Fibrocemento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tetto in lastre ondulate di Eternit

Il fibrocemento, una volta detto anche cemento-amianto o, dal nome del maggiore produttore, Eternit, è una mistura di cemento e fibre con un'elevata resistenza alla trazione.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

I manufatti ottenuti con questa mescola hanno una notevole resistenza alla corrosione, alla temperatura e all'usura, insieme a una notevole leggerezza. Per tali caratteristiche il cemento-amianto veniva largamente utilizzato dagli anni cinquanta agli ottanta nella costruzione edilizia, in particolare per la realizzazione di lastre di copertura, tubi, cisterne e pannelli antincendio, ma anche per guarnizioni, dischi dei freni, coibentazioni termiche e acustiche in navi, treni ecc.

I danni dell'amianto[modifica | modifica sorgente]

In origine le fibre utilizzate erano di amianto. Si è in seguito dimostrato che l'amianto è un materiale cancerogeno. Le polveri di amianto infatti, se inalate, possono provocare l'asbestosi, alla quale potrebbero associarsi tumori delle pleure, ovvero il mesotelioma della pleura, e dei bronchi, in caso di esposizioni prolungate.

La legge contro l'amianto[modifica | modifica sorgente]

Con la Legge 27 marzo 1992, n. 257[1][2] sono state vietate in Italia l'estrazione, l'importazione, l'esportazione, la commercializzazione e la produzione di amianto o di prodotti contenenti amianto.

La produzione di fibrocemento con amianto in Italia[modifica | modifica sorgente]

Le principali società italiane produttrici di fibrocemento con amianto sono state:

Fibrocemento ecologico[modifica | modifica sorgente]

I manufatti in fibrocemento ecologico sono costituiti da una matrice cementizia rinforzata non da fibre di amianto ma con filamenti organici, naturali e sintetici.
Con questa nuova tecnologia si realizzano lastre piane e ondulate, pozzetti prefabbricati, tubazioni, ecc.

Lastre ondulate curve o rette in fibrocemento senza amianto usate con funzione portante per le coperture di manufatti civili ed industriali (in genere tetti di capannoni o come sottocoppo in altre tipologie edilizie) sono state messe in commercio in assenza delle dovute autorizzazioni del Servizio Tecnico Centrale (Ministero dei Lavori Pubblici - Infrastrutture e Trasporti). In assenza di idonei dispositivi di sicurezza, possono dar luogo ad incidenti sul lavoro tipicamente per caduta dall’alto dall'esito quasi sempre mortale.

Uno dei materiali (privo dei titoli autorizzativi ed ora non più commercializzato) che ha dato prova di elevato degrado delle caratteristiche meccaniche nel tempo è l'Econit, per anni prodotto in Italia su licenza di Dansk Eternit dalle ditte Maranit (FE) e Copernit (MN), per il quale il primo segnale del decadimento delle caratteristiche di resistenza meccanica è il verificarsi di infiltrazioni dalle coperture dovuta a fessurazione delle lastre ondulate.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Legge 27 marzo 1992 n. 257 Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto
  2. ^ Legge 27 marzo 1992 n. 257 Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto Pdf

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]