena Parthenos, realizzata da Fidia per la cella del tempio. Realizzò i modelli per le sculture dei due frontoni, per le 92 metope del fregio esterno e per il fregio interno (processione delle Panatenee), che decorava il muro della cella. Tali grandi lavori eseguiti con molti discepoli e allievi sono oggi quasi interamente conservati al British Museum (Collezione Elgin); molte figure rappresentate sono realizzate con la peculiare tecnica del panneggio bagnato ideato dallo stesso Fidia. Benché sia da escludere probabilmente una diretta partecipazione di Fidia all'opera scultorea, l'impronta di un unico ideatore dell'intero programma decorativo con i suoi complessi contenuti simbolici e cosmologici appare indiscussa.[1]

Secondo la testimonianza di Plinio (XXXIV, 53), in un periodo che può essere compreso all'incirca tra l'Atena Parthenos e lo Zeus di Olimpia, Fidia partecipò a una competizione indetta per la realizzazione di una serie di amazzoni, da dedicare nel santuario di Efeso, insieme a Policleto, Kresilas e Phradmon; l'attribuzione a Fidia del tipo dell'Amazzone Mattei non è da considerarsi conclusiva ed esistono ancora dubbi sull'esistenza storica del concorso di cui narra Plinio.[6]

A Olimpia[modifica | modifica sorgente]

Intorno al 438 a.C. si data l'incarico da parte del santuario di Olimpia per la realizzazione di una nuova e colossale statua crisoelefantina di Zeus Olimpio, da situare all’interno del tempio di Zeus; realizzata tra il 435 e il 425 a.C.[1] venne annoverata tra le sette meraviglie del mondo; la statua è andata perduta, ma resta una delle opere greche maggiormente menzionate nella letteratura antica; Pausania, nella sua Periegesi della Grecia, ne offre una dettagliata descrizione (Paus., V, 10.2; XI, 1.11).

Rientro ad Atene[modifica | modifica sorgente]

Diverse, e tra le principali Aristofane (La pace), suoi scoliasti, Plinio e Plutarco (Vita di Pericle), sono le fonti letterarie che lo dicono vittima delle lotte politiche ateniesi e del clima antipericleo teso a screditare l'intera cerchia degli amici dello statista. Nel 432 a.C. fu accusato di essersi impadronito di una parte dell'oro destinato alla statua di Atena e morì in carcere l'anno successivo.[7]

Stile[modifica | modifica sorgente]

I temi stilistici ricorrenti nelle fonti letterarie antiche sono la preminenza di Fidia nella rappresentazione della natura divina, secondo le modalità della grandezza e della compostezza, la sua versatilità, ossia la capacità di lavorare con differenti materiali applicati a differenti tecniche e infine quello della precisione e della capacità esecutiva.

I suoi bassorilievi sono notevoli per rigore compositivo e senso ritmico, staccandosi dalla staticità dei grandi fregi orientali: nella processione delle Panatenaiche vengono inseriti dei contrappunti, come personaggi girati all’indietro, e la composizione si articola per linee curve, convergenti e divergenti. I personaggi sono ben distinti e scalati, dando l’impressione dell’affollamento di molti individui e non di un ammasso indifferenziato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Delivorrias 1994, in EAA, s.v. Fidia.
  2. ^ Becatti 1960, in EAA, s.v. Fidia.
  3. ^ Staatliche Kunstsammlungen Dresden, Athena Lemnia Hm 049. URL consultato il 20 maggio 2013. ; Staatliche Kunstsammlungen Dresden, Athena Lemnia Hm 050. URL consultato il 20 maggio 2013.
  4. ^ Museumslandschaft Hessen Kassel, Apollon Typ Kassel, inv. nr. SK 3. URL consultato il 20 maggio 2013.
  5. ^ Tra le più discusse questioni relative alla cronologia dell'attività di Fidia è appunto la sua presenza ad Atene tra il 438 a.C. e il 432 a.C., come supervisore ai lavori, contemporaneamente alla sua attività per il santuario di Olimpia.
  6. ^ Brunilde Sismondo Ridgway, A Story of Five Amazons in American Journal of Archaeology, vol. 78, n. 1, 1974, pp. 1-17. DOI:10.2307/503751.
  7. ^ Giovanni Reale, Platone tutti gli scritti, Bompiani nota 35 pag. 999

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Becatti, Fidia in Enciclopedia dell'arte antica classica e orientale, vol. 3, Roma, Istituto della enciclopedia italiana, 1960.
  • A. Delivorrias, Fidia in Enciclopedia dell'arte antica classica e orientale : Secondo supplemento, Roma, Istituto della enciclopedia italiana, 1994.
  • Giuliano A., Storia dell'arte greca, Carocci, Roma 1998 ISBN 88-430-1096-4
  • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 1, Bompiani, Milano 1999. ISBN 88-451-7107-8

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 26911786