Ferrovia Tarvisio-Lubiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tarvisio-Lubiana
Stati attraversati Italia Italia
Slovenia Slovenia
Lunghezza 104 km
Apertura 1870
Gestore
Precedenti gestori KRB
kkStB
FS /
Scartamento 1.435 mm
Elettrificazione 3.000 V CC (Jesenice-Lubiana)
Note dismesso il tronco Tarvisio-Jesenice
Ferrovie

La ferrovia Tarvisio-Lubiana è una linea ferroviaria internazionale parzialmente chiusa all'esercizio, facente parte del complesso della storica ferrovia Rudolfiana. Essa collegava la città di Tarvisio a Lubiana; attualmente (2009) la linea ferroviaria in esercizio ricade completamente in territorio sloveno terminando a Jesenice. Infatti, dopo gli eventi delle due guerre mondiali e i conseguenti ripetuti spostamenti di confini, una parte della sezione rimasta in territorio italiano, tra Tarvisio Centrale e Fusine Laghi, e una parte di quella ricadente nell'allora Jugoslavia, tra Fusine Laghi, Kranjska Gora e Jesenice, furono dismesse.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Costruzione e primi anni d'esercizio[modifica | modifica sorgente]

Nel 1869, la società Kaiserlich-königliche privilegierte Kronprinz Rudolf-Bahn Gesellschaft (KRB, Imperial Regia privilegiata della ferrovia del Principe ereditario Rodolfo), impegnata in quel periodo nell'esercizio e nella costruzione della lunga ferrovia Rudolfiana, ottenne il privilegio per erigere una linea che collegasse Lubiana a Tarvisio. Il percorso della strada ferrata avrebbe risalito il corso della Sava passando quindi per Krainburg, Assling e Kronau[1].

La linea ferroviaria fu aperta il 14 dicembre 1870[2].

Diagramma stazioni di Tarvisio (circa 1878)
Head station
Alt Tarvis (prima Tarvis)
Junction from left Track turning from right
Straight track Station on track
Tarvis
Straight track Track turning left
Linea per Villaco
Straight track
Linea per Jesenice e Lubiana

La stazione terminale di Tarvisio era posta in un'area corrispondente all'attuale radice sud-ovest della stazione di Tarvisio Boscoverde a una quota più bassa rispetto all'impianto sulla nuova Pontebbana. Quando nel 1873 fu aperta all'esercizio la linea verso Villaco[2], fu inaugurata una nuova stazione per servire Tarvisio, l'attuale Tarvisio Centrale. Quest'impianto fu connesso alla linea per Lubiana da un raccordo che attraversava l'orrido dello Slizza su un ardito ponte metallico per portarsi sulla sponda sinistra della valle. L'originaria stazione di Tarvisio, trovandosi oltre il bivio per Villaco, posto presso la sua radice nord, fu in parte abbandonata in favore del nuovo impianto. Essa fu ridenominata dalla KRB Alt Tarvis (Tarvisio Vecchia), mentre la nuova stazione assunse il nome della precedente venendo ribattezzata Tarvis. Presso quest'ultima stazione, nel 1879 fu attestata la linea proveniente da Udine attraverso il valico di confine di Pontebba - Pontafel[2] anch'essa esercita dalla KRB[1].

A seguito della crisi finanziaria della KRB, anche la Tarvisio-Lubiana fu nazionalizzata nel 1884. La gestione passò quindi alle Kaiserlich-königliche österreichische Staatsbahnen (KkStB, Ferrovie imperiali dello stato austriaco) che procedettero a rimodernare la ferrovia[1].

Nel 1906 presso la stazione di Jesenice si attestarono due tronchi della Transalpina, quello per Trieste e la linea della Caravanche. Quest'ultima fu attivata due mesi dopo la prima, pertanto in quel breve periodo i treni della relazione transalpina furono instradati lungo la Tarvisio - Lubiana, utilizzando il tracciato fino a Jesenice, per proseguire quindi sulla nuova linea verso Trieste Sant'Andrea.

