Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federico Carlo
Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön, incisione di metà XVIII secolo
Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön, incisione di metà XVIII secolo
Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön
Nascita Castello di Sønderborg, 4 agosto 1706
Morte Traventhal, 19 ottobre 1761
Casa reale Casato degli Oldenburg
Padre Principe Cristiano Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön-Norburg
Madre Dorothea Christina von Aichelberg
Consorte Christine Armgard von Reventlow

Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön (Sønderborg, 4 agosto 1706Traventhal, 19 ottobre 1761) , noto come Friedrich Karl o Friedrik Carl di Holstein-Plön, era un membro di un ramo cadetto della famiglia reale danese w l'ultimo Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön (o Holstein-Plön), un principe reale danese, e un cavaliere dell'Ordine dell'Elefante. Quando morì senza eredi maschi nati dal suo matrimonio con la Contessa Christine Armgard von Reventlow, il governo del Ducato di Holstein-Plön ritorno alla corona danese.

I giardini del Castello di Plön all'epoca di Federico Carlo, 1749

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Federico Carlo nacque il 4 agosto 1706, nel Castello di Sønderborg, figlio postumo ed unico figlio maschio di Cristiano Carlo (1674-1706), un fratello del Duca Gioacchino Federico di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön. Quel duca morì nel 1722 senza eredi maschi più stretti eccetto che suo nipote, che a sua volta successe allo zio come duca divisionario di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön.

L'ascesa di Federico Carlo fu rimandata al 1729 poiché suo padre aveva contratto un matrimonio morganatico con sua madre, Dorothea Christina von Aichelberg, che fu riconosciuta come principessa danese dal Re soltanto anni dopo la morte di suo marito.[1]

Il sovrano barocco[modifica | modifica sorgente]

Plön godé di una vita culturale vivace sotto il dominio e il mecenatismo artistico di Federico Carlo.[senza fonte] Il duca progettò, costruì, e ricostruì residenze e giardini in stile barocco e rococò, alcuni dei quali ancora in piedi (il ducale Castello di Plön e la cosiddetta "Casa dei Principi" a Plön tra essi). Altri non esistono più (di particolare nota è la ducale residenza estiva a Traventhal, demolita nel XIX secolo).

Poiché nessun figlio nato dal matrimonio di Federico Carlo sopravvisse, nel 1756 egli concluse un patto di famiglia con Federico V di Danimarca, nominando il re suo successore al ducato di Plön. Le disposizioni furono ratificate solo cinque anni più tardi, quando Federico Carlo morì, nel suo piccolo palazzo a Traventhal, nella notte tra il 18 e il 19 ottobre 1761.

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Federico Carlo, sua moglie, le loro quattro figlie, sua madre, e un servitore nei giardini del castello di Traventhal, 1759.

Federico Carlo ebbe cinque figli dal suo matrimonio con Christine Armgard von Reventlow (1711-1779, una figlia del generale danese Christian Detlev, Conte von Reventlow, e nipote della regina consorte di Danimarca Anna Sofia Reventlow), che, come sua madre, era nata in una famiglia aristocratica non-dinastica. L'unico figlio maschio della coppia morì durante l'infanzia; le loro quattro figlie femmine furono:[1]

Inoltre, Federico Carlo ebbe figli da due amanti: da Sophie Agnes Olearius, con il quale egli condsse una liaison di sei anni, sei figlie femmine; e dalla sua maîtresse-en-titre, Maria Catharina Bein, sorella del ciambellano di corte, tre figli maschi (due dei quali morirono nell'infanzia) e due femmine (di cui una morì nell'infanzia), che il duca riconobbe e legittimò, e su quale (o sulle loro madri) egli conferì terre, titoli e denaro.[2]

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Huberty, Michel; Giraud, Alain; Magdelaine, F. et B., L'Allemagne Dynastique, Tome VII, Oldenbourg, France, Laballery, 1994, pp. 85, 110, 125, 151–153, ISBN 2-901138-07-1.
  2. ^ Heide Besse, "Willst du dein Herz mir schenken -- Friedrich Carl von Sonderburg-Plön und die Frauen", in Jahrbuch fuer Heimatkunde im Kreis Plön; Plön, Germany: Arbeitsgemeinschaft fuer Heimatkunde im Kreis Plön e.V.; Volume 30 (2000), pages 47-64. Dirck W. Storm, The Holstein Steinholzes: Their Origin and Descent; privately published monograph [2008]; passim.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • This article parallels one in the German Wikipedia, in which sources are cited.

Additional sources include:

  • Carsten Porskrog Rasmussen, Elke Imberger, Dieter Lohmeier, & Ingwer Momsen, Die Fürsten des Landes: Herzöge und Grafen von Schleswig, Holstein und Lauenburg; Neumünster, Germany: Wachholtz Verlag, 2008.
  • Traugott Schulze & Gerd Stolz, Die Herzogszeit in Plön, 1564-1761; Husum, Germany: Husum Verlag, 1983.
  • Dirck W. Storm, The Holstein Steinholzes: Their Origin and Descent; privately published monograph [2008].

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Plön Successore
Gioacchino Federico 1722-1761 (corona danese)