Ferrovia Kildare-Waterford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kildare–Waterford
Stati attraversati Irlanda Irlanda
Apertura 1846
Gestore Iarnród Éireann
Scartamento 1600 mm
Elettrificazione no
Ferrovie

La ferrovia Kildare–Waterford è una linea ferroviaria irlandese che collega Kildare, città posta sulla Dublino–Cork, a Waterford, contea di Waterford.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La linea è una ferrovia a binario semplice non elettrificato. Lo scartamento adottato è di 1600 mm seguendo lo standard delle ferrovie irlandesi[1]

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Stazioni e fermate
BSicon CONTg.svg Linea per Dublino
BSicon BHF.svg Kildare
Continuation to left Junction to right
Linea per Cork Kent
BSicon BHF.svg Athy
BSicon eBHF.svg Mageney († 1963)
BSicon BHF.svg Carlow
BSicon eHST.svg Milford († 1963)
BSicon BHF.svg Muine Bheag
Unknown route-map component "eABZlf" Unknown route-map component "exCONTl"
Linea per Macmine († 1963)
BSicon eBHF.svg Gowran († 1963)
Unknown route-map component "exCONTr" Unknown route-map component "KBHFxl" Junction both to and from right
Kilkenny MacDonagh Linea per Portaloise (dismessa)
BSicon eBHF.svg Bennetsbride († 1965)
BSicon BHF.svg Thomastown
BSicon eBHF.svg Jerpoint Hill († 1853)
BSicon eBHF.svg Ballyhale († 1963)
BSicon eBHF.svg Mullinavat († 1963)
BSicon eBHF.svg Kilmacow († 1963)
Continuation to left Junction from right
Linea per Limerick
BSicon BHF.svg Waterford Plunkett
BSicon CONTf.svg Linea per Rosslare

Traffico[modifica | modifica sorgente]

La linea è utilizzata sia per il servizio passeggeri sia per quello merci. Per quanto riguarda la prima categoria, i servizi sono prevalentemente InterCity della relazione Dublino HeustonWaterford Plunkett. Ci sono otto treni al giorno per direzione da lunedì a sabato che si riducono a quattro durante la domenica e i giorni festivi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Thorsten Büker et al, Maps of British Isles and Ireland network, Railways through Europe, 2011. URL consultato il 21 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]