Il primo dopoguerra[modifica | modifica sorgente]

A seguito del Trattato di Saint-Germain-en-Laye (1919), la linea ferroviaria fu ripartita tra i territori dell'Italia e del regno dei Serbi, Croati e Sloveni. Il valico di confine fu posto nei pressi della stazione di Fusine Laghi. L'impianto di Tarvis, ribattezzato dalle Ferrovie dello Stato (FS) in Tarvisio Sobborghi e successivamente in Tarvisio Centrale, divenne stazione internazionale di confine. Il servizio ferroviario passeggeri e merci sul tracciato tra questa stazione e quella di Fusine Laghi fu esercito dalle ferrovie dello stato dei regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni, poi divenute Ferrovie statali jugoslave (JDŽ)[2], mentre la gestione dell'infrastruttura rimase di competenza delle FS. Il tracciato in territorio jugoslavo passò alle JDŽ.

Il secondo dopoguerra[modifica | modifica sorgente]

Dopo la seconda guerra mondiale e a seguito della successiva chiusura della frontiera verso la Jugoslavia il tronco in territorio italiano fu esercito direttamente dalle Ferrovie dello Stato. Il servizio su di esso ebbe termine nel 1965. Il tronco fu infine soppresso con il Decreto del presidente della Repubblica 14 agosto 1967, n. 19[3]. La linea fu disarmata negli anni ottanta, Solo negli ultimi anni, parte del sedime è stato riconvertito per essere riutilizzato da una pista ciclabile.

La sezione in territorio jugoslavo fu esercita dal dipartimento di Lubiana delle Jugoslovenskih Železnica (JŽ). Nel 1966, fu soppresso il servizio lungo il tronco fra il confine italiano e la stazione di Jesenice[4]. Negli anni successivi il binario fu disarmato. Nel 1991, a seguito dell'indipendenza della Slovenia, il ramo ferroviario Jesenice-Lubiana è passato alle ferrovie slovene.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La linea ferroviaria aveva una lunghezza complessiva di 103,7 km, dalla stazione di Tarvisio Centrale fino a quella di Lubiana. L'attuale tracciato in attività, tra lo scalo di Jesenice e quello della capitale slovena, è lungo 64,5 km.

L'intera linea era a binario singolo. Tale caratteristica è mantenuta nel tracciato in esercizio che risulta elettrificato a 3000 volt corrente continua. Il breve tratto fra lo scalo di smistamento di Ljubljana Šiška e Ljubljana è a doppio binario[5].

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Stazioni e fermate
Straight track
Linea per Udine
Unknown route-map component "eBHF"
Tarvisio Boscoverde (I)
Unknown route-map component "eABZrg" Unknown route-map component "exSTRlg"
Straight track Unknown route-map component "exWBRÜCKE2"
0+519 torrente Slizza
Straight track Unknown route-map component "exABZgl+l"
Linea per Udine (dismessa)
Straight track Unknown route-map component "exBHF"
0+000 Tarvisio Centrale (dismessa) 730 m slm
Straight track Unknown route-map component "exSTRlf"
Linea per Villaco (dismessa)
Station on track
Tarvisio Boscoverde (II) 732 m slm
Unknown route-map component "xABZlf"
Linea per Villaco
Unknown route-map component "exHST"
6+482 Fusine in Valromana
Unknown route-map component "exBHF"
8+262 Fusine Laghi
Unknown route-map component "xGRENZE"
9+337 Valico di Fusine (Confine Italia - Slovenia)
Unknown route-map component "exBHF"
11+100
658,2
Ratece
Unknown route-map component "exHST"
Podkoren
Unknown route-map component "exBHF"
652,6 Kranjska Gora
Unknown route-map component "exBHF"
648,2 Gozd
Unknown route-map component "exBHF"
640,0 Dovje-Mojstrana
Unknown route-map component "exBHF"
633,3 Hrušica
Unknown route-map component "exSTRlf" Unknown route-map component "exSTRlg"
Track turning from left Unknown route-map component "xKRZu"
Linea per Villaco e Klagenfurt
Unknown route-map component "eABZrg" Unknown route-map component "exSTRrf"
Station on track
630,2 Jesenice 573 m slm
Junction to right
Linea per Trieste
Station on track
627,4 Slovenski Javornik 558 m slm
Station on track
622,3 Žirovnica 554 m slm
Station on track
617,3 Lesce Bled 498 m slm
Stop on track
610,6 Globoko
Stop on track
608,2 Otoče
Station on track
605,3 Podnart 379 m slm
Junction from left
Linea per Naklo
Station on track
594,5 Kranj 357 m slm
Station on track
585,7 Škofja Loka 361 m slm
Stop on track
582,1 Reteče
Station on track
578,2 Medvode 314 m slm
Stop on track
575,3 Medno
Station on track
572,1 Ljubljana Vižmarje
Junction from left
Linea per Kamnik
Stop on track
570,1 Ljubljana Stegne
Stop on track
568,8 Litostroj
Non-passenger station/depot on track
567,3 Ljubljana Šiška 301 m slm
Junction from right
Linea per Trieste
Station on track
565,7 Ljubljana 298 m slm
Straight track
Linea per Vienna

La prima stazione terminale della linea ferroviaria, Tarvisio Boscoverde (detta anche Tarvisio Vecchia o, in tedesco, Alt Tarvis), era ubicata nei pressi della radice sud-ovest della seconda stazione di Tarvisio Boscoverde, costruita nel 2000. La prima Boscoverde era collegata alla stazione di Tarvisio Centrale (Tarvis, in tedesco), quindi alla ferrovia Pontebbana e alla Rudolfiana per Villaco, da una breve linea ferroviaria che scavalcava l'Orrido dello Slizza su di un ponte in ferro che la portava alla sinistra della valle.

Dalla stazione di Tarvisio Vecchia la linea saliva lungo la Val Romana, dove si trovavano le stazioni di Fusine in Val Romana e di Fusine Laghi, quest'ultima posta a ridosso del confine con la Jugoslavia, attuale confine con la Slovenia. In territorio jugoslavo la linea scendeva verso Jesenice lungo la valle della Sava, affiancando l'abitato di Kranjska Gora. Poco prima dell'ingresso presso la stazione di Jesenice, la linea ferroviaria veniva scavalcata dalla ferrovia delle Caravanche che dalla città slovena porta in Austria.

Presso Jesenice termina il tracciato dismesso. Oltre alla linea delle Caravanche, la strada ferrata si incrocia con la linea per Trieste, entrambe appartenenti al sistema della ferrovia Transalpina. Dopo la città slovena, la linea prosegue la sua discesa lungo la valle della Sava, seguendo un percorso che affianca il fiume, tranne nei pressi di Kranj in cui si allontana per servire Škofja Loka.

La linea termina presso la stazione di Lubiana, incrociandosi con la ferrovia Meridionale che collega Trieste a Vienna.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (DE) Elmar Oberegger, Kronprinz Rudolf-Bahn in Eisenbahnngeschichte Alpen-Donau-Adria, Elmar Oberegger, 2006. URL consultato il 17 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2006).
  2. ^ a b c d Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926 in Trenidicarta.it, Alessandro Tuzza, 1927. URL consultato il 17 luglio 2009.
  3. ^ Rovelli Roberto, Ex - ferrovia Tarvisio-Fusine Laghi in Ferrovie Abbandonate, Associazione Italiana Greenways, 2008. URL consultato il 17 luglio 2009.
  4. ^ (EN) Frank Válóczy, Construction of Railway Lines in Slovenia in Railways of the former Yugoslavia, 2002. URL consultato il 18 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2003).
  5. ^ (EN) Martin Zedník et al., Map of Croatia, Slovenia and Bosnia-Hercegovina, Railways through Europe, 2009. URL consultato il 18 luglio 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Ulteriori approfondimenti:

  • (DE) Dietmar Rauter, Herwig Rainer, Ein Verkehrsweg erschließt die Alpen, 2, Die Nebenbahnen der k.k.priv.Kronprinz Rudolf-Bahn, Santk Peter ob Judenburg, Verlag Mlakar, 1998. ISBN non esistente
  • Denis Carlutti, La ferrovia Tarvisio-Fusine-Jesenice.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]