Fearless (film 2006)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Fearless
Fearless.png
Una scena del film
Titolo originale Huo Yuanjia
Paese di produzione Cina
Anno 2006
Durata 105 min (Director's Cut: 140 min)
Colore colore
Audio sonoro
Genere arti marziali
Regia Ronny Yu
Sceneggiatura Ronny Yu
Produttore William Kong
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Musiche Shigeru Umebayashi
Scenografia J. Michael Riva
Interpreti e personaggi

Fearless (Huo Yuanjia) è un film del 2006 diretto da Ronny Yu ed interpretato da Jet Li.

In Inghilterra e negli Stati Uniti è stato distribuito con il titolo Jet Li's Fearless, mentre in Francia con Le Maitre d'armes.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

14 settembre 1910. Il maestro di Wushu Huo Yuanjia combatte contro tre lottatori europei: il pugile Peter Smith, l'istruttore dei lancieri del Belgio Hans Herzog e il campione di scherma Anthony Garcia. Dopo averli sconfitti tutti, appena prima di affrontare il campione giapponese Anno Tanaka, ha inizio il lungo flashback della sua vita.

Nel XIX secolo a Tianjin, città del Nord della Cina, vicina alla capitale Pechino, vive la famiglia di Huo Yuanjia. Il padre è un insegnante di Kungfu, che ha vietato, per motivi di salute, al giovane Huo di praticare arti marziali. Huo Yuanjia viene indirizzato allo studio della letteratura e della scrittura cinese, ma preferisce dedicarsi di nascosto alle tecniche di combattimento. Il suo inseparabile amico e coetaneo Nong Jinsun fa i compiti al suo posto. Huo Yuanjia ha un carattere testardo e indomito, così quando il padre piuttosto che uccidere il proprio avversario perde un incontro (Leitai) egli decide di diventare imbattibile ad ogni costo. È così che alla morte del padre, prende il suo posto e sconfigge ad uno ad uno i migliori combattenti della città. La sua fama cresce a dismisura, ma al tempo stesso egli si circonda di perditempo, passa il suo tempo a fare festini e ad ubriacarsi, trascurando la propria famiglia, in particolare la figlia amatissima. Questo stile di vita lo porta anche ad indebitarsi notevolmente e ad approfittare della ricchezza del suo amico Nong. L’ennesima ubriacatura e la versione ingannevole di un suo allievo riguardo ad uno scontro con un maestro di un'altra scuola (il maestro Qin), fanno sì che Huo Yuanjia uccida in uno scontro nel ristorante del suo amico, quest'altro maestro. Un nipote di quest’ultimo, impazzito, si vendica uccidendo la madre e la figlia di Huo. Quando Huo scopre l’accaduto, cerca di vendicarsi a sua volta. Raggiunto l'assassino, questi confessa l'omicidio e si taglia la gola. Il maestro, alla vista della moglie e della figlia del maestro avversario, unite alla raggiunta consapevolezza di aver commesso un grave errore, esce di senno. Huo si imbarca su una nave, spostandosi nel Sud del paese; qui si getta in un fiume, per poi essere ripescato in fin di vita da un gruppo di contadini di una minoranza etnica. Viene curato da una ragazza non vedente (Yueci) e da sua nonna. Durante la sua permanenza nel villaggio aiuta nel lavoro nella risaia ed apprende a godere dei momenti della vita, come quello di essere avvolti dalla brezza del vento. Dopo un periodo di alcuni anni, viene il periodo della Festa di Primavera, il cosiddetto Capodanno Cinese. Huo sente la nonna e Yueci che parlano di andare a rendere omaggio ai propri defunti, come usanza di questo periodo dell'anno in Cina, perciò riflette e decide di tornare a chiedere perdono sulle tombe dei propri cari. Per questo motivo abbandona il villaggio per tornare a Tianjin. Qui trova la propria casa in rovina ed una situazione molto cambiata, in cui sono gli stranieri a farla da padroni. Quando legge su un giornale di una sfida lanciata da Hercules O’Brian contro i “Malati dell’Asia” (i cinesi, come erano beffardamente chiamati) capisce che ha una missione da compiere e cerca i soldi per poter partecipare alla sfida, chiedendo aiuto proprio al suo vecchio amico Nong Jinsun. Huo vince la sfida, non senza però dimostrare uno straordinario cambiamento, salvando la vita del proprio avversario. Dopo questo episodio Huo Yuanjia apre la sua scuola, la Jingwu Tiyu Hui. Siccome il suo nome sta acquistando fama, il console giapponese decide di organizzare un incontro per metterlo in cattiva luce, in cui Huo doveva combattere con quattro avversari non cinesi. Uno di questi è Tanaka, con cui Huo si incontra, scoprendo una persona corretta ed un marzialista raffinato.

Si ritorna al 1910. Il primo duello tra i due maestri orientali (katana contro bastone a tre pezzi) termina in parità. Per evitare imbarazzi, il console del Giappone fa sostituire il tè di Huo, avvelenandolo. Pur se debole e morente, Huo riesce a vincere Tanaka, raggiungendolo con il suo pugno letale ma fermandosi prima di colpirlo. Tanaka, dimostrando una morale marziale incorruttibile, riconosce la vittoria di Yuanjia. La scuola del maestro Huo si diffonderà in tutto il mondo.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne originariamente montato in una versione della durata di 140' ma per venire incontro alle richieste di mercato il film venne accorciato a 105'; per accorciarlo venne tagliata una sequenza con l'attrice Michelle Yeoh e un combattimento con un thaiboxer interpretato da Somluck Kumsing.

