Fedele da Sigmaringen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Fedele da Sigmaringen
I santi cappuccini Fedele da Sigmaringen (in piedi) e Giuseppe da Leonessa in un dipinto di Giambattista Tiepolo
I santi cappuccini Fedele da Sigmaringen (in piedi) e Giuseppe da Leonessa in un dipinto di Giambattista Tiepolo

Religioso e martire

Nascita 1577
Morte 1622
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 1729
Canonizzazione 1746
Ricorrenza 24 aprile

Fedele da Sigmaringen, al secolo Markus Roy (Sigmaringen, 1º ottobre 1577Seewis im Prättigau, 24 aprile 1622), appartenne all'Ordine dei Frati Minori Cappuccini e fu missionario nella zona protestante dell'Europa centrale: fu aggredito e ucciso durante una rivolta anti-austriaca in Svizzera ed è venerato come santo e martire dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di origine fiamminga, studiò dapprima presso il collegio gesuita di Friburgo, dove si laureò in filosofia, poi presso l'università della stessa città, dove conseguì il dottorato in utroque jure (il 7 maggio 1611): iniziò a dedicarsi all'attività forense, ma rimase presto deluso da quella professione, così l'anno seguente decise di entrare, insieme a suo fratello, tra i cappuccini del convento di Friburgo (4 ottobre 1612) e venne ordinato sacerdote; approfonditi gli studi teologici a Costanza, divenne anche Padre guardiano del convento di Rheinfelden, poi di quello di Friburgo e infine di quello di Feldkirch.

Divenne presto celebre a causa di alcuni pamphlet anti-calvinisti ed anti-zwingliani (che non sono stati conservati), tanto che il vescovo di Coira nel 1614 gli richiese di formare un gruppo di frati missionari per cercare di contenere il dilagare delle idee protestanti nella sua diocesi. Fedele da Sigmaringen accolse la richiesta solo nel 1621 e l'anno seguente la pontificia Congregazione de Propaganda Fide (appena istituita) lo nominò Superiore delle missioni nei Grigioni: percorse tutta la regione predicando e suscitando conversioni, soprattutto durante la quaresima del 1622.

Il 24 aprile dello stesso anno, uscito di chiesa dove aveva appena terminato di celebrare la messa, venne aggredito della folla insieme a un gruppo di soldati austriaci e ucciso. La diffusione delle dottrine riformate nella regione, infatti, era avvenuta soprattutto in funzione anti-asburgica ed autonomista: allo stesso modo, l'Impero sosteneva il cattolicesimo soprattutto allo scopo di tutelare l'integrità del suo territorio e la supremazia della casa d'Austria.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Papa Benedetto XIII lo ha proclamato beato il 24 marzo 1729 ed il 29 giugno 1746 è stato canonizzato da Benedetto XIV.

La sua memoria liturgica si celebra il 24 aprile (facoltativa).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 7379194 LCCN: n85264708