Ferdinando Federico di Anhalt-Köthen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferdinando Federico di Anhalt-Köthen
Ferdinando Federico di Anhalt-Köthen.
Ferdinando Federico di Anhalt-Köthen.
Duca di Anhalt-Köthen
Stemma
In carica 1818 –
1830
Predecessore Luigi Augusto
Successore Enrico
Principe di Anhalt-Pleß
In carica 1797 –
1818
Predecessore Federico Ermanno
Successore Enrico
Trattamento Herzog.png
Sua Grazia
Nascita Pleß, 20 settembre 1769
Morte Köthen, 23 agosto 1830
Dinastia Anhalt-Köthen
Padre Federico Ermanno di Anhalt-Köthen
Madre Luisa Ferdinanda di Stolberg-Wernigerode
Consorte Luisa di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
Giulia di Brandeburgo
Religione Protestantesimo sino al 1825 poi cattolicesimo

Federico Ferdinando di Anhalt-Köthen (Pleß, 25 giugno 1769Köthen, 23 agosto 1830) è stato un generale prussiano. Fu Duca di Anhalt-Köthen della dinastia degli Ascanidi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ferdinando era figlio del Principe Federico Ermanno di Anhalt-Köthen e della Contessa Luisa Ferdinanda di Stolberg-Wernigerode. Nel 1786 entrò al servizio dell'esercito prussiano divenendo ben presto Generale Maggiore e combattendo nelle campagne militari del Reno tra il 1792 ed il 1794.

Alla morte del padre (1797) ottenne di accedere al trono del Principato di Pleß, sempre compreso nei domini degli Anhalt-Köthen, tornando nuovamente nelle schiere dell'esercito prussiano a partire dal 1806. Presente alla Battaglia di Jena combatté più volte l'esercito francese in Boemia ed in Austria. Altri scontri a cui partecipò ebbero luogo nei Paesi Bassi e in Francia.

Si sposò in prime nozze con Luisa di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck (1783-1803). Nel 1816, alla morte della prima moglie si risposò con Giulia di Brandeburgo (1793-1848), figlia del Re Federico Guglielmo II di Prussia e della sua moglie morganatica, la contessa Sofia di Dönhoff.

Nel 1818, alla morte del Duca Luigi Augusto di Anhalt-Köthen, gli succedette nella reggenza del Ducato di Anhalt-Köthen, cedendo il Principato di Anhalt-Köthen-Pleß al fratello Enrico.

In una sua visita a Parigi del 1825 Ferdinando si convertì con la moglie Giulia al cattolicesimo. Proprio per questa sua conversione, nell'Anhalt-Köthen si intensificarono le battaglie di religione, soprattutto per quanto riguarda gli influssi della Chiesa Evangelica. Il Duca, come suo confessore, chiamò a Köthen il gesuita Pierre-Jean Beckx (1795-1887).

A Grimschleben presso Nienburg chiamò l'Architetto classicista Gottfried Bandhauer per realizzare alcune opere nel suo palazzo. Nel 1828 venne fondata in suo nome una colonia dell'Anhalt-Köthen nell'Ucraina del Sud, denominata "Askania Nova", in un'area compresa tra le steppe dei Tauri, a nord di Halbinsel Krim.

Tra il 1823 ed il 1828 fece costruire il Ferdinandsbau del Castello di Köthen, nel 1829 l'Ospedale dei Barnabiti e nel 1830 la Chiesa cattolica di Santa Maria, sempre a Köthen.

Ferdinando morì senza eredi a Köthen, il 23 agosto 1830 e venne sepolto nella cripta della chiesa di Santa Maria da lui fatta erigere. Sua moglie Giulia si ritirò a vita privata a Vienna e sul trono di Anhalt-Köthen succedette il fratello di Ferdinando Federico, Enrico.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)
Cavaliere dell'Ordine Supremo del Cristo (Stato Pontificio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo del Cristo (Stato Pontificio)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Stato Pontificio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Stato Pontificio)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria (Impero austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria (Impero austriaco)
Cavaliere di II classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Prussia)
Cavaliere di II Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero di Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero di Russia)
Cavaliere di II classe dell'Ordine di San Stanislao (Impero di Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II classe dell'Ordine di San Stanislao (Impero di Russia)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Ducato di Anhalt-Köthen
Ascania
Wappen Freistaat Anhalt.png

Augusto Cristiano
Luigi Augusto
Ferdinando Federico
Enrico
Modifica
  • Franz Schulte: Herzog Ferdinand und Herzogin Julie. Eine religionsgeschichtliche und religionspsychologische Studie. Köthen: Verlag des Sächsischen Tageblatts, 1925
  • Hermann Wäschke: Anhaltische Geschichte. 3 Bde. Köthen: Schulze, 1912-13
  • Ferdinand Siebigk, in: ADB 6, 671-677; NDB 2, 517 und 5, 558
  • Ганкевич В.Ю. Правлячий герцог Фердинанд Фридрих Ангальт-Кетен-Плесський – засновник колонії Асканія-Нова // Ученые записки Таврического национального университета им. В.И. Вернадского. Серия «Исторические науки». Том 24 (63). № 2, спецвыпуск «История Украины». – С. 31 – 45. (ISSN 1606-3715) (http://science.crimea.edu/zapiski/2011/history/uch_24_2h/004_gankevich.pdf)
  • Ганкевич В.Ю. Вплив Ангальтсько-Російських династичних зв' язків на історію України (до 800-річча Ангальтської державності) // Ученые записки Таврического национального университета им. В.И. Вернадского. Серия «Исторические науки». - 2012. – 25 (64). - No 2. – С. 86–95. (ISSN 1606-3715) http://archive.nbuv.gov.ua/portal/soc_gum/UZTNU_istor/2012_2/files/Gankevich.pdf

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe di Anhalt-Pleß Successore
Federico Ermanno 17971818 Enrico
Predecessore Duca di Anhalt-Köthen Successore
Luigi Augusto 18181830 Enrico

Controllo di autorità VIAF: 169828424