Fevers and Mirrors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fevers and Mirrors
Artista Bright Eyes
Tipo album Studio
Pubblicazione Maggio 2000
Durata 55 min : 10 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Folk rock
Folk
Etichetta Saddle Creek
Bright Eyes - cronologia
Album precedente
(1998)

Fevers and Mirrors è il terzo album dei Bright Eyes, pubblicato nel 2000.

All'inizio della traccia 1 si sente un bambino leggere un pezzo di Mitchell is Moving, un libro di Marjorie Weinman Sharmat. La traccia 11, An Attempt to Tip the Scales, è invece una finta intervista scritta per alleggerire il tono dell'album, in una sorta di autoironia. Oberst ha solo scritto il testo, la sua voce è imitata da Todd Baechle (cantante dei The Faint) e l'intervistatore è il loro amico Matt Silcock dei Lullaby for the Working Class[1].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. A Spindle, a Darkness, a Fever, and a Necklace - 6:28
  2. A Scale, a Mirror and Those Indifferent Clocks - 2:44
  3. The Calendar Hung Itself... - 3:55
  4. Something Vague - 3:33
  5. The Movement of a Hand - 4:02
  6. Arienette - 3:45
  7. When the Curious Girl Realizes She Is Under Glass - 2:40
  8. Haligh, Haligh, a Lie, Haligh - 4:43
  9. The Center of the World - 4:43
  10. Sunrise, Sunset - 4:32
  11. An Attempt to Tip the Scales - 8:29
  12. A Song to Pass the Time - 5:30

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Todd Baechle - tastiere
  • Tim Kasher - fisarmonica
  • Joe Knapp - voce, batteria, percussioni
  • Jiha Lee - voce, flauto
  • Andy LeMaster - voce, chitarra, basso, tastiere, percussioni
  • Matt Maginn - basso
  • A.J. Mogis - pianoforte
  • Mike Mogis - chitarra, mandolino, dulcimer, pianoforte, organo, tastiere, percussioni, sample
  • Clint Schnase - batteria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ KittyMagic.com
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock