Fiat 850 SIATA Spring

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SIATA 850 Spring
Siata 850ccm 34PS 1968 1.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  SIATA
Tipo principale Spyder
Produzione dal 1967 al 1970
Sostituisce la SIATA Daina
Esemplari prodotti 3500
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.457 mm
Larghezza 1.400 mm
Massa 720 kg
Altro
Altre antenate SIATA Amica
Stessa famiglia Fiat 850
Siata 850ccm 34PS 1968 4.jpg

La SIATA 850 Spring è una spyder due posti prodotta dal 1967 al 1970 dalla SIATA.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un'altra Spring

La Spring è forse una delle prime vetture nate dopo aver effettuato un'attenta analisi del mercato. La SIATA intervista un certo numero di giovani, per venire a conoscenza di quelle che sono le loro aspettative nel mondo automobilistico. Completato il sondaggio si inizia a predisporre il prototipo di una mini-spider dal gusto inglese (nel 1965) che dopo due anni entra in produzione.

Dalla SIATA alla ORSA[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 la SIATA cessa l'attività per fallimento, ma la linea di montaggio della Spring viene rilevata da un gruppo di giovani industriali sardi, convinti della validità del progetto, che anche grazie ai finanziamenti della "Cassa per il Mezzogiorno" costituiscono una società denominata ORSA (Officina Realizzazione Sarde Automobili) la quale continuerà a costruire la Spring (con meccanica proveniente dalla spagnola SEAT 850 Special, e cioè con freni a disco anteriori e motore 903 cm³ del Fiat 850 Coupé) in un proprio stabilimento a Cagliari fino a quando, nonostante nel 1972 l'Ing. Rivolta ne avesse acquistato il 75% delle azioni, gli effetti della crisi petrolifera costringeranno la società a cessare la produzione di autovetture nel 1975 e a riconvertirsi alla produzione di automezzi antincendio.

La ORSA Spring ha quindi la particolare distinzione di essere l'unica automobile italiana prodotta in Sardegna.

L'auto[modifica | modifica wikitesto]

Il telaio è quello della Fiat 850, rinforzato con una crociera scatolata; mentre la carrozzeria spider (ispirata alle spider inglesi ed alle vetture degli anni trenta) è costruita interamente negli stabilimenti SIATA di Strada di Lanzo. Il motore è quello della Fiat 850 (vers. Super) da 843 cm³ che permette a questa piccola spider di superare i 125 km/h. Come optional da 50.000 lire sono fornite le ruote a raggi che completano il look trendy e retrò di questo modello. La versione ORSA montava invece un motore da 903 cm³, ma con una potenza di 47 CV e freni a disco all'avantreno, essendo basato sulla meccanica della SEAT 850 Special.

Costruita in 3500 esemplari, è stata venduta in Italia, Francia, Germania e Stati Uniti dove il marchio SIATA è ancora oggi simbolo di sportività.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili