Federico Costantini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federico Costantini al Festival del Film di Roma 2013

Federico Costantini (Roma, 17 gennaio 1989) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio d'arte, suo padre è il regista Daniele Costantini, la madre è la costumista Agata Cannizzaro; è fratello di Eugenia Costantini, figlia che il padre ha avuto da Laura Morante. Oltre Eugenia, ha altre due sorelle, Yara e Adele Costantini.

Il suo primo lavoro è il cortometraggio Stress metropolitano in rap (1997), diretto dal padre; in seguito gira alcuni spot pubblicitari, il primo dei quali insieme a Ronaldo.

Ottiene la sua grande occasione nel 2006, Fabio Tagliavia lo sceglie per il ruolo di Stefano nel film Cardiofitness (2007), tratto dal romanzo di Alessandra Montrucchio; Stefano è un quindicenne innamorato di Stefania (Nicoletta Romanov), una ragazza più grande di lui di 12 anni.

Successivamente è protagonista, insieme a Giulia Steigerwalt, del film tv in onda su Rai 2 nel 2008, Noi due, regia di Massimo Coglitore. Inoltre ritorna sul grande schermo con i film Hotel Meina, diretto da Carlo Lizzani, in cui interpreta il ruolo di Julien Fendez, e Un giorno perfetto, regia di Ferzan Ozpetek. Entrambi i film sono stati presentati alla Mostra d'arte cinematografica di Venezia, il primo fuori concorso nel 2007, il secondo in concorso nel 2008.

Ma il suo successo arriva con la miniserie televisiva in 6 puntate, I liceali (2008), dove interpreta il ruolo di Claudio Rizzo, giovane ricco e violento, turbato da drammi familiari. La miniserie è andata in onda in anteprima su Joi di Mediaset Premium e poi successivamente in chiaro su Canale 5. Con l'enorme successo del suo personaggio, diviene il nuovo idolo delle teenager italiane.

Nel 2009 torna ad interpretare il ruolo di Claudio Rizzo nella seconda stagione de I liceali ed appare in un cameo in Questo Piccolo grande amore. Nel 2011 è tra i protagonisti della serie tv per Canale 5 ispirata a Il Conte di Montecristo, Un amore e una vendetta, per la regia di Raffaele Mertes. Nella serie è il giovane aiutante di Alessandro Preziosi. Inoltre interpreta il figlio di Walter Chiari, (Simone Annicchiarico), nella miniserie televisiva in due puntate per Rai 1 Walter Chiari - Fino all'ultima risata sulla vita del comico italiano. Questa volta è diretto da Enzo Monteleone e recita al fianco di Alessio Boni. Nel 2012 viene scelto per interpretare uno dei protagonisti della miniserie TV per Canale 5, Come un Delfino - la serie, diretta ed interpretata da Raoul Bova, dove interpreta il ruolo di Marco Boschi, un giovane nuotatore ambizioso e senza scrupoli, tornando ad interpretare un ruolo da cattivo, che tuttavia, poi si redime. Nello stesso anno, il regista Lucio Pellegrini che lo ha diretto ne "I Liceali", lo chiama ad interpretare il ruolo di un giovane calciatore nella serie per Canale 5 sulla cucina "Benvenuti a Tavola 2", dove ritrova anche il collega Giorgio Tirabassi. Nel 2013 è protagonista del film per il cinema "Niente può fermarci" di Luigi Cecinelli, nel quale esordisce con la sua attività di Producer nel settore musicale, firmando tre pezzi della colonna sonora. Nel 2014, scelto da Mediaset, esordisce come conduttore alla guida del nuovo programma di Italia 1 Urban Wild.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Grande appassionato di calcio, ha giocato per dieci anni a livello agonistico nelle giovanili della Romulea, società 5 volte campione d'Italia a livello giovanile, nel ruolo di centravanti con il numero 9. Pratica kick boxing e motociclismo. Data la passione per la musica, lavora anche come DJ e Producer con il nome d'arte Bobo Costa. Ha avuto flirt con le fotomodelle Sofia Valleri e Federica Vesce.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi Televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]