Federico Guglielmo di Meclemburgo-Strelitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
GrossHerzogKrone.png
Federico Guglielmo di Meclemburgo-Strelitz
Federico Guglielmo di Meclemburgo-Strelitz
Federico Guglielmo di Meclemburgo-Strelitz in una fotografia d'epoca.
Granduca di Meclemburgo-Strelitz
Stemma
In carica 6 settembre 1860 – 30 maggio 1904
Predecessore Giorgio
Successore Adolfo Federico V
Nome completo Federico Guglielmo Carlo Giorgio Ernesto Adolfo Gustavo
Nascita Neustrelitz, 17 ottobre 1819
Morte Neustrelitz, 30 maggio 1904
Casa reale Meclemburgo-Strelitz
Padre Giorgio di Meclemburgo-Strelitz
Madre Maria di Assia-Kassel
Consorte Augusta di Hannover
Religione Protestantesimo

Federico Guglielmo di Meclemburgo-Strelitz (Neustrelitz, 7 ottobre 1819Neustrelitz, 30 maggio 1904) fu granduca di Meclemburgo-Strelitz dal 1860 sino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Federico Guglielmo nacque a Neustrelitz, figlio di Giorgio di Meclemburgo-Strelitz e della principessa Maria di Assia-Kassel (1796-1880).

Egli trascorse gran parte della giovinezza a Neustrelitz e successivamente studiò storia a Bonn. Concluse i propri studi recandosi in Italia e in Svizzera per un grand tour che lo portò poi in Inghilterra ove si laureò in diritto civile presso l'Università di Oxford.

Il 28 giugno 1843, si sposò a Buckingham Palace con la principessa Augusta di Hannover, figlia di Adolfo, duca di Cambridge e nipote del re Giorgio III.

Federico Guglielmo succedette al padre come granduca alla sua morte, il 6 settembre 1860. Realizzò investimenti nel campo dell'economia, delle infrastrutture e dell'istruzione, trascurati nei precedenti governi, saldando i debiti accumulati. Accumulò anche una notevole ricchezza personale e nel 1903, in occasione delle sue nozze di diamante, regalò ad ogni singolo cittadino del suo granducato la somma di 25 pfenning come segno di amore verso il proprio popolo, finanziando questa spesa coi propri fondi.[1] Fu anche il principale proprietario terriero del proprio granducato, avendo possedimenti in metà dello stato.[2]

Durante il regno di Federico Guglielmo il Meclemburgo-Strelitz divenne membro della Confederazione Germanica del Nord e quindi dell'Impero tedesco, ma le continue tensioni tra la sua visione della politica e l'amministrazione prussiana lo resero spesso inviso alla corte di Berlino. Il 12 agosto 1862, inoltre, egli ricevette le insegne dell'Ordine della giarrettiera dalla regina Vittoria, sua cugina.

Egli morì a Neustrelitz il 30 maggio 1904 e gli successe l'unico figlio Adolfo Federico V.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Federico Guglielmo e la moglie Augusta di Hannover ebbero tre figli, di cui solo uno sopravvisse alla maggiore età e divenne l'erede paterno:

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Albero genealogico di tre generazioni
Federico Guglielmo Padre:
Giorgio di Meclemburgo-Strelitz
Nonno paterno:
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonno paterno:
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna paterna:
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen
Nonna paterna:
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonno paterno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
Madre:
Maria di Assia-Kassel
Nonno materno:
Federico d'Assia-Kassel
Bisnonno materno:
Federico II d'Assia-Kassel
Bisnonna materna:
Maria di Hannover
Nonna materna:
Carolina di Nassau-Usingen
Bisnonno materno:
Carlo Guglielmo di Nassau-Usingen
Bisnonna materna:
Carolina Felicita di Leiningen-Heidesheim

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze meclemburghesi[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del Grifone - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Grifone
Gran Maestro e Cavaliere di gran croce con gemme dell'Ordine della Corona wendica - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di gran croce con gemme dell'Ordine della Corona wendica
— 15 novembre 1864

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della giarrettiera (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della giarrettiera (Regno Unito)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Six Cents to Every Subject", articolo apparso sul New York Times, 1903
  2. ^ "Wealthiest Grand Duke dead" (PDF), articolo apparso sul New York Times, 1904

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Louda, Jiri; Michael Maclagan (1981). Lines of Succession. London: Orbis Publishing. ISBN 0-85613-276-4.
  • Finestone, Jeffrey; Robert Massie (introduction) (1981). The Last Courts of Europe. London: J M Dent & Sons Ltd. ISBN 0-460-04519-9.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Granduca di Meclemburgo-Strelitz Successore
Giorgio 1860-1904 Adolfo Federico V
Predecessore Principe di Ratzeburg e Signore di Stargard Successore
Giorgio 1860-1904 Adolfo Federico V

Controllo di autorità VIAF: 47942211