Fibra ottica monomodale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Struttura tipica della fibra ottica monomodale:
1. Nucleo (core) di 8 µm di diametro
2. Cladding di 125 µm di diametro
3. Buffer di 250 µm di diametro
4. Jacket di 400 µm di diametro

La fibra ottica monomodale (o unimodale[1]) è un particolare tipo di fibra ottica, ideata per trasportare soltanto un singolo raggio luminoso. I modi sono rappresentati dalle possibili soluzioni dell'equazione di Helmholtz per le onde, che si ottiene combinando le equazioni di Maxwell e le condizioni al contorno imposte dalla fibra.[2] Questi modi definiscono il percorso compiuto dell'onda mentre viaggia attraverso lo spazio, cioè come l'onda si distribuisce nello spazio.

Il Premio Nobel per la fisica 2009 è stato assegnato a Charles K. Kao, per il suo lavoro teorico sulla fibra ottica monomodale.[3]

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo ha un diametro compreso fra gli 8,3 e i 10 µm,[4] mentre il cladding possiede un diametro di 125 µm.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monomodale in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ (EN) single-mode optical fiber, U.S Department of Commerce Boulder Labs, 23 agosto 1996. URL consultato il 30 aprile 2013.
  3. ^ (EN) TWO REVOLUTIONARY OPTICAL TECHNOLOGIES (PDF), Accademia Reale Svedese delle Scienze, 6 ottobre 2009. (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2011).
  4. ^ (EN) ARC Electronics, Fiber Optic Cable Tutorial, 10 gennaio 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

telematica Portale Telematica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di reti, telecomunicazioni e protocolli di rete