Fibrinogeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il fibrinogeno è una glicoproteina del plasma sanguigno sintetizzata dal fegato e dal tessuto endoteliale.

Nel corpo umano, i valori normali che indicano la presenza di fibrinogeno sono da 200 a 400 mg/dl.

Il fibrinogeno è il precursore della fibrina, presente nel plasma sanguigno sotto forma di molecole proteiche, dimeriche, dal peso molecolare di circa 340.000. La molecola del fibrinogeno è composta a sua volta da tre catene più semplici di aminoacidi, indicate rispettivamente come A-alfa, B-beta, gamma. Le tre catene possono essere immaginate come poste l’una vicina all’altra, con una struttura approssimativamente lineare. Due triplette di catene si uniscono per la regione amino-terminale per formare un’unica molecola di fibrinogeno. La struttura della molecola di fibrinogeno è allungata e presenta tre nodi (regioni ingrossate): uno centrale, detto regione E, che contiene le estremità amino-terminali delle catene, e due laterali, dette D.

Il fibrinogeno è essenziale nella coagulazione del sangue poiché esso è trasformato dalla trombina tramite un processo di polimerizzazione in fibrina necessaria alla formazione del trombo emostatico.

I suoi valori possono venire alterati da infezioni gravi, presenza di carcinomi, emorragie, gravidanza e coagulazione intravascolare disseminata.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]