Nel 2006 il film venne edito in una versione speciale per la sola Thailandia contenente la scena del combattimento, ma non quella con la Yeoh, la cui durata approssimativa è di 110 minuti.

L'anno successivo per il mercato Hong Kong è stata pubblicata la Director's cut con tutti i 140 minuti, con la parte con Michelle Yeoh sottotitolata. Una release occidentale della Director's cut è prevista per gli Stati Uniti per luglio 2008.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni attori e i personaggi che interpretano:

Nome dell’Attore, Ideogrammi, Pinyin, Nome Internazionale Nome del Ruolo interpretato, Ideogrammi, Pinyin, Nome Internazionale
1李连杰, Li Lianjie, Jet Li 霍元甲, Huo Yuanjia
2孫儷, Sun Li, Betty Sun 月慈, Yueci, Luna
3董勇, Dong Yong 農勁蓀, Nong Jinsun
4鄒兆龍, Zou Zhaolong, Collin Chou 霍恩第, Huo Endi, Il padre di Huo Yuanjia
5鮑起靜, Bao Qijing, Hee Ching Paw 霍母, Huo Mu, La madre di Huo Yuanjia
6中村獅童, Zhongcun Shitong, Shido Nakamura 田中安野, Tianzhong Anye, Anno Tanaka
7尼芬鍾斯, Nifen Zhongsi, Nathan Jones 大力士奧比音, Dalishi Aobiyin, Hercules O’Brien

La trama e la biografia di Huo Yuanjia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Huo Yuanjia.

La storia di questo film si ispira ad un personaggio realmente esistito, tant'è che le pubblicità italiane alla sua uscita affermavano "La vera storia di Huo Yuanjia"; niente di più lontano dalla realtà. Episodi inventati, date sbagliate e persino il carattere del personaggio principale risulta falsato: Huo Yuanjia viene dipinto come un collerico ubriacone ignorante, mentre dalle sue biografie risulta che da ragazzino si fosse applicato molto negli studi e ciò fece di lui una persona umile e piena di giudizio. Nong Jinsun, che nel film è dipinto come un suo amico di infanzia, in realtà era un ricco commerciante di Tianjin che conobbe Huo solo nel 1896, quando quest'ultimo aveva già una trentina d'anni. Del tutto inventati la strage della famiglia di Huo, la sua permanenza in un villaggio (palesemente presso un'etnia di minoranza, nel sud della Cina). Tutto ciò solo per citare alcune tra le tante inesattezze. Poco dopo l'uscita del film, la famiglia di Huo Yuanjia ha intentato una causa per diffamazione ed ha chiesto il ritiro dell'opera perché considerata altamente lesiva dell'immagine del proprio parente[1]. Qualche mese dopo la corte ha giudicato inconsistenti le accuse rivolte al film giudicandolo privo di contenuti diffamatori nonostante le forzature e le esagerazioni effettivamente rappresentate[2].

Il Messaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le inesattezze su cui si poggia la trama di questo film, c’è da sottolineare l’importanza nella società cinese attuale del messaggio che esso intende comunicare. L’individualismo e il non rispetto della vita, la voglia di affermazione personale sopra ogni cosa stanno erodendo i valori millenari della cultura cinese. Huo Yuanjia a Tianjin nella prima parte del film rappresenta questo deterioramento della società cinese. Si deve cambiare rotta. Anche l’abuso di alcool, mostrato dal protagonista, è uno specchio abbastanza fedele di ciò che sta accadendo in Cina, dove appare sempre di più un problema l’usanza di bere distillati con un'alta gradazione per suggellare momenti di aggregazione.[senza fonte] Nella seconda parte il messaggio positivo del riscatto di Huo, che torna a combattere, non per sé stesso ma per la Cina, nella migliore tradizione nazionalistica, di cui Huo Yuanjia è ed è stato realmente un simbolo. Il wushu (arte marziale) è il simbolo unificante della Cina, in cui devono cessare le rivalità tra le varie Scuole. Il Wushu ed il confronto sono simboli esteriori che però devono condurre ad un miglioramento personale, ad una consapevolezza interiore. Si combatte più contro se stessi ed i propri demoni che contro i propri avversari. Il rispetto della vita è il primo valore, come tramandato dagli insegnamenti di Confucio.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante Jet Li avesse dichiarato[3] che Fearless intendeva essere il suo ultimo film di arti marziali, nel 2011 è tornato nel ruolo di maestro per i colossal cinesi The Sorcerer and the White Snake di Siu-Tung Ching e Flying Swords of Dragon Gate di Tsui Hark.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Legacy of Huo Yuanjia Worth An Apology - china.org.cn
  2. ^ Kungfu master's grandson loses defamation lawsuit against Jet Li film
  3. ^ Intervista a Jet Li, Contenuti Extra nel DVD Fearless, 01 Distribution, 2008

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema