Fiat 634

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat 634
Fiat 634N.jpg
Un Fiat 634N restaurato
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Fiat Veicoli Industriali
Tipo autocarro pesante
P.T.T. veicolo singolo 14 t
P.T.T. veicolo combinato 24 t
Inizio produzione 1931
Sostituisce Fiat 632
Fine produzione 1939
Altre caratteristiche
Dimensioni e pesi
Lunghezza 7,43 m
Larghezza 2,40 m
Altezza 3,24 m
Massa a vuoto 6,3 t
Altro
Versioni autocannone da 76/30
autocannone da 102/35
Della stessa famiglia serie 600

Il Fiat 634 fu un autocarro pesante ("Gigante" secondo la terminologia del tempo) italiano prodotto dalla Fiat Veicoli Industriali, soprannominato per le sue dimensioni Elefante.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo e l'uscita di questo autocarro sono paralleli al più piccolo Fiat 632, del quale era il complementare per il segmento super pesante. I due autocarri rappresentano i primi autocarri pesanti con motorizzazione diesel della casa torinese. Il 634 si basa su un autotelaio a due assi, con trazione posteriore su ruote gemellate e cabina arretrata. Fu prodotto in tre serie successive.

La prima serie, lanciata nel 1931, è rappresentata dal Fiat 634N (N sta per Nafta), motorizzato con il diesel Fiat 355 a 6 cilindri ad iniezione diretta da 8312 cm³, erogante 75 hp a 1700 giri/min. Come per il fratello minore, la cabina è rustica, spigolosa, con un lungo cofano motore e calandra rettangolare.

Nel 1933 entra in produzione il Fiat 634N1, con la medesima cabina e la stessa meccanica, ma con un motore evoluzione del precedente. Monta infatti un Fiat 355C a 6 cilindri in linea, con la cilindrata che passa a 8355 cm³ e la potenza a 80 hp, sempre a 1700 giri/min.

La terza serie fu prodotta in parallelo alla N1, ma orientata esclusivamente per il mercato civile. Questo Fiat 634N2 infatti aveva una cabina profondamente ridisegnata, dalla linea più arrotondata ed elegante e dalle dotazioni più moderne. Questo modello era omologato per trainare un rimorchio da 10 tonnellate, con un P.T.T. combinato quindi di 24 tonnellate, enorme per l'epoca. Nonostante la destinazione civile, anche questa versione fu impiegata dalle forze armate durante la seconda guerra mondiale.

Nel 1934 venne lanciato in fine il modello con alimentazione a gassogeno, il Fiat 634G, con motore Fiat 255G a 6 cilindri in linea da 9972 cm³, erogante 80 hp a 2100 giri/min.

Il 634 diventerà in quegli anni uno standard sulle strade dei paesi europei, perché fu il primo ad offrire:

  • ruote tipo "artiglieria"[1],
  • impianto elettrico a 24 volt
  • cuccetta per il conduttore su lunghi percorsi. Solo dopo sette anni la Renault offrirà la stessa comodità sul suo nuovo camion a 3 assi, il AFKD.

Versioni militari[modifica | modifica wikitesto]

Pur concepite per il mercato civile, le due serie N e N1, ed in minor misura la N2, per le loro eccezionali qualità vennero acquisite con lievi modifiche dal Regio Esercito, dalla Regia Marina e dalla Regia Aeronautica.Nonostante tutte le 3 serie siano state usate dalle forze armate, la versione specificatamente militare deriva dal Fiat 634N1, con ruote a disco invece che a raggiera. Diverse centinaia di esemplari del Regio Esercito furono impiegati nella Guerra d'Etiopia prima e nella Guerra civile spagnola poi. Durante la seconda guerra mondiale mondiale la versione nell'allestimento normale con cassone in legno fu ampiamente impiegata sia per il trasporto truppe e materiali, sia come portacarri, potendo trasportare un carro armato della serie L o della serie M14/41 sul cassone ed un altro nel rimorchio. Fu impiegato inoltre in versioni dedicate, quali quella autocisterna e quella autocannone da 102/35 e da 76/40 Mod. 1916 R.M. per la Regia Marina, operate da personale della Milizia Marittima di Artiglieria (MILMART).

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Modello Anni di produzione Tipo di motore Cilindrata cm³ Potenza P.T.T. (in tonnellate)
Fiat 634N - Nafta
camion, autotelaio,
versione militare
1931 - 1932 Fiat 355 8312 75 a 1700 giri/min 12,0
Fiat 634N1 - Nafta
versione militare
1933 - 1939 Fiat 355C 8355 80 a 1700 giri/min 12,0
Fiat 634N2 - Nafta
nuova cabina, versione civile
1933 - 1939 Fiat 350C 8355 80 a 1800 giri/min 12,0
24,0 con rimorchio
Fiat 634G - Gassogeno 1934 - 1939 Fiat 250G 9972 80 a 2100 giri/min 12,0
24,0 con rimorchio

Galleria di foto[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ruote tipo artiglieria

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli Autoveicoli tattici e logistici del Regio Esercito Italiano fino al 1943, vol. II, Stato Maggiore dell'Esercito, Ufficio Storico, Nicola Pignato e Filippo Cappellano, 2005.
  • Gli Autoveicoli del Regio Esercito nella Seconda Guerra Mondiale, Nicola Pignato, Storia Militare.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti