Ficus watkinsiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fico strangolatore
Ficus watkinsiana on Syzygium hemilampra-Iluka.jpg
Ficus watkinsiana
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Hamamelidae
Ordine Urticales
Famiglia Moraceae
Genere Ficus
Specie F. watkinsiana
Classificazione APG
Ordine Rosales
Famiglia Moraceae
Nomenclatura binomiale
Ficus sycomorus
L.
Nomi comuni

Fico strangolatore

Areale

Il Ficus watkinsiana (L.), noto anche col nome comune di fico strangolatore è una pianta appartenente alla famiglia delle Moraceae endemica dell'Australia[1] .

Il nome comune deriva dal fatto che cresce lentamente attorno agli altri alberi e si avviluppa attorno ad essi con le radici, che raggiungono il suolo e arrivano anche al punto di soffocare la pianta ospite privandola della luce e delle sostanze di nutrimento.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Il Ficus watkinsiana cresce fino a un'altezza di 50 metri.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Le foglie sono lunghe da 51 a 217 millimetri e larghe da 26 a 97 millimetri.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

I frutti sono di colore viola scuro o neri, lunghi 24-27 millimetri e di diametro compreso tra 18 e 29 millimetri.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Sono presenti tre popolazioni di Ficus watkinsiana, una nel nord-est del Queensland, una nel sud-est del Queensland e la terza nel nord-east del Nuovo Galles del Sud[1].

Usi[modifica | modifica sorgente]

I frutti sono commestibili, presentano una buccia nera a macchie quando sono maturi e sono caratterizzati da un gusto di buona qualità[2].

Le radici, una volta essiccate, possono essere fumate con effetti calmanti o antidolorifici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dale J. Dixon, A taxonomic revision of the Australian Ficus species in the section Malvanthera (Ficus subg. Urostigma: Moraceae) (PDF) in Telopea, vol. 10, nº 1, 2003, pp. 125–53.
  2. ^ Lenore Lindsay, Fancy a feast? Try a fig. in Australian Plants, vol. 16, nº 130, marzo 1992, pp. 251–52.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]