Ferro nativo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferro nativo
Iron-252608.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10) 1.AE.05
Formula chimica Fe
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino monometrico
Sistema cristallino isometrico[1]
Classe di simmetria esottaedrica[1]
Parametri di cella a=2,876664, V=23,55, Z=2[1]
Gruppo puntuale 4/m 3 2/m
Gruppo spaziale I m3m[1]
Proprietà fisiche
Densità 7,3-7,87[1] g/cm³
Durezza (Mohs) [1]
Sfaldatura imperfetta secondo {001}
Frattura dentellata[1]
Colore nero ferro, grigio scuro, grigio acciaio[1]
Lucentezza metallica[1]
Opacità opaco[1]
Striscio grigio[1]
Diffusione raro
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

Il ferro nativo è un minerale del ferro, appartenente al gruppo omonimo, abbastanza raro nonostante l'abbondanza del ferro nella crosta terrestre. Presenta magnetismo.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Il ferro nativo si presenta generalmente sotto forma di vescicole ma sono state trovate anche masse fino a 25 tonnellate di peso. Raramente si presenta in cristalli, a volte geminati secondo {111} o in masse lamellari secondo {112}.[2]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Il ferro nativo si trova soprattutto nelle meteoriti[3] e, più raramente, in basalti ricchi di sedimenti carboniosi. Si trova anche nel legno pietrificato con la limonite e materia organica.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Iron mineral information and data. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  2. ^ a b John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols, Handbook of Mineralogy, Chantilly, VA 20151-1110, Mineralogical Society of America.
  3. ^ Del ferro

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia