Federica Pellegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federica Pellegrini
Federica Pellegrini e Luca Marin (cropped).jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 65 kg
Nuoto Swimming pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Stile libero e staffette
Record
200 m sl 1'52"98 (2009) RM
400 m sl 3'59"15 (2009) RE
200 m sl 1'51"17 (2009) RM
Squadra DDS Milano
Circolo Canottieri Aniene
Palmarès
Giochi olimpici Olympic rings with white rims.svg 1 1 0
Campionati del mondo 4 2 1
Mondiali in vasca corta 0 1 2
Campionati europei 6 1 4
Europei in vasca corta 5 2 5
Giochi del Mediterraneo 2 0 0
Universiadi 2 1 1
Europei giovanili 0 2 0
Campionati Italiani 95 23 12
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 27 agosto 2014

Federica Pellegrini (Mirano, 5 agosto 1988) è una nuotatrice italiana.

È la prima nuotatrice Italiana ad aver vinto una medaglia d'oro ai Giochi Olimpici, fatto avvenuto alle Olimpiadi di Pechino 2008 nei 200 m stile libero. In carriera ha vinto anche quattro titoli mondiali consecutivi nei 200 e 400 m stile libero, fatto mai accaduto prima nella storia del nuoto femminile[1]. È stata la prima donna a infrangere il muro dei 4'00" nei 400 m sl e la prima ed unica a fermare, nella stessa specialità, il cronometro sotto l'1'53" nei 200 m. Inoltre, in quest'ultima distanza, è la primatista mondiale sia in vasca lunga che in vasca corta.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Pellegrini nel 2011

Nata a Mirano nel 1988 da madre veneziana e padre legnaghese, inizia a nuotare nel 1995 e, dopo i primi successi conseguiti sotto la guida di Max Di Mito alla Serenissima Nuoto di Mestre, nel 2004 passa alla DDS di Settimo Milanese, trasferendosi, sedicenne, da Spinea, dove era cresciuta e dove vive ancora la sua famiglia, a Milano.[2] Attualmente, nel 2014, vive con il fidanzato Filippo Magnini a Verona, città sede dei suoi allenamenti. Gareggia per il Circolo Canottieri Aniene.

2001-2002: gli esordi[modifica | modifica sorgente]

Appena tredicenne prende parte ai Campionati italiani invernali di Imperia in vasca da 25 metri. Disputa i 100, 200 e 400 m stile libero chiudendo le rispettive gare con il tempo di 58"74, 2’07"90 e 4’22"69.
L’anno seguente gareggia ai Campionati italiani primaverili di Brescia, fermandosi alle semifinali nei 50 m stile libero in 26"97 e chiudendo al quarto posto nella finale della distanza doppia in 57"52. Si mette in luce a livello nazionale quando, durante i Campionati italiani estivi di Gubbio nel 2002, sale per la prima volta sul podio nella gara dei 200 m stile libero conclusa in 2’03"82 alle spalle di Cecilia Vianini e Sara Goffi. Nell’inverno dello stesso anno, ai Campionati italiani invernali di Camogli in vasca da 25 metri, partecipa alle gare dei 50 m stile libero (26"24), dei 200 m stile libero (2’02"55) e dei 100 m stile libero in cui ottiene il 2° posto in 55"19.[3].

2003: Esordio internazionale e primi record italiani[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2003
Partecipazione per Italia Italia
Campionati europei giovanili di nuoto 2003
Argento 100 m stile 56"24
Argento 4×100 m misti 4'13"49[4]

Il 2003 è l’anno dell’affermazione a livello nazionale nella specialità dello stile libero.
Nel mese di gennaio prende parte, con il suo club, all’ “International Meet Geneva” (Svizzera) in vasca olimpica. Gareggia e vince nei: 50 m stile libero in 26"58, nei 100 conquista il primo posto nella categoria 15-16 anni in 57"32, infine nei 200 m stile libero vince ancora nella propria categoria in 2’06"57. Durante i Campionati italiani primaverili, sale sul podio nei 50, 100 e 200 m stile libero piazzandosi rispettivamente al 2°, 1° e 3° posto.

Nel mese di luglio viene convocata come staffettista ai mondiali di Barcellona. Nuota nelle batterie della 4x100 m stile libero, contribuendo con una frazione da 55"60.[5] Alcuni giorni dopo esordisce anche agli europei di Glasgow. Arriva in finale nei 50 m stile libero con il quinto tempo complessivo, mentre nella doppia distanza diventa vicecampionessa europea in 56"24 (migliorando di all’incirca un secondo il suo miglior crono stagionale registrato nel mese di giugno). Nella staffetta 4x100 m stile libero conclude al quarto posto, sesta invece nella 4x200 m stile libero e seconda nella 4x100 m mista dietro la nazionale tedesca.[6]

Nel mese di dicembre si qualifica per gli europei di nuoto in vasca corta di Dublino. Nella gara dei 100 m stile libero si ferma alle semifinali, mentre nei 200 m stile libero non supera le batteria, ma migliora di quattro secondi il proprio personale stabilito ai Campionati italiani invernali di Camogli nel 2002. Nella staffetta 4x50 m mista conclude al settimo posto complessivo.[7]

Poco dopo gli europei di Dublino, gareggia ai Campionati italiani invernali in vasca da 25 metri. Chiude la finale dei 50 m stile libero in 25"10, a un solo centesimo da Cristina Chiuso, la quale vince con il nuovo primato nazionale. Nei 100 m stile libero vince in 53"89, mentre 200 m stile libero si impone in 1’56"74. In entrambe le distanze riesce a stabilire il nuovo record italiano in vasca corta.

2004: L'esordio alla prima Olimpiade[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2004
Partecipazione per Italia Italia
Olimpiade di Atene
Argento 200 m stile 1'58"22

Nel 2004 Federica Pellegrini si impone come la più forte stile liberista nazionale, status che mantiene tuttora al 2014. Solo in questa stagione vince a livello nazionale 15 titoli italiani tra individuali e staffette. La stagione inizia con la partecipazione ai Campionati italiani primaverili di Livorno. In questa occasione vince il titolo italiano con record nazionale in tutte le distanze da lei affrontate sia individualmente che in staffetta. Si impone in 25"47 nei 50 m stile libero davanti a Cristina Chiuso, nella doppia distanza vince in 54"40, mentre nei 200 m stile libero segna un nuovo riferimento in 1'59"23. Con le sue compagne di squadra diventa campionessa italiana nella 4x200 m stile libero con una frazione da 2’00"09 e nella staffetta 4x100 m stile libero, nuotando una frazione da 54"36.
Nel mese di maggio, dopo i campionati italiani primaverili, ha esordito ai Campionati europei nella capitale spagnola. A Madrid nuota in quattro finali, sfiorando il podio nella 4x100 metri mista e nei 200 metri stile libero.[8]
In seguito alla partecipazione e vittoria nei 100 e 200 m stile libero al “Marenostrum-Trofeo Settecolli” di Roma, si presenta ai Campionati italiani estivi. Arriva 2° nei 50 m stile libero e chiude al primo posto nei 100, 400 e 200 m stile libero, riuscendo a conquistare in quest’ultima gara il primato nazionale in 1’58"59. Inoltre ottiene il titolo nazionale nelle staffette 4x100, 4x200 metri stile libero e 4x100 metri mista. I tempi registrati durante la manifestazione confermano i suoi progressi e la fanno sperare per una convocazione, che non tarda ad arrivare, ai Giochi Olimpici di Atene.

Nel mese di agosto parte con la squadra nazionale per le Olimpiadi di Atene. Nella gara dei 100 metri stile libero non riesce a superare le semifinali, mentre nei 200 metri ottiene risultati incoraggianti. Nuota le semifinali in 1’58"02 segnando il nuovo primato italiano ed accedendo alla finale con il miglior crono davanti a Solenne Figues. In finale vince la sua prima medaglia olimpica, piazzandosi al secondo posto in 1’58"22, battuta da Camelia Potec che vince in 1’58"03 (parziali:28.27, 29.81, 30.12, 30.02). Tale risultato rappresenta la piena affermazione di Federica Pellegrini a livello internazionale e il ritorno di una nuotatrice italiana sul podio olimpico dopo 32 anni dall’exploit di Novella Calligaris. Diventa così a 16 anni e 12 giorni la più giovane atleta italiana a salire su un podio olimpico individuale.[9]

In finale di stagione è assente ai Mondiali di Indianapolis, ma un mese più tardi gareggia per la nazionale ai Campionati europei in vasca corta di Vienna. È stata tre volte finalista, il miglior risultato è il quarto posto ottenuto nei 200 m stile libero. Infatti, viene superata da Petra Dallman e chiude in 1’57"45.[10] Alla fine dell’anno dopo gli appuntamenti europei ed olimpico, disputa i Campionati italiani invernali a Treviso, in vasca corta. Conclude la manifestazione con tre titoli italiani e due secondi posti.

2005: I mondiali di Montreal e gli europei di Trieste[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2005
Partecipazione per Italia Italia
Mondiali di Montreal
Argento 200 m stile 1'58"73
Campionati europei di nuoto in vasca corta 2005
Oro 200 m stile 1'55"54
Bronzo 400 m stile 4'02"81

Nelle tre edizioni dei campionati italiani svoltesi durante l’anno riesce a vincere 12 titoli nazionali tra gare individuali e staffette. Nel mese di febbraio gareggia in occasione del “International Meet Zvezda ’05 Kranj” arrivando terza nei 50 metri stile libero, nona nei 100 metri delfino e prima nei 100, 200, 400 metri stile libero.[11] Il mese successivo ancora vittorie nello stile libero al “International Swim Meet Berlin”.[12] Ai Campionati italiani primaverili vittoria e titolo italiano confermato nei 100,200 e 400 m stile libero. Nei 200 m stile libero ferma il cronometro in 1’57"92 che rappresenta il miglior tempo mondiale della stagione e il nuovo record italiano. Nei 400 m stile libero stabilisce il nuovo primato nazionale in 4’10"38, strappandolo a Tanya Vannini la quale lo aveva ottenuto 18 anni prima. Centra così la qualificazione per i Campionati mondiali di Montreal.

In seguito ai Campionati italiani e al “Trofeo Settecolli” partecipa ai mondiali di Montreal nel mese di luglio. Termina al decimo posto nelle semifinali nei 100 m stile libero, mentre riesce a vincere la medaglia d’argento nei 200 m stile libero. In batteria segna il tempo di 1’59"12, nella semifinale 1’58"82 e in finale conquista il secondo posto in 1’58"73 (parziali per vasca: 27.62, 29.83, 30.31, 30.97) a soli tredici centesimi dall’oro di Solenne Figues. Il tempo conclusivo è più alto di quasi un secondo rispetto a quanto nuotato ai Campionati italiani primaverili dello stesso anno, aver ripetuto una prestazione simile a quella degli Assoluti le avrebbe garantito la vittoria con ampio vantaggio sulle avversarie. Ha nuotato in finale anche con la 4x100 metri mista che è giunta a quinto posto, insieme a Chiara Boggiatto, Alessia Filippi e Ambra Migliori[13]

Ai Campionati italiani estivi di Pesaro, nel mese di agosto vince le gare individuali dei 100, 200 e 400 stile libero. Nel novembre dello stesso anno scende in acqua ai Campionati italiani invernali di Trieste in vasca corta. Vince nuovamente i 400 e i 200 m stile libero, stabilendo in quest’ultima gara il nuovo primato italiano in 1’56"15 e qualificandosi in entrambe le distanze ai Campionati europei in vasca corta che si sarebbero disputati un mese più tardi nella medesima vasca. In tale manifestazione vince la sua prima medaglia d'oro internazionale a pari merito con Josefin Lillhage nei 200 m stile libero in 1’55"54; nella distanza doppia sale per la prima volta sul podio, terza dietro a Laure Manaudou ed a Joanne Jackson in 4’02"81.[14]

2006: I mondiali in vasca corta di Shanghai[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2006
Partecipazione per Italia Italia
Mondiali in vasca corta 2006
Argento 200 m stile 1'55"15
Bronzo 400 m stile 4'03"63
Europei in vasca corta 2006
Argento 400 m stile 4'02"81

Dopo alcune gare disputate nei primi mesi dell'anno in Italia e all'estero, partecipa ai Campionati italiani primaverili. Ancora una volta è protagonista grazie ai quattro titoli nazionali conquistati.

Dopo i Campionati italiani primaverili di Riccione, esordisce in aprile ai Campionati mondiali in vasca corta di Shanghai, ottenendo risultati positivi. Conquista il primato italiano e settimo posto con la 4×100 m stile libero assieme a Flavia Zoccari, Cristina Chiuso e Alessia Filippi; è quarta con la 4×200 stile, nuotata con Flavia Zoccari, Alessia Filippi e Simona Ricciardi con il primato italiano migliorato di oltre dodici secondi tra batterie e finale. Nelle gare individuali è medaglia di bronzo nei 400 m stile libero in 4’03"63 battuta da Kate Ziegler e Bronte Barratt e infine argento nei 200 m stile in 1’55"15 (ancora con il primato italiano) battuta da Yang Yu.[15] Nonostante i risultati più che positivi ottenuti nelle manifestazione cinese, non disputa, i campionati italiani estivi.

Ai Campionati europei di Budapest in vasca lunga, ha avuto minore successo: non ha partecipato ai 100 metri stile libero e nei 200 m si è fermata alle batterie, in quanto consapevole del proprio Stato di forma precario, a causa di un problema alla spalla.[16] Lascia così ad altre atlete la possibilità di andare avanti nei turni, sapendo che in ogni caso lei non sarebbe stata soddisfatta del risultato. Nuota, invece, nelle finali delle staffette 4x100 e 4x200 m stile libero. In seguito alla rassegna continentale decide di cambiare allenatore, passando dal suo primo tecnico Massimiliano Di Mito ad Alberto Castagnetti, commissario tecnico della nazionale.

È tornata in vasca nel mese di dicembre partecipando agli europei in vasca corta di Helsinki. Arriva seconda nei 400 m dietro alla Manaudou che nell'occasione aveva battuto il primato mondiale. Non si è qualificata per la finale nei 100 m, fatto che nel seguito della carriera non si è più ripetuto se non per ritiro volontario (ma questa è stata anche l'ultima volta che ha nuotato la distanza in competizioni internazionali importanti). Qualche giorno più tardi gareggia ai Campionati Italiani Invernali a Livorno, chiudendo la propria stagione natatoria con i due titoli nazionali dei 200 e 400 m stile libero, vinti rispettivamente in 1’58"38 e 4’09"32.

2007: WR ai Campionati mondiali di Melbourne[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2007
Partecipazione per Italia Italia
Mondiali di Melbourne
Bronzo 200 m stile 1'56"97
Universiadi di Bangkok
Oro 200 m stile 1'57"67
Oro 400 m stile 4'06"11
Argento 800 m stile 8'34"97
Bronzo 4x200 m stile 8'01"11
Europei di Budapest
Argento 400 m stile 4'00"78

Sotto la guida di Castagnetti è tornata a vincere dodici titoli totali ai campionati italiani nel 2007. La stagione si apre con la partecipazione, a Verona, alla Coppa Brema in vasca da 25 m. Disputa i 100, 400 e 800 m stile libero, chiusi rispettivamente in 54"14, 4'08"21 e 8'21"68. Nel mese di marzo prende parte all'evento più importante della stagione: i Campionati mondiali di Melbourne. In questa occasione migliora il primato italiano nei 400 m stile libero, prima in batteria con il tempo di 4'06"51 e poi nella finale nella quale è giunta al quinto posto in 4'05"79. Due giorni dopo ha ottenuto il suo primo record del mondo nella semifinale dei 200 metri stile con il tempo di 1'56"47 battendo quello di Franziska van Almsick, primato battuto però meno di 24 ore dopo dalla rivale francese Laure Manaudou e da Annika Lurz nella finale, in cui la Pellegrini è arrivata terza in 1'56"97. Prende parte anche alle staffette 4x100 m mista e 4x200 m stile libero.[17]
Nel mese di aprile, di ritorno dai mondiali di Melbourne è presente ai Campionati italiani primaverili di Livorno, durante i quali vince tre titoli individuali nei 100, 200 e 400 m stile libero. Vince tali gare in 55"28, 1'58'59 e 4'11"11. Oltre ai titoli individuali arriva al primo posto nelle staffette 4x200 m stile libero e 4x100 m mista.[18]
Dopo il consueto appuntamento estivo a Roma, al "Trofeo Sette Colli", gareggia nel mese di luglio ai Campionati italiani estivi di Pesaro. Vince ancora tre titoli individuali nei 200, 400 e 800 metri stile libero che vengono conclusi in 1'58"43, 4'08"50 e 8'29"01, ai quali si aggiungono altri due titoli nazionali in staffetta.[19]
Nei primi giorni del mese di agosto gareggia al "Open EDF de Natation Paris", vincendo in 1'58"19 i 200 m stile libero a pari merito con Otylia Jedrzejak e in 4'05"20 nella doppia distanza, segnando il nuovo record italiano.[20][21]. Dal 9 al 14 agosto prende parte alle Universiadi di Bangkok vincendo due ori e la sua prima doppietta 200–400 m stile libero a livello internazionale. Nei 200 m stile libero vince in 1'57"67 davanti a Sara Isakovic e nei 400 m stile libero in 4'06"11 davanti a Coralie Balmy. Vince per la prima volta una medaglia di livello internazionale negli 800 m stile libero, argento, in 8'34"97 dietro la svizzera Flavia Rigamonti. La quarta medaglia arriva in staffetta dalla 4x200 m stile libero, arrivando al terzo posto in 8'01"11 e contribuendo con una frazione da 1'57"32.[22]
In novembre gareggia in occasione della coppa del mondo a Berlino, arrivando terza nei 200 m stile libero e prima nei 400 m stile. Un mese più tardi, in dicembre, gareggia ai Campionati europei in vasca corta di Debrecen che rappresentano l'ultimo appuntamento importante della stagione. Non riesce a salire sul podio nei 200 m stile libero, arrivando solo quinta in 1'56"61. Viene battuta per l'oro un'altra volta da Laure Manaudou nei 400 m che chiude in 4'00"78.[23]
Dopo il meeting "Open EDF de Natation Paris" in Francia e le Universiadi di Bangkok conclude la stagione ai Campionati italiani invernali di Riccione. Ancora vittoria nei 200 m stile libero in 1'57"26 e nella distanza doppia in 4'08"30.[24]

2008: Oro e WR all'Olimpiade di Pechino[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2008
Partecipazione per Italia Italia
Olimpiade di Pechino
Oro 200 m stile 1'54"82 WR
Europei di Eindhoven
Oro 400 m stile 4'01"53 WR
Argento 4x100 m stile 3'41"06
Bronzo 4x200 m stile 7'55"69
Europei in vasca corta 2008
Oro 200 m stile 1'51"85 WR
Bronzo 4x50 m mista 1'47"05

