Ferenc Herczeg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferenc Herczeg

Ferenc Herczeg, nome di battesimo Franz Herzog, (Versec, 22 settembre 1863Budapest, 24 febbraio 1954), è stato uno scrittore ungherese.

Tradizionalista e conservatore, si ri­volse ai gusti e alle idee della borghesia con la sua rivi­sta letteraria Új Idők ("Tempi nuovi"), fondata nel 1895. Ebbe grande notorietà per i suoi romanzi stori­ci (I pagani, 1902; Il corriere della regina, 1909; I sette svevi, 1916; Luna calante, 1922; Bianchi e rossi, 1930; La casa gotica, 1939) e per i suoi drammi: Bisanzio (1904), in cui descrisse le conseguenze del disfacimen­to della classe conservatrice; La volpe azzurra (1917), che si rifà al teatro occidentale d'ispirazione psicologi­ca; Il cavaliere nero (1919); L'ultimo ballo (1932).  

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Molti dei suoi lavori fin dagli anni dieci furono adattati per lo schermo: La filmografia è completa[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo la filmografia su IMDb

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 55013830 LCCN: n90701048