Federico da Pagana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federico da Pagana

Doge della Repubblica di Genova
Durata mandato 7 aprile 1383 –
7 aprile 1383
Predecessore Nicolò Guarco
Successore Leonardo Montaldo

Dati generali
Professione commerciante, mercante

Federico da Pagana (Genova, 1315Genova, 1406) fu il nono doge della Repubblica di Genova.

Figlio di Nicolò da Pagana, quest'ultimo partecipò alla fortificazione della colonia genovese di Caffa in Crimea, nacque presumibilmente a Genova intorno al 1315. La sua famiglia - come suggerisce il cognome - era originaria dell'odierna frazione di San Michele di Pagana[1], a Rapallo.

Di parte ghibellina e "legato al popolo", la professione di Federico da Pagana era rivolta al commercio e alle mercanzie; all'età di 25 anni fu tra gli elettori del primo doge Simone Boccanegra. Avviato alla carriera politica e di stato, fu nominato ambasciatore presso alcune corti e signorie italiane - tra queste i Visconti - e ancora inviato speciale a Vienna presso la corte di Carlo IV di Lussemburgo dopo la nomina di Antoniotto Adorno quale Vicario imperiale.

Quasi a furor di popolo fu eletto il 7 aprile 1383 nuovo doge di Genova, ma il suo dogato non durò nemmeno un giorno intero poiché fu deposto il giorno stesso dell'elezione alla massima carica della repubblica. Gli succedette il decimo doge genovese Leonardo Montaldo.

Terminata la breve parentesi politica continuò a seguire i commerci. Morì verosimilmente nel capoluogo genovese intorno al 1406 e trovando sepoltura presso la chiesa di San Domenico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nella frazione rapallese a lui è dedicata la scogliera pedonale tra le baie di Trelo e Pomaro

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Buonadonna, Mario Mercenaro, Rosso doge. I dogi della Repubblica di Genova dal 1339 al 1797, Genova, De Ferrari Editori, 2007.
Predecessore Doge di Genova Successore Genova-Stemma.png
Nicolò Guarco 7 aprile 1383 - 7 aprile 1383 Leonardo Montaldo