La stagione si apre agli Europei di Eindhoven, organizzati nel mese di marzo per dare pausa ai nuotatori in un anno olimpico. Federica Pellegrini trascina le sue compagne Alice Carpanese, Alessia Filippi e Renata Spagnolo al bronzo continentale con primato italiano nella 4x200 m stile libero con una frazione da 1'54"98. Il giorno successivo viene squalificata nella sua gara preferita, i 200 metri stile libero. Infatti, dopo il miglior tempo nelle eliminatorie (1'58"49) le viene impedito, con la squalifica per partenza irregolare, l'accesso alle semifinali ad opera del giudice spagnolo Alfonso Wucherfanning (presente in vasca anche nella squalifica di Loris Facci). Inutili sono stati i ricorsi della federazione, la quale rivendicava una partenza regolare con un tempo di reazione di 0.70 centesimi, poi provato anche dall'Omega, cronometrista ufficiale della manifestazione,[25]. Aggiunge una terza medaglia continentale ottenuta nella staffetta 4×100 m stile libero. Lei e le compagne giungono seconde battendo (col primato italiano) la Svezia allo sprint anche grazie ad Erika Ferraioli, Maria Laura Simonetto e Cristina Chiuso. Infine, una grande prestazione nei 400 m stile libero le regala il primo titolo in vasca lunga, togliendo anche il primato del mondo a Laure Manaudou (4'02"13). Diventa così la prima donna in grado di coprire la distanza in meno di quattro minuti e due secondi, stabilendo il nuovo record mondiale in 4'01"53.[26]
Dopo i Campionati europei disputa in aprile i Campionati italiani di Livorno, durante i quali partecipa ad una sola gara individuale: i 100 m stile libero che conclude al secondo posto in 55"98. Nelle staffette ottiene un terzo posto nella 4x100 m stile libero e due primi posti nella 4x200 m stile e 4x100 m mista. Durante il mese di giugno partecipa al "46° Trofeo Settecolli" e al "Campionato nazionale a squadre - Serie A" a Roma. Un mese più tardi vi è la partecipazione ai Campionati italiani estivi di Spresiano, durante i quali ottiene il titolo italiano nei 400 m stile libero ed un terzo e secondo posto rispettivamente nelle staffette 4x200 m stile libero e 4x100 m mista.
Viene convocata per i Giochi Olimpici di Pechino. L'11 agosto, nella finale dei 400 m vinta da Rebecca Adlington in 4'03"22 ha concluso soltanto al quinto posto con 4'04"56, nonostante in qualifica avesse fatto registrare il nuovo primato olimpico in 4'02"19.[27] Nel pomeriggio dello stesso giorno realizza il record del mondo nella batteria di qualificazione dei 200 m con il tempo di 1'55"45, strappando il vecchio primato alla rivale Laure Manaudou.[28] Il 13 agosto vince i 200 metri stile libero, primo oro in piscina per una nuotatrice italiana. Con il tempo di 1'54"82 ritocca ulteriormente il primato del mondo da lei stabilito due giorni prima. Passata seconda ai 50 metri, conquista la testa alla virata dei 100 e resiste al recupero della slovena Sara Isakovič, scesa anch'essa sotto il vecchio record, nelle ultime due vasche.[29] Ha nuotato anche nelle tre staffette arrivando in finale con la 4×200 m e contribuendo con una frazione da 1'54"97. Pur scendendo sotto il vecchio primato mondiale termina quarta assieme a Renata Spagnolo, Alessia Filippi e Flavia Zoccari.
In novembre, a pochi giorni dall'europeo in vasca corta di Rijeka partecipa ai Campionati invernali di Genova in vasca corta. Nei 200 m stile libero, arriva seconda in 1'57"72 dietro a Francesca Segat.[30]
A fine anno, Il 14 dicembre, ai Campionati Europei di nuoto in vasca corta di Fiume nei 200 metri stile libero vince l'oro battendo Femke Heemskerk e stabilendo il nuovo primato mondiale. Dopo essersi laureata campionessa olimpica, sale anche sul gradino più alto del podio continentale con il nuovo record mondiale stabilito in 1'51"85,[31] togliendolo a Coralie Balmy, la quale lo aveva segnato pochi giorni prima in occasione dei campionati francesi vincendo in 1'53"18. Nelle due finali di staffetta nuotate ottiene un bronzo nella mista assieme a Elena Gemo, Roberta Panara e Silvia Di Pietro.

2009: Doppietta e WR ai Mondiali di Roma[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2009
Partecipazione per Italia Italia
Giochi del Mediterraneo
Oro 400 m stile 4'00"41 WR
Oro 4x100 m stile 3'40"63
Mondiali di Roma
Oro 200 m stile 1'52"98 WR
Oro 400 m stile 3'59"15 WR
Europei in vasca corta 2009
Oro 200 m stile 1'51"17 WR
Federica Pellegrini ai mondiali di nuoto del 2009

In inizio di stagione gareggia ai Campionati primaverili di Riccione, durante i quali vince cinque titoli italiani. L'8 marzo ferma il cronometro a 1'54"47 nei 200 m stile libero, segnando, ancora una volta, un record mondiale. Sempre durante gli assoluti vince il titolo nella gara veloce dei 100 m stile libero con il tempo di 53"55, stabilendo un nuovo primato italiano. Nelle gare individuali arriva anche terza nei 100 m dorso, ma non scende in acqua per i 400 m stile libero. Nelle tre staffette sale sul gradino più alto del podio insieme alle sue compagne di squadra e stabilisce anche due record italiani di società.[32]
Ad un mese dall'inizio dei Giochi del Mediterraneo a Pescara, si svolgono nella medesima città i Campionati italiani. Vince i 400 m stile libero con il tempo di 4'06"30 e ancora una volta arriva terza nei 100 m dorso. si aggiudica un altro terzo posto con la staffetta mista, il titolo italiano nella 4x100 e 4x200 m stile libero, stabilendo in quest'ultima gara il nuovo record italiano di società.[33]
Pochi giorni dopo i Campionati estivi di Pescara, prende parte ai Giochi del Mediterraneo nella medesima città. Disputa una sola gara individuale, i 400 m stile libero e la staffetta veloce. Nei 400 m stile libero vince con il tempo di 4'00"41, strappando il precedente record del mondo a Joanne Jackson, la quale lo aveva stabilito nel mese di marzo pochi giorni dopo il nuovo primato mondiale della Pellegrini nei 200 m stile libero in occasione dei Primaverili di Riccione. Nella staffetta sale sul gradino più alto del podio con le sue compagne, avendo contribuito con una frazione da 53"03. In seguito agli ottimi risultati conseguiti ai Primaverili di Riccione e ai Giochi del Mediterraneo, debutta come favorita ai Mondiali di Roma. La mattina del 26 luglio vince le eliminatorie dei 400 m stile libero in 4'01"96, davanti a Allison Schmitt e Joanne Jackson. Nel pomeriggio, nella finale della stessa gara, conquista la medaglia d'oro battendo Joanne Jackson e Rebecca Adlington. Diventa la prima donna al mondo a scendere sotto i 4 minuti con il tempo di 3'59"15 (parziali per vasca: 28.45, 30.21, 30.31, 30.45, 30.24, 30.27, 29.86,29.36).[34] Due giorni dopo, scende in acqua nei 200 metri stile libero e abbassa il suo precedente primato mondiale vincendo in 1'53"67 la prima semifinale, segnando quindi il nono record del mondo prima dei 21 anni (parziali per vasca: 27.15, 28.67, 28.95, 28.90) Il 29 luglio superando le statunitensi Allison Schmitt e Dana Vollmer ha vinto poi la finale dei 200 metri stile libero, aggiudicandosi il suo secondo oro e migliorando ulteriormente il record del mondo del giorno precedente con il tempo di 1'52"98 (parziali per vasca: 27.34, 28.26, 28.78, 28.60) [35] Dal 1'54"82, stabilito a Pechino, In meno di un anno, la Pellegrini ha abbassato il record del mondo di quasi 2 secondi. Infine, il 30 luglio, nella staffetta 4×200 m stile libero, pur non vincendo, riesce grazie alla sua rimonta a trascinare il quartetto composto da lei, Renata Spagnolo, Flavia Zoccari e Alice Carpanese e a farla arrivare quarta, dall'ottavo posto in cui l'Italia si trovava prima della sua frazione. Questo risultato provoca, però, grande amarezza per la Pellegrini, la quale sperava in un risultato migliore da parte delle sue compagne.[36] Dopo i successi dei mondiali di Roma, partecipa alla "33° edizione Trofeo Mussi - Lombardi - Feminiano" in vasca corta, ad un mese di distanza dai Campionati europei di Istambul. In ottobre fu colpita dalla morte di Alberto Castagnetti, suo allenatore con il quale aveva un rapporto stretto e che l'aveva portata alle vittorie appena conseguite.[37] Ha quindi scelto Stefano Morini come suo nuovo tecnico.[38] Ha quindi scelto Stefano Morini come suo nuovo tecnico.[39] A fine anno ha partecipato agli europei di Istanbul in cui nei 200 metri stile libero vince ancora la medaglia d'oro, stabilendo un nuovo primato mondiale in 1'51"17 e dedicando la vittoria al suo allenatore appena scomparso.[40]

2010: Europei e mondiali in vasca corta[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2010
Partecipazione per Italia Italia
Europei di Budapest
Oro 200 m stile 1'55"45 CR
Bronzo 800 m stile 8'24"99
Europei in vasca corta 2010
Oro 800 m stile 8'15"20
Bronzo 4x50 m mista 1'49"56
Mondiali in vasca corta 2010
Bronzo 400 m stile 3'59"52

Nell'inizio di stagione partecipa ai primaverili di Riccione, conquistando sei titoli nazionali. Individualmente sale sul gradino più alto del podio nei 200 m stile in 1'56"23, nei 400 m in 4'04"30 e negli 800 m stile libero in 8'27"54. Ottiene il titolo italiano anche nelle tre staffette da lei disputate.[41] Prende parte agli Europei di Budapest che si tengono dal 9 al 15 agosto in Ungheria. Il 13 agosto scende in vasca per disputare le fasi eliminatorie dei 200 m stile libero, accedendo alle semifinali con il miglior tempo. Nel pomeriggio dello stesso giorno riesce ad ottenere il miglior tempo di accesso alle finali in 1'56"53 davanti ad Agnes Mutina e Camille Muffat. Il giorno successivo vince l'oro continentale in 1'55"45, segnando il nuovo record dei campionati, davanti a Silke Lippok e Agnes Mutina. La gara si sviluppa in progressione nelle quattro vasche, dopo esser virata ai 150 m in seconda posizione dietro a Silke Lippok, recupera fino al sorpasso della tedesca. Vincendo questa gara riesce a chiudere il grande slam nella distanza (Olimpiade - Mondiale - Europeo) diventando campionessa in tutte e tre le manifestazioni.[42] Durante i campionati affronta anche gli 800 m stile libero, nei quali conquista il terzo posto in 8'24"99 dietro a Lotte Friis e la francese Ophelie Cyrielle Etienne.[43] Al termine della gara annuncia che a causa del suo Stato influenzale rinuncerà a disputare i 400 m stile libero.[44]
Nel mese di agosto, di ritorno dai Campionati europei di Budapest, non gareggia agli Assoluti estivi di Ostia, mentre nel periodo invernale affronta gli appuntamenti in vasca corta, a partire dagli europei di nuoto di Eindhoven nel mese di novembre. Ottiene l'oro europeo negli 800 m stile libero con il tempo di 8'15"20 e diventa così campionessa europea della distanza in vasca corta. Medaglia che le arriva guardando la serie principale seduta in tribuna; infatti, le è bastato il tempo ottenuto nella serie lenta per conquistare il primo posto. Abbassa inoltre il proprio personale di cinque secondi (precedente 8'21"68 ottenuto a febbraio 2007 a Verona).[45] Affronta anche i 400 m stile libero, ma a causa di una crisi d'ansia che già l'aveva colpita in passato, decide di abbandonare le batterie.[46] In staffetta vince il bronzo nella 4x50 m mista, insieme alle compagne Laura Letrari, Lisa Fissneider e Elena Gemo.
Nel mese di dicembre conclude la stagione partecipando ai mondiali in vasca corta di Dubai. Nei 200 m stile libero termina le batterie con il terzo tempo complessivo in 1'54"66, ma in finale arriva solo settima in 1'55"24. Nella distanza doppia riesce a salire sul podio vincendo il bronzo in 3'59"52, dietro a Kylie Palmer e Katie Hoff.
Alla fine del 2010 l'atleta ha congedato il suo allenatore Stefano Morini (subentrato l'anno precedente a seguito della morte di Castagnetti), dichiarando di volere un tecnico che la protegga e che sappia reggere le pressioni. Il 17 gennaio 2011 ha annunciato il nome del suo nuovo allenatore, Philippe Lucas (ex allenatore di Laure Manaudou).[47]

Nel mese di dicembre vince il titolo italiano nei 200 m stile libero ai Campionati italiani di Riccione in vasca corta, in 1'55"35. Vince, inoltre, le staffette 4x50 m mista e stile libero.[48]

2011: Doppietta mondiale a Shanghai[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2011
Partecipazione per Italia Italia
Mondiali di Shanghai
Oro 200 m stile 1'55"58
Oro 400 m stile 4'01"97
Europei in vasca corta 2011
Bronzo 4x50 m stile 1'38"12

Dopo la scelta della sua nuova guida tecnica avvenuta in gennaio, esordisce ai primaverili di Riccione. D'accordo con il suo allenatore preferisce dare più importanza alle gare individuali per testare la sua risposta ai nuovi allenamenti, anche se vince il titolo nella staffetta mista e vince il bronzo nella staffetta veloce. Scende in acqua in tutte le distanze dello stile libero, dai 100 agli 800 m stile libero, vincendo in tutte le gare. Chiude i 100 m stile libero in 54"98, la doppia distanza in 1'56"98 e i 400 m stie libero in 4'03"49. Porta a termine anche gli 800 m stile libero in 8'31"08, nonostante abbia avuto un momennto di esitazione alla partenza.[49][50]
Durante la fase finale della "Coppa Caduti di Brema", svoltasi ad Ostia nel mese di marzo, stabilisce il nuovo primato italiano in vasca corta nei 400 m stile libero fermando il cronometro a 3'57"59.[51] Nel mese di agosto disputa i 200 e i 400 m stile libero al "Trofeo Settecolli" di Roma, vincendo in entrambe le distanze in 1'56"85 e 4'04"67.[52] Nello stesso mese partecipa anche alla Finale di Campionato a squadre - Serie A e al meeting "Aspria Swimming Cup" di Milano.
Nel mese di luglio, dopo vari meeting di avvicinamento, fa il suo esordio ai mondiali cinesi a Shanghai. Il 24 luglio, prima giornata di gare, vince le batterie dei 400 m stile libero in 4'04"76 davanti a Camille Muffat e Lauren Boyle. Nella serata dello stesso giorno si conferma campionessa del mondo, vincendo la gara davanti a Rebecca Adlington e Camille Muffat con il tempo di 4'01"97[53], la quinta prestazione mondiale di sempre. Imposta la gara su un ritmo tranquillo, inizia l'accelerazione ai 250 m per poi proseguire la sua progressione fino al termine della gara, arrivando prima con più di due secondi di vantaggio sulle avversarie. (parziali per vasca: 29.01, 30.76, 31.24, 31.29, 30.41, 29.89, 30.09, 29.28).
Nei giorni successivi entra in acqua per disputare i 200 m stile libero. Termina al secondo posto complessivo nelle batterie e nelle semifinali dietro a Allison Schmitt nelle prime e a Femke Heemskerk nelle seconde. Nella finale si è ripetuta, aggiudicandosi l'oro davanti a Kylie Palmer e Camille Muffat[54], facendo segnare un crono di 1'55"58 grazie a una rimonta nelle ultime due vasche (parziali per vasca: 27.62, 29.42, 29.14, 29.40). È la prima atleta nella storia a conquistare il titolo nelle due specialità in due edizioni iridate diverse e consecutive dei campionati mondiali. Infine, terminate le gare individuali, partecipa anche alle batterie della 4x100 m mista e 4x200 m stile. L'11 agosto, pochi giorni dopo la fine dei mondiali, ha cambiato di nuovo l'allenatore[55], ufficializzando l'accordo con Federico Bonifacenti (già suo vice allenatore durante il periodo trascorso con Castagnetti). Durante i campionati di Shanghai fa parlare di sé anche per le sue vicende personali: in quel periodo infatti, finisce la relazione con il suo fidanzato Luca Marin (dopo 4 anni) e inizia una nuova storia con Filippo Magnini.[56] I due atleti erano stati anche compagni di squadra, anche per questo Marin rilascerà dichiarazioni molto critiche sia su Federica che sul vecchio compagno di squadra, dicendosi deluso dal loro comportamento.
Dopo i successi ottenuti in Cina ai Mondiali di Shanghai, gareggia agli assoluti di Ostia nei 400 m stile libero che vince in 4'00"54. Gradino più alto del podio anche nella staffetta 4x50 m stile libero, vinta con il nuovo record italiano di società.Nel mese di novembre alcune manifestazioni come il Meeting di Viareggio e di Lamezia Terme la vedono protagonista in preparazione ai Campionati europei in vasca corta di Stettino.[57]
Termina l'anno agli Europei. In questa occasione partecipa solo alla staffetta 4x50 m stile libero arrivando terza alle spalle di Germania e Danimarca.[58] Nei 400 m stile libero accede alle finali con il quinto tempo, ma non riesce a salire sul podio terminando al quarto posto finale.[59] La stagione invernale si conclude con la sua presenza alla finale della "Coppa Caduti di Brema" e ai Campionati invernali di Riccione. Vince quattro titoli italiani nei 200 e 400 m stile e nelle staffette 4x100 m mista e stile.[60]

2012: L'europeo e la delusione olimpica[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2012
Partecipazione per Italia Italia
Europei di Budapest
Oro 200 m stile 1'56"76
Oro 4x200 m stile 7'52"90
Bronzo 4x100 m stile 3'39"84

L'anno olimpico inizia con la partecipazione, nel mese di marzo, agli assoluti primaverili di Riccione durante i quali vince il titolo nei 100, 200 e 400 m stile rispettivamente in 54"73, 1'57"10 e 4'05"70.[61] Partecipa ai Campionati a squadre e al "Trofeo Settecolli". Dopo Il Campionato a squadre, prende parte ai Campionati europei di Debrecen. Disputa la gara dei 200 m stile libero, nella quale si conferma campionessa in 1'56"76 a due anni di distanza dalla precedente edizione dei campionati continentali. Arriva in finale con il miglior crono e termina la gara davanti Silke Lippok e Ophelie Cyrielle Etienne. Nei 400 m stile non supera le batterie che chiude con un crono di 4'14"27.[62] Al termine della sua prova dichiara di essere lei stessa incredula del risultato e afferma di non essersi sentita molto bene durante lo svolgimento della gara.[63] In staffetta riesce a vincere un altro oro nella 4x200 m stile libero, contribuendo con una frazione da 1'55"33 che porta la squadra a vincere il titolo europeo.[64] Arriva anche terza nella 4x100 m stile libero, dietro a Germania e Svezia.
Alle Olimpiadi di Londra arriva quinta nei 400 m stile libero in 4'04"50. Nei 200 m stile vince con il primo tempo assoluto le batterie in 1'57"16, ma in finale arriva solo quinta in 1'56"67 replicando il tempo ottenuto in semifinale.[65] Partecipa anche come staffettista alla 4x100 m mista e stile fermandosi alle batterie, mentre nella 4x200 m stile libero accede alla finale e conclude con le compagne al settimo posto. Al termine dei giochi londinesi si dice dispiaciuta per i risultati ottenuti, ma è certa di aver fatto il possibile nelle sue gare. Inoltre, dichiara di voler prenderei un anno sabbatico per riflettere sul suo futuro e sulla sua guida tecnica.[66]
Nel mese di dicembre partecipa ai mondiali di nuoto di Istanbul solo in qualità di staffettista. Le sue frazioni in finale sono di 54"13 nella 4x10 m stile e di 1'54"31 nella 4x200 m. In seguito ai deludenti risultati delle Olimpiadi di Londra e i mondiali di Istambul partecipa ai Campionati italiani di Riccione scendendo in acqua solo per le staffette, conquistando un primo e un secondo posto. Termina la sua stagione alla "Coppa Caduti di Brema" gareggiando nelle staffette e nei 200 m stile e 200 m dorso.

