Ferrovia della Jungfrau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrovia della Jungfrau
Jungfraubahn Plan 1903.jpg
Nome originale Jungfrau Bahn
Inizio Kleine Scheidegg
Fine Jungfraujoch
Stati attraversati Svizzera Svizzera
Lunghezza 9,3 km
Apertura 1912
Gestore Jungfrau Bahn A.G.
Scartamento ridotto 1.000 mm
Elettrificazione 1.125 V corrente alternata trifase a 50 Hz
Ferrovie

La Ferrovia della Jungfrau, (in tedesco Jungfrau Bahn, da cui deriva l'acronimo JB) è una linea ferroviaria della Svizzera che per le sue caratteristiche è considerata la linea ferroviaria più alta d'Europa.[1]

Dotata di scartamento metrico e trazione elettrica, la linea unisce la stazione di Kleine Scheidegg alla stazione ferroviaria più alta d'Europa[2] di Jungfraujoch a 3.454 m s.l.m. Date le proibitive condizioni climatiche gran parte del percorso finale della ferrovia scorre in una galleria di circa sette chilometri che prende il nome di Jungfrau Tunnel, scavato all’interno delle due maggiori montagne del luogo, l’Eiger e il Mönch, rappresentando una delle più grandi sfide dell'industria ferroviaria.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'ideatore e committente dell'opera Adolf Guyer-Zeller
I lavori di scavo nel 1900

L’idea di realizzare una ferrovia in questa vallata risale già al 1860, ma fu sempre accantonata per motivi logistici ed economici. Nel 1893, in seguito a una gita nella località montana della Jungfrau,[3] l'industriale svizzero Adolf Guyer-Zeller originario di Zurigo, ebbe l'idea di realizzare una ferrovia di montagna che ne permettesse un facile accesso ai turisti, sfruttando il fatto che era già stata costruita una ferrovia fino alla vicina località di Kleine Scheidegg, alla base del monte Eiger.

Ottenuta la concessione, nell'estate del 1896, iniziarono i lavori tra grandi difficoltà e condizioni estreme[4] per l'asprezza del clima e per l'altezza elevata, tuttavia nel 1898 fu completato il primo tratto con la costruzione della stazione di Eigergletscher. Nella primavera successiva iniziarono le operazioni di scavo ma l’anno fu segnato da un grave incidente che causò la morte di sei operai colpiti da un'esplosione di dinamite.[5] A seguito di questo drammatico episodio vi furono circa quattro mesi di scioperi e i lavori si fermarono anche a seguito della morte dell’industriale Adolf Guyer-Zeller, committente e finanziatore dell’opera.

I lavori ripresero a pieno ritmo l’anno successivo e il primo tratto del tunnel venne completato con l’inaugurazione della stazione di Eigerwand il 28 giugno del 1903. I lavori di scavo proseguirono e il 25 luglio del 1905 fu inaugurata anche la seconda stazione della galleria di Eismeer.

Il 21 febbraio del 1912, dopo circa quattordici anni di lavori, il tunnel fu completato e la stazione di testa di Jungfraujoch fu inaugurata il 1º agosto dello stesso anno con un grande successo di pubblico che la rende celebre ancora oggi. Il completamento di questa coraggiosa opera d’ingegneria favorì il turismo alpino della zona e contribuì alla realizzazione di alcuni rifugi e dell'osservatorio astronomico ‘’Sphinx’’ del 1937.

Un convoglio alla stazione di Kleine Scheidegg

Dal 1978 la ferrovia fa parte della holding Jungfraubahn, che comprende anche la Wengernalpbahn (WAB); da Kleine Scheidegg la WAB la collega a Grindelwald e a Lauterbrunnen dalle quali i treni della Ferrovia Berner Oberland(BOB) la collegano alla rete delle Ferrovie Federali Svizzere a Interlaken Ost.[6]

Mediamente la ferrovia trasporta circa 500.000 visitatori all’anno e il 1º giugno del 2000 ha registrato il record di 8.148 visitatori in un solo giorno.[7]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La linea ferroviaria è dotata di un binario a scartamento metrico che utilizza un sistema a cremagliera del tipo Strub data la pendenza che raggiunge il valore di 250 per mille. La trazione fu elettrica sin dall'origine; attualmente è a 1.125 volt, a corrente alternata trifase.

Percorso, stazioni e fermate[modifica | modifica wikitesto]

La stazione terminale di Jungfraujoch
Una veduta panoramica dalla vetrata della stazione di Eismeer
Continuation backward
Linea WAB per Lauterbrunnen
Head station Station on track
0,0 Kleine Scheidegg 2.061 m s.l.m.
Straight track Unknown route-map component "CONTfl"
Linea WAB per Grindelwald
Non-passenger station/depot on track
1,0 Dienststation Fallboden
Station on track
2,0 Eigergletscher 2.320 m s.l.m.
Enter tunnel
Unknown route-map component "tHST"
2,0 Eigerwand 2.864 m s.l.m.
Unknown route-map component "tHST"
5,7 Eismeer 3.158 m s.l.m.
Unknown route-map component "tKBHFe"
9,3 Jungfraujoch 3.454 m s.l.m.

Il percorso ferroviario a cielo aperto parte dalla stazione di Kleine Scheidegg e culmina alla stazione di Eigergletscher a 2.320 metri d’altezza. I restanti 7,3 km dei complessivi 9,3 km di ferrovia si svolgono in galleria per ovviare alle difficili condizioni climatiche della zona. Il tratto coperto si snoda sotto le vette dell'Eiger e del Mönch e comprende due stazioni intermedie dalle quali i passeggeri possono osservare il panorama attraverso delle aperture sui fianchi delle montagne e termina alla stazione di Jungfraujoch a 3.454 m s.l.m., che detiene il primato di stazione di testa sotterranea più alta d’Europa.[8]

Il materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

I convogli in servizio sono costituiti da due carrozze con una capienza di 230 persone ciascuna dotate di un motore elettrico a due velocità che possono raggiungere un massimo di 12,5 km/h in salita mentre nella fase discendente i motori elettrici possono essere ricaricati sfruttando l’energia cinetica della discesa. Ovviamente tutti i convogli sono dotati di un sistema di sgombero della neve utile nel tratto scoperto che collega le stazioni di Kleine Scheidegg ed Eigergletscher e di alcuni vagoni merci che trasportano viveri e acqua per le varie strutture ricettive del complesso turistico dello Jungfraujoch e per lo Sphinx, il più alto osservatorio astronomico d'Europa.[9][10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sul tetto d'Europa. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  2. ^ Ecco la stazione più alta d’Europa. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  3. ^ Che in tedesco vuol dire "Vergine"
  4. ^ Sangue e sudore per conquistare la "Vergine".. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  5. ^ The Jungfraujoch Railway. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  6. ^ De Santis,Viaggio sulla Jungfrau in Ferrovie-Italmodel 215/1978.
  7. ^ Jungfraubahn Holding AG + Berner Oberland-Bahnen AG, Jungfraubahn. URL consultato il 18 gennaio 2015.
  8. ^ Diego Vaschetto, ‘’Treni di Montagna. Le più belle ferrovie delle alpi.’’, p. 101
  9. ^ Lavorare sul tetto d'Europa.. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  10. ^ Atlante delle esperienze a due passi dal cielo.. URL consultato il 25 gennaio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Diego Vaschetto, Treni di Montagna. Le più belle ferrovie delle alpi., Edizioni del Capricorno, 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Immagini[modifica | modifica wikitesto]