Fianona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fianona
frazione
Plomin
Fianona – Veduta
Localizzazione
Stato Croazia Croazia
Regione Grb Istarske županije.svg Istriana
Comune Chersano
Territorio
Coordinate 45°08′N 14°11′E / 45.133333°N 14.183333°E45.133333; 14.183333 (Fianona)Coordinate: 45°08′N 14°11′E / 45.133333°N 14.183333°E45.133333; 14.183333 (Fianona)
Altitudine 168 m s.l.m.
Abitanti 328[1] (2001)
Altre informazioni
Prefisso 052
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Fianona
« Un'orribile cittadina, simile ad un nido di pirati e contrabbandieri »
(Richard Francis Burton, console britannico a Trieste)

Fianona (in croato Plomin) è una località dell'Istria, in Croazia, frazione del comune di Chersano. La sua popolazione, se si include nella frazione l'abitato del vicino Porto di Fianona è di 328 abitanti.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Fianona si trova all'imbocco di un fiordo del Quarnero, chiamato vallone di Fianona, che la separa dal braccio di mare che divide l'Istria orientale dall'isola di Cherso, denominato canale di Farasina, parte integrante del Mar Adriatico. È appollaiata sul fianco settentrionale di un vallone alle spalle del monte Sissol, non lontana dal monte degli Uscocchi e dalla ripida valle del fiume Arsa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fianona è ricordata per la prima volta da Artemidoro di Efeso, nel 100 a.C., e fu citata altresì da Tolomeo e Gaio Plinio Secondo.

Dopo essere stato un antico castelliere veneto-illirico, l'antica Flanona in epoca romana era un importante porto e centro commerciale. Antichissima sede dei Liburni Flanati, diede il suo nome primitivo al Carnaro (Sinus Flanaticus); sotto il dominio romano fu annessa alla Dalmazia, e con l'ordinamento Augusteo, all'Italia.

Distrutta dagli Uscocchi a cavallo tra il XVI ed il XVII secolo, passò col Trattato di Campoformido, sotto la giurisdizione dell'Impero Asburgico e continuò a svolgere un ruolo importantissimo nei traffici commerciali tra la costa e le isole.

Nel XIX secolo fiorì anche l'industria molitoria, cui ricorrevano persino le vetrerie di Murano, ma l'apertura di nuove vie di comunicazione e l'esodo del secondo dopoguerra, le tolsero linfa vitale, riducendola ad una "città fantasma".

Il borgo, di chiara importanza medievale, è caratterizzato da vie anguste e particolarmente suggestive, portali in pietra e pregevoli elementi architettonici.

Rocche e muraglie sono ormai ridotte a ruderi, ma hanno resistito due chiese di grandissima importanza artistica: quella di San Giorgio il Vecchio, del secolo XI, mostra sulla parete meridionale esterna una figura in rilievo ed una scritta in alfabeto glagolitco eseguita tra l'XI ed il XIII secolo, uno tra i più antici documenti della cultura paleocroata.

Durante i lavori di restauro nella parrocchiale della Beata Vergine Maria, è stato scoperto un affresco con la Madonna del latte (1475), ed un ritratto della Vergine Maria, di notevoli dimensioni. Il testo di accompagnamento, scritto in latino e glagolitico, cita altresì il nome dell'autore, tale Alberto da Costanza.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Il 31 dicembre 1900, sotto l'Impero austro-ungarico, il comune di Fianona (Plomin) contava 5.429 abitanti e comprendeva gli insediamenti di Berdo (Brdo), Cepich (Čepić), Chersano (Kršan), Cosliaco (Kozljak), Jessenovich (Jesenović), Malacrasca (Mala Kraska) e Villanova (Nova Vas). Sotto i profilo linguistico, il comune era prevalentemente serbo-croato (69,847%; 3792 unità), con una consistente minoranza italiana (12,986 %, 705 unità) ed esigue presenze slovene (0,184%, 10 unità) e tedesche (0,147%, 8 unità). Il centro di Fianona contava 1.679 abitanti, di cui 1.072 (pari al 63,848 %) erano serbo-croati, 599 (il 35,676 %) italiani e 8 (lo 0,476 %) tedeschi[2].

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dario Alberi, Istria - Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trieste, edizione italiana ISBN 88-8190-158-7
  • Fabio Amodeo, TuttoIstria, Lint Editoriale Trieste

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 128 senza contare Porto di Fianona
  2. ^ Gemeindelexikon, der im Reichsrate Vertretenen Königreiche und Länder. Bearbeit auf Grund der Ergebnisse der Volkszählung vom 31. Dezember 1900. Herausgegeben von der K.K. Statistischen Zentralkommission. VII. Österreichisch-Illyrisches Küstenland (Triest, Görz und Gradiska, Istrien). Wien 1906

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Venezia Giulia e Dalmazia Portale Venezia Giulia e Dalmazia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia Giulia e Dalmazia