2013: Mondiali di Barcellona ed europei[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2013
Partecipazione per Italia Italia
Mondiali di Barcellona
Argento 200 m stile 1'55"15
Europei di nuoto in vasca corta
Oro 200 m stile 1'52"80
Bronzo 400 m stile 3'58"90

Dopo i Giochi Olimpici Federica Pellegrini decide di tornare con il tecnico francese Philippe Lucas che l'aveva portata, a Shanghai, a vincere nuovamente il titolo mondiale nei 200 e 400 stile libero. La nuova collaborazione è stata voluta dall'atleta per la preparazione ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro 2016[67]. Dopo alcuni mesi allenata da Lucas, partecipa al Trofeo città di Milano 2013, durante il quale si cimenta nei 100 e 200 dorso. Nei 100 dorso arriva seconda in 1'01"79 (contro l'1'01"77 di Arianna Barbieri). Nei 200 dorso, distanza che affronta per la prima volta, riesce a vincere in 2'10"99.[68]. Poche settimane dopo partecipa ai Campionati italiani assoluti primaverili durante i quali, oltre a vincere il titolo nei 200 m stile libero, riesce ad aggiudicarsi il titolo nei 100 dorso migliorando il proprio personale di oltre un secondo. Nei 200 dorso vince in 2'08"05, prestazione che la porta vicinissima al record italiano di Alessia Filippi, le vale la qualificazione ai mondiali di Barcellona 2013 ponendola tra i migliori crono nuotati al mondo fino a quel momento e le vale anche la miglior prestazione in tessuto mai nuotata nel panorama nazionale[69]. Ai mondiali di Barcellona partecipa ai 200 stile libero, nonostante alla vigilia avesse detto di voler puntare solo sul dorso e sulle staffette[70].

Il 28 luglio fa il suo esordio ai campionati mondiali partecipando alla 4x100 m stile libero con Alice Mizzau, Silvia Di Pietro e Erika Ferraioli. Chiude la sua frazione in 53"98; la staffetta azzurra si ferma al decimo posto complessivo nonostante il tempo rappresenti il nuovo record italiano in 3'39"50.[71] Il 30 luglio partecipa ai 200 m stile libero e si mostra competitiva sin dalle batterie (1'56"79), quindi accede alla finale con il miglior tempo (1'55"78). Il giorno dopo in finale arriva seconda dietro la favorita Missy Franklin. Il tempo, 1'55"14, è anche il suo personale con costume in tessuto (parziali per vasca: 27"40, 29"23, 29"44, 29"07)[72]. Il 1° agosto partecipa con Alice Mizzau, Martina De Memme e Diletta Carli alle batterie della staffetta 4x200 m stile libero, aggiudicandosi l'ottavo posto con il tempo di 7'57"41 ed accedendo di conseguenza alla finale. Al pomeriggio, in finale, le quattro atlete chiudono in settima posizione in 7'57"91.[73] Il giorno seguente scende nuovamente in acqua per affrontare i 200 m dorso che per la prima volta disputa a livello internazionale. Al mattino chiude con il terzo tempo la sua batteria in 2'10"65;[74] il pomeriggio in semifinale ottiene il nono tempo in 2'09"97, che non le permette l'accesso alla finale per soli 13 centesimi.[75] L'ultimo giorno dei campionati, il 4 agosto, disputa le batterie della staffetta 4x100 m mista con le compagne Lisa Fissneider, Ilaria Bianchi e Erika Ferraioli. Federica Pellegrini apre la staffetta con la frazione a dorso in 1'01"31. La staffetta viene però squalificata a causa dell'ultimo cambio anticipato di Erika Ferraioli.[76]

Dopo i risultati dei mondiali di Barcellona 2013 partecipa al trofeo Mussi Lombardi Femiano di Viareggio in vasca da 25 metri gareggiando nei 400 metri stile libero, nei 200 dorso e nei 100 stile libero. In queste due ultime gare vince stabilendo il nuovo record italiano. Si aggiudica i 200 dorso in 2'03"75, cancellando il precedente 2'04"55 stabilito da Alessia Filippi nel 2009 (era dei costumi gommati). La gara dei 100 metri stile libero viene conclusa da Federica in 52"86, togliendo il precedente primato di 53"58 a Erika Ferraioli.[77].

Pochi giorni dopo le buone prestazioni del meeting partecipa ai Campionati europei di nuoto in vasca corta 2013 di Herning, durante i quali gareggia sia nei 200 che nei 400 m stile libero. Nella prima gara torna al successo dopo quattro anni in questa manifestazione, con un tempo di 1'52"80, che rappresenta il suo miglior tempo nuotato in tessuto e il quarto in assoluto. Nella gara dei 400 m stile libero chiude terza dietro a Mireia Belmonte Garcia e Lotte Friis con un tempo di 3'58"90. Anche in questa occasione stabilisce uno dei suoi migliori tempi, in una gara che comunque non nuotava dalla finale olimpica. Il 2013 si conclude con la partecipazione ai Campionati italiani invernali di nuoto 2013, durante i quali partecipa alle staffette 4x100 m stile libero e mista. Come unica gara individuale affronta i 200 m dorso, vincendo il titolo nazionale.

2014: Campionati europei di Berlino[modifica | modifica sorgente]

Medagliere 2014
Partecipazione per Italia Italia
Europei di Berlino
Oro 200 m stile 1'56"01
Oro 4x200 m stile 7'50"53
Bronzo 4x100 m stile 3'37"63

|} Il 2014 inizia con la partecipazione al Trofeo Città di Milano, dove disputa i 100 m dorso (1'01"03) e i 200 m dorso (2'09"56). Dopo il collegiale negli Stati Uniti con il suo team, partecipa ai Campionati italiani primaverili di Riccione. Affronta come gare individuali i 400 m e 200 m stile libero e i 200 m dorso. Nella prima gara conquista il titolo con il tempo di 4'04"56 e nella seconda chiude in 1'55"69 (parziali per vasca: 27"59, 29"19, 29"45, 29"46). In entrambe le gare vince con un crono che, in quel momento, la pone tra le migliori prestazioni dell'anno. I 200 m dorso vengono vinti da Federica Pellegrini in 2'09"27. Durante la manifestazione partecipa anche alle staffette 4x200 m stile libero, 4x100 m mista e 4x100 m stile libero, chiudendo rispettivamente al primo, secondo e terzo posto. Nella 4x200 m stile libero è l'ultima frazionista a scendere in acqua con più di cinque secondi di ritardo dalla squadra GS Fiamme Oro Roma. Nonostante il distacco, recupera la prima posizione, portando il Circolo Canottieri Aniene A alla vittoria, con una frazione da 1'57"25. Nella staffetta 4x100 m stile libero contribuisce con una frazione da 55"83, mentre nella 4x100 m mista parte come prima frazionista a dorso in 1'02"01. Al termine della manifestazione ottiene la qualificazione per i Campionati Europei di Berlino 2014 in tutte e tre le gare da lei disputate.[78]

Il 13 aprile partecipa alla finale del campionato a squadre "Coppa caduti di Brema" a Riccione, in vasca da 25 metri. Federica Pellegrini partecipa alla gara dei 200 m stile libero e la conclude con il tempo di 1'53"20, che rappresenta per lei la quinta prestazione in carriera e la seconda di sempre con costume in tessuto. Nel pomeriggio affronta anche i 200 m dorso vincendo in 2'04"90. Nella staffetta 4x100 m mista conclude la sua frazione in 53"21, stabilendo con le compagne il nuovo record italiano di società in 3'56"15. Nel pomeriggio partecipa alla staffetta 4x100 m stile libero, segnando con la propria squadra il nuovo record italiano assoluto e di società con il tempo di 3'36"32 e cancellando così il suo precedente record individuale risalente ai mondiali di Shanghai 2006, nonché il precedente record italiano di società, stabilito da lei e dalla sua squadra nel 2003, quando era appena quindicenne.[79]

Nel mese di giugno partecipa alla cinquantunesima edizione del Trofeo Sette Colli di Roma, dove, su indicazione del suo allenatore Philippe Lucas, gareggia solo nei 50 m stile libero e nei 100 e 200 dorso. Nella prima giornata del trofeo scende in vasca per i 50 m stile libero; conclude la batteria con l'undicesimo posto complessivo con il tempo di 25"92, che però non le permette l'accesso alla finale A. Nel pomeriggio vince la finale B in 25"47. Si tratta del medesimo tempo che nuotò dieci anni prima e che, in finale A, le avrebbe permesso di chiudere al quinto posto. Il 14 giugno disputa la finale dei 100 dorso e conclude al terzo posto con il tempo di 1'00"94, dopo aver segnato in batteria il tempo di 1'01"50. [80] [81] Durante l'ultima giornata del trofeo le gare vengono cancellate a causa di un violento temporale che si abbatte sulla città di Roma e, per tale ragione, Federica Pellegrini non disputa la gara dei 200 m dorso.[82]

Dal mese di giugno partecipa ad alcuni meeting di avvicinamento ai Campionati europei di nuoto. La prima manifestazione alla quale prende parte è il "Trofeo internazionale città di Bari", svoltosi il 28 e 29 giugno. In questa occasione disputa i 200 m stile libero (1'57"51) e i 400 m stile libero (4'09"84). Al termine delle gare si dichiara soddisfatta dei tempi segnati, soprattutto in relazione all'intensa preparazione appena conclusa a Port Grimaud con l'allenatore Philippe Lucas.[83][84]

Il 15 e 16 luglio, all'indomani del ritiro dal nuoto annunciato dall'olimpionica Camille Muffat[85], partecipa alla "Swimming Cup 2014 - Trofeo BPM". Come dichiarato da Federica stessa, partecipa solo a gare alternative che raramente disputa. Durante la prima giornata, nella città di Milano, chiude al terzo posto nei 50 m stile libero (26"10) e seconda nei 100 m delfino (1'01"82 primato personale)[86] Nella seconda giornata del trofeo, svoltasi a Torino, conclude al primo posto sia nei 50 m stile libero che nei 100 m stile libero. Nella prima gara termina in 26"04, mentre nella distanza doppia in 54"83. Come indicato dall'atleta stessa, si tratta delle ultime competizioni alle quali prenderà parte prima degli europei di Berlino, avendo deciso con l'allenatore di non partecipare ai Campionati Assoluti estivi dell'1 e 2 agosto 2014.[87]

All'esordio degli Europei di nuoto di Berlino contribuisce alla staffetta 4x100 m stile libero con una frazione lanciata da 53"65. Grazie anche alla squalifica della staffetta danese, vince la medaglia di bronzo con le compagne di squadra Alice Mizzau, Erika Ferraioli e Giada Galizi, stabilendo inoltre il nuovo record italiano in 3'37"63, abbassando di circa due secondi il primato precedente. Il 21 agosto 2014 vince la medaglia d'oro insieme alle compagne Alice Mizzau, Chiara Masini Luccetti e Stefania Pirozzi nella staffetta 4x200 m sl, dopo un recupero sulla staffetta della Svezia di ben 5"01 da parte di Federica sulla nuotatrice svedese Stina Gardell. Quando Federica è entrata in vasca, la Svezia aveva concluso la terza frazione con il tempo di 5'49"52, mentre l'Italia accusava un ritardo di 4"51 (5'54"03). Federica è riuscita a colmare questo ritardo concludendo in 7'50"53 (1'56"50 nella sua frazione), 0"50 davanti alla Svezia (che ha totalizzato 7'51"03), e stabilendo il record dei campionati europei. Viene scelta anche come frazionista a stile libero per la 4x100 m mista mista con Luca Mencarini, Mattia Pesce ed Elena di Liddo, non riesce però a recuperare il grande divario creatosi nelle frazioni precedenti alla sua e la staffetta italiana termina al quinto posto.
Il 23 agosto vince l'oro nella finale dei 200 sl, con il tempo di 1'56"01. Diventa così la sola atleta in grado di vincere tre titoli continentali consecutivi in questa distanza, impresa che non era riuscita nemmeno alle più grandi nuotatrici europee come Laure Manaudou e Franziska Van Almsick.[88] Il giorno seguente, il 24 agosto, nonostante avesse il miglio tempo di accesso dalle batterie, chiude al quarto posto nella finale dei 400 m sl con il tempo complessivo di 4'04"42. Sebbene il tempo conclusivo non sia tra i migliori a livello internazionale, Federica Pellegrini si dice comunque abbastanza soddisfatta per la gara disputata essendo consapevole che sarebbe stata più dura da affrontare rispetto ai 200 m sl. Inoltre, come aveva già annunciato prima dei Campionati Europei, dovrà decidere con il proprio allenatore Philippe Lucas se continuare a portare questa gara negli eventi internazionali, o se concentrarsi solamente nei 200 m.[89][90]

Primati personali[modifica | modifica sorgente]

Le gare alle quali partecipa sono i 100, 200, 400 e 800 m stile libero, tutte le staffette e dal 2013 anche ai 100 e 200 dorso.
Specialità Vasca Lunga (anno)[91][92] Vasca Corta (anno)[91][92]
50 m stile libero 25.47 (2004/2014) 25.02 (2004)
100 m stile libero 53.55 (2009) RI 52.86 (2013) RI
200 m stile libero 1:52.98 (2009) RM 1:51.17 (2009) RM
400 m stile libero 3:59.15 (2009) RE 3:57.59 (2011) RI
800 m stile libero 8:24.99 (2010) 8:15.20 (2010)
50 m dorso 31.02 (2004)
100 m dorso 1.00.69 (2013) 58.80 (2013)
200 m dorso 2:08.05 (2013) 2:03.75 (2013) RI
50 m farfalla 29.14 (2005)
100 m farfalla 1.01.82 (2014)
200 m farfalla 2:08.69 (2013)
100 m misti 1:04.62 (2003)
200 m misti 2:17.25 (2009)
4×50 m stile libero (squadra nazionale) 1:37.56 (2013) RI
4×100 m stile libero (squadra nazionale) 3:37.63 (2014) RI 3:36.32 (2014) RI
4×200 m stile libero (squadra nazionale) 7:46.57 (2009) RI 7:46.01 (2012) RI
4×50 m mista (squadra nazionale) 1:47:05 (2008) RI
4×100 m mista (squadra nazionale) 4:04.90 (2008) 3:55.66 (2012) RI
4×50 m stile libero (club) 1:40.76 (2011) RI
4×100 m stile libero (club) 3:43.63 (2009) RI 3:36.32 (2014) RI
4×200 m stile libero (club) 8:03.52 (2009) RI 8:02.89 (2003) RI
4×100 m mista (club) 3:56.15 (2014) RI

Progressione record del mondo[modifica | modifica sorgente]

Ha realizzato 11 volte il record del mondo, nelle seguenti specialità:[93]

  • 6 nei 200 m stile libero (vasca 50 m)
  • 3 nei 400 m stile libero (vasca 50 m)
  • 2 nei 200 m stile libero (vasca 25 m)

200 m stile libero (vasca 50 m)

Anno Edizione Città Distanza Tempo Fase di gara
2007 Mondiali di nuoto Melbourne 200 m 1'56"47" Semifinali
2008 Olimpiade Pechino 200 m 1'55"45" Batteria
2008 Olimpiade Pechino 200 m 1'54"82" Finale
2009 Campionati italiani Riccione 200 m 1'54"47" Finale
2009 Mondiali di nuoto Roma 200 m 1'53"67" Semifinale
2009 Mondiali di nuoto Roma 200 m 1'52"98" Finale

400 m stile libero (vasca 50 m)

Anno Edizione Città Distanza Tempo Fase di gara
2008 Europei di nuoto Eindhoven 400 m 4'01"53" Finale
2009 Giochi del Mediterraneo Pescara 400 m 4'00"21" Finale
2009 Mondiali 2009 Roma 400 m 3'59"15" Finale

200 m stile libero (vasca 25 m)

Anno Edizione Città Distanza Tempo Fase di gara
2008 Europei di nuoto Fiume 200 m 1'51"85" Finale
2009 Europei vasca corta Istanbul 200 m 1'51"17" Finale

Progressione[modifica | modifica sorgente]

vasca da 50 metri vasca da 25 metri *A
200 m do 100 m do 50 m sl 100 m sl 200 m sl 400 m sl 800 m sl stagione 50 m sl 100 m sl 200 m sl 400 m sl 800 m sl 100 m do 200 m do
--- --- --- --- 2'29"5 *m --- --- 1998-1999 --- --- --- --- --- --- ---
--- --- --- 1'05"1 *m 2'18"6 *m 4'48"5 *m --- 1999-2000 --- --- --- --- --- --- ---
--- --- 28"97 1'01"20 2'08"84 4'30"3 *m --- 2000-2001 --- --- --- --- --- --- ---
--- --- 26"60 56"88 *r 2'03"22 *r 4'22"08 --- 2001-2002 --- --- --- --- --- --- ---
--- --- 25"88 55"95 2'03"32 4'26"02 --- 2002-2003 --- --- --- --- --- --- ---
--- --- 25"47 *j*c 54"40 *j*c 1'58"02 *j*c 4'12"46 *j --- 2003-2004 25"10 53"89 1'56"74 --- --- --- ---
--- --- 26"35 54"55 1'57"92 *c 4'10"38 --- 2004-2005 25"52 54"25 1'57"45 4'18"3 *m 8'43"6 --- ---
--- --- 27"01 55"28 1'58"38 4'08"91 *c --- 2005-2006 26"82 54"65 1'55"15 4'02"81 8'27"43 --- ---
--- --- --- 55"28 1'56"47 M 4'05"20 8'29"01 2006-2007 26"00 54"14 1'55"51 3'59"96 8'21"68 --- ---
--- --- --- 55"98 1'54"82 M 4'01"53 M 8'33"43 2007-2008 --- 54"97 1'55"29 4'00"78 8'29"82 --- ---
--- --- 26"16 53"55 1'52"98 M 3'59"15 M --- 2008-2009 25"39 54"05 1'51"85 M 4'06"05 --- --- ---
--- --- --- 55"80 1'55"45 4'03"12 8'24"99 2009-2010 --- 54"40 1'51"17 M 4'04"15 --- --- ---
--- --- 26"49 54"91 1'55"58 4'01"97 8'31"08 2010-2011 --- --- 1'54'66 3'57"59 8'15"20 --- ---
--- --- --- 54"73 1'56"32 4'04"50 --- 2011-2012 --- 54"68 1'56'34 4'00"48 --- 1'01"23 ---
2'08"05 1'00"69 --- --- 1'55"15 4'07"37 --- 2012-2013 --- --- 1'54'51 --- --- --- 2'05"71
2'09"27 1'00"94 25"47 54"83 1'55"69 4'04"42 --- 2013-2014 --- 52"86 1'52'80 3'58"90 --- 58"80 2'03"75
  • A = i tempi ottenuti in vasca corta si riferiscono al periodo settembre (circa) - agosto (circa), quindi i risultati ottenuti tra settembre e dicembre di un anno solare vanno conteggiati con quelli dell'inizio dell'anno successivo. Ad esempio, i tempi ottenuti alla fine del 2008 fanno parte della stagione 2008-2009. Per i tempi in vasca lunga si considera il periodo 1º gennaio - 31 dicembre del secondo anno riportato nella colonna Stagione.
  • *m = tempo manuale.
  • *r = primato italiano "ragazze".
  • *j = primato italiano "juniores".
  • *c = primato italiano "cadette".
  • M = primato mondiale.
  • I tre trattini (---) non sempre indicano che nella stagione di riferimento non sono stati registrati tempi su una certa distanza, ma più probabilmente che non sono state trovate fonti attendibili e verificabili a conferma di una performance.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giochi Olimpici Olympic rings with white rims.svg 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 800 m st. libero 200 m dorso 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
2004 Atene
Grecia Grecia
--- Argento
1'58"22
--- --- --- 10ª - 3'44"88
frazione: 54"64
--- squalificata
2008 Pechino
Cina Cina
--- Oro
1'54"82 - RM

4'04"56[94]
--- --- 10ª - 3'40"42
frazione: 53"42
4ª - 7'49"76 - RE
frazione: 1'54"97
14ª - 4'04"93
frazione: 55"99
2012 Londra
Regno Unito Regno Unito
---
1'56"73

4'04"50
--- --- 12ª - 3'39"74 - RI
frazione: 54"28
--- ---
Campionati del mondo 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 800 m st. libero 200 m dorso 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
2003 Barcellona
Spagna Spagna
--- --- --- --- --- 8ª - 3'44"53
nuota in batteria
--- ---
2005 Montreal
Canada Canada
10ª in semifinale
55"37
Argento
1'58"73
--- --- --- --- --- 5ª - 4'04"90
frazione: 54"66
2007 Melbourne
Australia Australia
--- Bronzo
1'56"97

4'05"79
--- --- 13ª - 8'06"64
frazione: 1'58"84
10ª - 4'06"64
frazione: 54"45
2009 Roma
Italia Italia
--- Oro
1'52"98 - RM
Oro
3'59"15 - RM
--- --- --- 4ª - 7'46"57
frazione: 1'53"45
---
2011 Shanghai
Cina Cina
--- Oro
1'55"58
Oro
4'01"97
--- --- --- 13ª - 8'02"69
frazione: 1'58"08
14ª - 4'04"74
frazione: 54"27
2013 Barcellona
Spagna Spagna
--- Argento
1'55"14
--- --- 9ª in semifinale
2'09"97
10ª - 3'39"50- RI
frazione: 53"98
7ª - 7'57"91
frazione: 1'58"73
8ª - 4'01"07
staffetta squal.
Mondiali in vasca corta 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 800 m st. libero 200 m dorso 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
2006 Shanghai
Cina Cina
--- Argento
1'55"15
Bronzo
4'03"63
--- --- 7ª - 3'39"18
frazione: 53"90
4ª - 7'50"39
frazione: 1'55"69
---
2010 Dubai
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
---
1'55"24
Bronzo
3'59"52
--- --- --- 6ª - 7'46"80
frazione: 1'54"70
---
Campionati europei 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 800 m st. libero 200 m dorso 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
2004 Madrid
Spagna Spagna

55"33

2'00"28
--- --- --- 5ª - 3'45"72
frazione: 55"79
--- 4ª - 4'07"79
frazione: 54"70
2006 Budapest
Ungheria Ungheria
--- 12ª in batteria[95]
2'01"87
--- --- --- 6ª - 3'42"59
frazione: 55"01
5ª - 8'02"61
frazione: 1'59"52
---
2008 Eindhoven
Paesi Bassi Paesi Bassi
--- --- Oro
4'01"53 - RM
--- --- Argento: 3'41"06
frazione: 53"68
Bronzo: 7'55"69
frazione: 1'54"98
---
2010 Budapest
Ungheria Ungheria
--- Oro
1'55"45
--- Bronzo
8'24"99
--- --- --- ---
2012 Debrecen
Ungheria Ungheria
--- Oro
1'56"76
--- --- --- Bronzo
3'39"84
Oro: 7'52"90
frazione: 1'55"33
---
2014 Berlino
Germania Germania
--- Oro
1'56"01
4° posto --- --- Bronzo
3'37"63
frazione: 53"65
Oro
7'50"53
frazione: 1'56"50
5° posto
Europei in vasca corta 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 800 m st. libero 200 m dorso 4×100 m st. libero 4×50 m st. libero 4×50 m mista
2003 Dublino
Irlanda Irlanda
14ª in semifinale
54"67
9ª in batteria
1'58"46
--- --- --- --- --- 7ª - 1'52"29
frazione: 24"82
2004 Vienna
Austria Austria

54"25

1'57"45
--- --- --- --- 7ª - 1'41"96
frazione: 25"54
---
2005 Trieste
Italia Italia
--- Oro
1'55"45
Bronzo
4'02"81
--- --- --- 6ª - 1'40"31
frazione: 25"19
---
2006 Helsinki
Finlandia Finlandia
13ª in semifinale
55"08

1'55"51
Argento
3'59"96
--- --- --- 7ª - 1'41"12
frazione: 26"00
---
2007 Debrecen
Ungheria Ungheria
---
1'56"61
Argento
4'00"78
--- --- --- --- ---
2008 Rijeka
Croazia Croazia
--- Oro
1'51"85 - RM
--- --- --- --- 4ª - 1'38"88
frazione: 24"50
Bronzo: 1'47"05
frazione: 24"01
2009 Istanbul
Turchia Turchia
--- Oro
1'51"17 - RM
--- --- --- --- 4ª - 1'39"03
frazione: 24"37
8ª - 1'47"70
frazione: 24"49
2010 Eindhoven
Paesi Bassi Paesi Bassi
--- --- ritirata
in batteria
Oro
8'15"20
--- --- 5ª - 1'40"44
frazione: 25"09
Bronzo: 1'49"56
frazione: 25"06
2011 Szczecin
Polonia Polonia
--- --- --- --- --- --- Bronzo
1'38"12
---
2013 Herning
Danimarca Danimarca
--- Oro
1'52"80
Bronzo
3'58"90
--- --- --- --- ---
Giochi del Mediterraneo 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 800 m st. libero 200 m dorso 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
Pescara 2009
Italia Italia
--- --- Oro
4'00"41 - RM
--- --- Oro: 3'40"63
frazione: 53"03
--- ---
Universiadi --- 200 m st. libero 400 m st. libero 800 m st. libero 200 m dorso 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
Bangkok 2007
Thailandia Thailandia
--- Oro
1'57"67
Oro
4'06"11
Argento
8'34"97
--- 5ª - 3'44"10
frazione: 55"39
Bronzo: 8'01"11
frazione: 1'57"32
6ª - 4'07"78
frazione: 55"28
Europei giovanili 50 m st. libero 100 m st. libero --- --- --- 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
Glasgow 2003
Scozia Scozia

26"48
Argento
56"24
--- --- --- 4ª - 3'51"77
frazione: 56"91
6ª - 8'25"36
frazione: 2'06"82
Argento: 4'13"49
frazione: 56"84

Campionati italiani[modifica | modifica sorgente]

  • 55 titoli individuali e 38 in staffette, così ripartiti:
  • 1 nei 50 m stile libero
  • 12 nei 100 m stile libero
  • 20 nei 200 m stile libero
  • 16 nei 400 m stile libero
  • 3 negli 800 m stile libero
  • 1 nei 100 m dorso
  • 3 nei 200 m dorso
  • 3 nella staffetta 4×50 m stile libero
  • 10 nella staffetta 4×100 m stile libero
  • 8 nella staffetta 4×200 m stile libero
  • 4 nella staffetta 4×50 m mista
  • 14 nella staffetta 4×100 m mista

nd = non disputata

Anno
Edizione
st.libero
50 m
st.libero
100 m
st.libero
200 m
st.libero
400 m
st.libero
800 m
st.libero
4×50 m
st.libero
4×100 m
st.libero
4×200 m
dorso
100 m
mista
4×50 m
mista
4×100 m
dorso
200 m
2002 Estivi - - 3 - - nd - - - nd nd nd
2002 Invernali - 2 - - - - nd nd - - nd nd
2003 Primaverili 2 1 3 - - nd - - - nd nd nd
2003 Invernali 2 1 1 - - 1 nd nd - 1 nd nd
2004 Primaverili 1 1 1 - - nd 1 1 - nd 1 nd
2004 Estivi 2 1 1 1 - nd 1 1 - nd 1 nd
2004 Invernali 2 1 1 - - 2 nd nd - 1 nd nd
2005 Primaverili - 1 1 1 - nd 3 - - nd 1 nd
2005 Estivi - 1 1 1 - nd 1 2 - nd 1 nd
2005 Invernali - 2 1 1 3 2 nd nd - 1 nd nd
2006 Primaverili - 1 1 2 - nd 1 3 - nd 1 nd
2006 Invernali - - 1 1 - nd nd nd - nd nd nd
2007 Primaverili - 1 1 1 - nd 2 1 - nd 1 nd
2007 Estivi - - 1 1 1 nd 1 2 - nd 1 nd
2007 Invernali - - 1 1 - nd nd nd - nd nd nd
2008 Primaverili - 2 - - - nd 3 1 - nd 1 nd
2008 Estivi - - - 1 - nd - 3 - nd 2 nd
2008 Invernali - - 2 - - nd nd nd - nd nd nd
2009 Primaverili - 1 1 - - nd 1 1 3 nd 1 nd
2009 Estivi - - - 1 - nd 1 1 3 nd 3 nd
2010 Primaverili - - 1 1 1 nd 1 1 - nd 1 nd
2010 Invernali - - 1 - - 1 nd nd - 1 nd nd
2011 Primaverili - 1 1 1 1 nd 3 - - nd 1 nd
2011 Estivi - - - 1 - 1 nd nd - 2 nd nd
2011 Invernali - - 1 1 - nd 1 - - nd 1 nd
2012 Primaverili - 1 1 1 - nd 2 - - - 1 nd
2012 Invernali - - - - - - 2 - - - 1 nd
2013 Primaverili - - 1 - - - 2 2 1 - 2 1
2013 Invernali - - - - - - 1 - - - 2 1
2014 Primaverili - - 1 1 - - 3 1 - - 2 1

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[96]
Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 1º settembre 2008. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[97]
Collare d'oro al Merito Sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al Merito Sportivo

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Sportiva italiana dell'anno per il quotidiano Gazzetta dello Sport nel 2008, 2009 e 2011
  • Sportiva mondiale dell'anno per il quotidiano Gazzetta dello Sport nel 2009 e 2011
  • Nuotatrice dell'anno per la rivista Swimming World Magazine 2009[98]
  • Nuotatrice europea dell'anno per la rivista Swimming World Magazine 2009, 2010 e 2011[98]
  • Premio Atreju nel 2009[99].

Libri[modifica | modifica sorgente]

  • Federica Pellegrini, Io nuoto per amore, Mondadori, 2009, ISBN 88-04-59116-1.
  • Federica Pellegrini e Federica Taddia, Mamma, posso farmi il piercing?, Fabbri, 2007, ISBN 88-451-4413-5.
  • Federica Pellegrini e Matteo Giunta, Il mio stile libero. Nuoto, amore e rock'n'roll, Mondadori, 2014, ISBN 9788804642466.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.sportlive.it/altri-sport/mondiali-nuoto-2011-federica-pellegrini-oro-200-sl.html
  2. ^ http://www.repubblica.it/2009/09/sport/vari/pellegrini-15-set/pellegrini-15-set/pellegrini-15-set.html
  3. ^ http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/risultati-e-classifiche/2001-2002.html
  4. ^ Missy Franklin non partecipò alla finale. Il tempo della staffetta in batteria fu 3'53"66 (cfr. nota 21).
  5. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=503334&clubId=65752
  6. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=504240&clubId=230
  7. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=503935&clubId=230
  8. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=504043&clubId=230
  9. ^ http://www.repubblica.it/2004/g/speciale/altri/2004olimpiadi/fedpell/fedpell.html
  10. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=503660&clubId=230
  11. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=510724&clubId=65752
  12. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=503870&clubId=230
  13. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=510088&clubId=230
  14. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=511366&clubId=230
  15. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=512903&clubId=230
  16. ^ http://www.nuoto.it/leggi.php?leggiID=12467
  17. ^ Swim Rankings - by GeoLogix AG, Switzerland
  18. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/RISULTATI/NU/2007/livorno1904200701/INDEXFRAME.HTM
  19. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/NU/2007/Pesaro2407200701/indexframe.htm
  20. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=518255&clubId=230
  21. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=515908&clubId=66794
  22. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=518290&clubId=230
  23. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=520546&clubId=230
  24. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/NU/2007/Riccione1812200701/indexframe.htm
  25. ^ http://www.gazzetta.it/Sport_Vari/Altri_Sport/Nuoto/Primo_Piano/2008/03_Marzo/22/giornata5.shtml
  26. ^ http://www.repubblica.it/2008/03/sezioni/sport/nuoto-europei-eindhoven/giornata-sette-nuoto/giornata-sette-nuoto.html
  27. ^ http://www.nuoto.it/leggi.php?leggiID=18340
  28. ^ http://www.nuoto.it/leggi.php?leggiID=18342
  29. ^ http://www.nuoto.it/leggi.php?leggiID=18348
  30. ^ http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/risultati-e-classifiche/2007-2008.html
  31. ^ http://www.mytag.it/sport/3330-federica-pellegrini-record-del-mondo-agli-europei-2008-di-rijeka-medaglie-anche-per-altri-nuotatori-e-nuotatrici-video.html
  32. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=528999&clubId=66794
  33. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/nu/2009/pescara2605200901/indexframe.htm
  34. ^ http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/dossier/Sport/2009/mondiali-nuoto/cronaca/oro-pellegrini-400.shtml?uuid=078d1b58-7a07-11de-bd12-c7fa23cf9bc0
  35. ^ http://nuovavenezia.gelocal.it/sport/2009/07/29/news/federica-e-oro-nei-200-stile-libero-battuto-ancora-il-record-mondiale-1.1334706
  36. ^ http://www.sportlive.it/altri-sport/mondiali-nuoto-roma-2009-federica-pellegrini-staffetta-4x200.html
  37. ^ Morte Castagnetti, Pellegrini: ho perso una figura speciale. URL consultato il 6 agosto 2011.
  38. ^ Stefano Morini è il nuovo allenatore della Pellegrini. URL consultato il 6 agosto 2011.
  39. ^ http://sport.excite.it/stefano-morini-e-il-nuovo-allenatore-della-pellegrini-N62492.html
  40. ^ http://www.gazzetta.it/Sport_Vari/Altri_Sport/Nuoto/13-12-2009/grandissima-pellegrini-602308734841.shtml
  41. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/NU/2010/Riccione1404201001/indexframe.htm
  42. ^ http://www.sportlive.it/altri-sport/federica-pellegrini-oro-200-europei-budapest-2010.html
  43. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=546117&gender=2&styleId=6
  44. ^ http://sport.excite.it/europei-budapest-la-pellegrini-rinuncia-ai-400-stile-libero-cagnottodallape-oro-N78903.html
  45. ^ http://www.ilmessaggero.it/home_sport/altrisport/nuoto_europei_in_olanda_oro_e_record_della_pellegrini_negli_800_sl/notizie/128300.shtml
  46. ^ http://www.tuttosport.com/altri_sport/Nuoto/2010/11/27-95862/Europei,+una+crisi+d%27ansia+ferma+la+Pellegrini+nei+400+sl
  47. ^ http://www.lastampa.it/2010/12/31/sport/nuoto/federica-pellegrini-voglio-un-tecnico-che-mi-protegga-zblM3BlCQRXtNfVVjvVM1J/pagina.html
  48. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/nu/2010/riccione2212201001/indexframe.htm
  49. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/nu/2011/riccione1304201101/indexframe.htm
  50. ^ http://www.notiziariosportivo.it/2011/04/17/nuoto-assoluti-primaverili-pellegrini-vince-gli-800-sl/
  51. ^ http://www.corrieredellosport.it/altri_sport/nuoto/2011/03/06-159263/Pellegrini,+record+italiano+nei+400+stile+libero+
  52. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=555047&clubId=230
  53. ^ http://www.corriere.it/sport/11_luglio_24/pellegrini-vince-oro_68f4e8dc-b5e5-11e0-b43a-390fb6586130.shtml
  54. ^ http://www.sport.it/altri-sport/nuoto-mondiali-di-shangai-federica-pellegrini-vince-l-oro-nei-200-sl/
  55. ^ http://www.gazzetta.it/Sport_Vari/Altri_Sport/Nuoto/11-08-2011/fedefede-londra-2012-802409627289.shtml
  56. ^ http://blog.zapster.it/index.php/luca-marin-parla-della-nuova-relazione-di-federica-pellegrini/
  57. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/nu/2011/roma0408201101/indexframe.htm
  58. ^ http://qn.quotidiano.net/sport/nuoto/2011/12/09/634660-europei_vasca_corta_scozzoli_bronzo_rana.shtml
  59. ^ http://www.sportlive.it/altri-sport/pellegrini-europei-nuoto-vasca-corta-stettino-2011.html
  60. ^ http://www.dbresults.net/sitof/risultati/nu/2011/riccione1612201101/indexframe.htm
  61. ^ http://www.dbresults.net/sitofin/risultati/nu/2012/riccione0603201201/indexframe.htm
  62. ^ http://www.gazzetta.it/Olimpiadi/27-05-2012/colpo-scena-pellegrini-fuori-finale-400-911349611787.shtml
  63. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=562387&clubId=230
  64. ^ http://news.leonardo.it/europei-di-debrecen-oro-nella-staffetta/
  65. ^ http://www.swimrankings.net/index.php?page=meetDetail&meetId=563769&clubId=230
  66. ^ http://www.ilsussidiario.net/News/Calcio-e-altri-Sport/Altri-sport/2012/7/31/OLIMPIADI-LONDRA-2012-Nuoto-Federica-Pellegrini-quinta-nei-200-metri-sl-Michael-Phelps-secondo-nei-200-farfalla/307997/
  67. ^ Federica e il futuro - Nuoto.it
  68. ^ Trofeo Città di Milano - Nuoto.it
  69. ^ Home of Swim News, Swimming World Rankings, International Swim Sport
  70. ^ Nuoto, Mondiali: Pellegrini splendido argento nei 200 stile libero in La Repubblica, 31 luglio 2013.
  71. ^ Nuoto, mondiali: la Pellegrini non basta, staffetta da record ma senza finale - Repubblica.it
  72. ^ 200 stile libero: Pellegrini d'argento, parte bene, poi recupera e sfiora l'impresa, Corriere della sera, 31 luglio 2013. URL consultato il 2 agosto 2013.
  73. ^ Pellegrini trascina la staffetta Ragazze in finale nella 4x200 - Quotidiano Net - Sport
  74. ^ Barcellona 2013, nuoto: Pellegrini in semifinale nei 200 dorso | Olimpiazzurra
  75. ^ Pellegrini fuori dalla finale dei 200 dorso, corriere.it, 2 agosto 2013. URL consultato il 25 agosto 2014.
  76. ^ Nuoto, Mondiali; staffetta mista agrodolce: uomini in finale, donne squalificate - Repubblica.it
  77. ^ GP Italia a Viareggio DAY 2 - Nuoto.it
  78. ^ NUOTO - Federazione Italiana Nuoto
  79. ^ Campionato a squadre. Superecord Aniene - FIN - Federazione Italiana Nuoto
  80. ^ Roma - Settecolli 2014
  81. ^ Settecolli 2014 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
  82. ^ http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/34253-settecolli-gare-sospese-per-maltempo.html
  83. ^ Fede barese | Questione di Stile
  84. ^ Nuoto/ Federica Pellegrini a Bari: 400 stile libero verso gli Europei
  85. ^ Nuoto, Camille Muffat annuncia il ritiro. La Pellegrini: "Buona fortuna" - La Gazzetta dello Sport
  86. ^ ASPRIA SWIMMING CUP MILANO | Harbour Club Milano
  87. ^ ASPRIA SWIMMING CUP MILANO | Harbour Club Milano
  88. ^ Federica Pellegrini ha vinto l’oro nei 200 stile libero agli Europei, ilpost.it, 23 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  89. ^ Nuoto, Europei: Pellegrini quarta nei 400 sl. Bronzo per Turrini nei 400 mx, gazzetta.it, 24 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  90. ^ http://www.gazzetta.it/Nuoto/24-08-2014/nuoto-europei-pellegrini-cagnotto-cercano-tris-speranza-turrini-90235324543.shtml
  91. ^ a b Swim Rankings - by GeoLogix AG, Switzerland
  92. ^ a b federnuoto.it
  93. ^ Federica Pellegrini
  94. ^ In batteria ha stabilito il nuovo record olimpico con il tempo di 4'02"19
  95. ^ pur qualificata non nuota le semifinali
  96. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig.ra Federica Pellegrini. URL consultato il 12 aprile 2011.
  97. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig.ra Federica Pellegrini. URL consultato il 12 aprile 2011.
  98. ^ a b Swimming World Magazine: Swimmers of the Year
  99. ^ archiviostoricocorriere.it. URL consultato il 28 novembre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Max Corradi, P. Caporali La campionessa. Vita da record di Federica Pellegrini, Barbera, 2013. ISBN 8878996289

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]