Ferdinando Kettler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferdinando Kettler
Duca di Curlandia e Semigallia
Stemma
In carica 30 gennaio 1730 –
4 maggio 1737
Predecessore Anna I di Russia
Successore Ernesto Giovanni Biron
Nascita Mitau (Jelgava), 1655
Morte Mitau (Jelgava), 4 maggio 1737
Dinastia Kettler
Padre Giacomo Kettler
Madre Luisa Carlotta di Brandeburgo
Consorte Giovanna Maddalena di Sassonia-Weissenfels
Religione Luterano

Ferdinando Kettler (16554 maggio 1737) fu Duca di Curlandia e Semigallia dal 1730 al 1737.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ferdinando Kettler era il figlio di Giacomo Kettler e fratello minore di Federico II Casimiro, nonché zio di Federico III Guglielmo, marito a sua volta di Anna I di Russia, la quale aveva ottenuto il Ducato di Curlandia alla di lui morte. Dal 1658 al 1660 fu, assieme alla sua famiglia, trattenuto in ostaggio dagli svedesi, prima a Riga e in seguito ad Ivangorod.

Nel 1682, dopo la morte di suo padre, il ducato passò al suo fratello maggiore Federico Casimiro e Ferdinando si arruolò nell'esercito polacco, dove militò per molti anni e nei cui ranghi raggiunse i gradi di tenente generale, partecipando a innumerevoli battaglie contro gli ottomani. Dopo che anche il fratello morì, nel 1698 Ferdinando tornò in Curlandia e divenne, unitamente alla duchessa vedova, tutore del minore Federico Guglielmo, suo nipote, nel nome del quale governò come co-reggente.

Nel 1700, quando iniziò la Grande guerra del Nord, Ferdinando fu coinvolto in vari combattimenti presso Riga. Dopo essere stato sconfitto nella battaglia della Duna fu costretto a rifugiarsi a Danzica. Curlandia e Semigallia vennero occupate dagli svedesi, che si servirono del Consiglio del ducato (landtag) per controllare il paese. Il Consiglio, su pressione straniera, ben presto sollevò Ferdinando dai suoi compiti di co-reggente; più tardi, e nonostante gli svedessi avessero lasciato il paese, avrebbe anche rifiutato di riconoscerlo duca.

Infatti, quando il nipote Federico Guglielmo morì, poco dopo aver sposato Anna di Russia, Ferdinando si proclamò duca dall'esilio, ma esitò a tornare il Curlandia dopo aver appreso l'opposizione del Consiglio. Da quel momento e per molti anni, il ducato fu quindi governato dalla nuova duchessa vedova, con il sostegno del Consiglio, i cui maggiorenti (nel 1725) nominarono Maurizio di Sassonia erede al trono e furono persino sul punto di eleggerlo nuovo duca; quest'ultimo, però, dovette rinunciare e lasciare la Curlandia, sia per il suo rifiuto a sposare Anna, sia per le frizioni avute con l'amministrazione imperiale russa.

Quando Anna venne chiamata a succedere al trono di Russia, il Ducato di Curlandia, con l'assenso del Consiglio Ducale ed il beneplacito della neo-zarina, tornò quindi a Ferdinando, che lo governò da Danzica e ne mantenne il dominio sino alla morte. Ferdinando, appena diventato duca (ormai settantacinquenne), sposò la Duchessa Giovanna Maddalena di Sassonia-Weissenfels, dalla quale però non ebbe eredi.

Appena un mese dopo la sua scompara, nel 1737, il Consiglio affidò il ducato, su suggerimento della Zarina, al di lei amante, Ernesto Giovanni Biron.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Predecessore Duca di Curlandia e Semigallia Successore Flag of Courland (state).svg
Anna I di Russia 1730-1737 Ernesto Giovanni Biron

Controllo di autorità VIAF: 69839963

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie