Fazione del Cammino Imperiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Fazione del Cammino Imperiale (皇道派 Kōdōha) fu uno schieramento politico interno all'Esercito Imperiale Giapponese attivo negli anni venti e trenta del XX secolo. Appoggiata principalmente da giovani ufficiali, premeva per stabilire un governo militare e promuoveva idee totalitarie, militariste ed espansioniste. Non si organizzò mai in partito politico[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Premesse[modifica | modifica wikitesto]

La crescita economica vissuta dal Giappone durante la prima guerra mondiale terminò negli anni venti con il cosiddetto Panico del periodo Shōwa. I sindacati erano sempre più influenzati dalle teorie marxiste e anarchiche mentre le élite capitaliste prosperavano grazie agli stretti rapporti con politici e burocrati. In questo contesto alcuni militari erano decisi a agire per eliminare quelle che percepivano come minacce dovute alla corruzione e alle carenze della politica.

La nascita della fazione[modifica | modifica wikitesto]

Il generale Sadao Araki, fondatore del Kōdōha

I fondatori della Kōdōha furono Sadao Araki e il suo protetto Jinzaburō Masaki. Araki era un noto filosofo politico dell'Esercito che legò l'antico codice dei samurai, il Bushidō, con idee affini a quelle del fascismo europeo per formare la base ideologica del proprio pensiero, che univa Imperatore, popolo, terra e morale in un'unica entità indivisibile.

In una conferenza stampa del settembre 1932 Araki menzionò per la prima volta la parola "Kōdōha", che dal quel momento ricevette la propria popolarità.

La Kōdōha prefigurava un ritorno a un idealizzato Giappone pre-industriale e pre-occidentalizzato, depurato da burocrati corrotti, politici opportunisti e avidi zaibatsu. Lo Stato sarebbe stato retto direttamente dall'Imperatore Hirohito attraverso una restaurazione assistita dai militari che avrebbe eliminato la democrazia Taishō e riportato in auge i valori tradizionali del Paese. Dal punto di vista internazionale, una guerra con l'Unione Sovietica sarebbe stata inevitabile, oltre che necessaria per eliminare la minaccia posta dal comunismo[2].

Lo scontro tra Kōdōha e Tōseiha[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1931 Araki divenne Ministro della Guerra nel Gabinetto del Primo Ministro Tsuyoshi Inukai e Masaki divenne vice capo dell'Ufficio Generale di Staff dell'Esercito. Entrambi iniziarono a rimuovere dai ruoli chiave i seguaci del generale Kazushige Ugaki[1], che spingeva per una modernizzazione tecnologica dell'esercito mentre la Kōdōha insisteva nell'attribuire maggiore importanza all'allenamento spirituale delle truppe

Per opporsi alla Kōdōha Kazushige Ugaki, Hajime Sugiyama, Koiso Kuniaki, Yoshijirō Umezu, Tetsuzan Nagata e Hideki Tōjō crearono un'altra fazione interna all'esercito, denominata Tōseiha.

Comune alle due fazioni era la convinzione che la difesa nazionale dovesse essere rafforzata attraverso una riforma della politica interna ed entrambe mutuarono alcune delle proprie basi ideologiche dalle ideologie fasciste e totalitarie, esprimendo forte sfiducia verso la democrazia rappresentativa e i partiti politici. Mentre però la Kōdōha propugnava una "rivoluzione restauratrice", la Tōseiha si attestava su posizioni più moderate credendo che una futura guerra sarebbe stata una guerra totale, e avrebbe richiesto il contributo dell'apparato burocratico e dello zaibatsu per massimizzare la capacità industriale e militare del Paese[3]. Inoltre, mentre la Kōdōha credeva fermamente nella necessità di una guerra preventiva contro l'Unione Sovietica, la Tōseiha preferiva una cauta politica espansionista.

Il declino della Kōdōha[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'Incidente di Mukden le due fazioni si scontrarono per il dominio sull'esercito[4]. Inizialmente la Kōdōha ebbe il sopravvento ma, dopo il ritiro di Araki per malattia nel 1934, la sua influenza cominciò a declinare e Araki venne sostituito dal generale Senjuro Hayashi, simpatizzante della Tōseiha[2].

Nel novembre 1934 venne sventato con l'aiuto della Kempeitai un progetto di alcuni affiliati della Kōdōha per uccidere diversi importanti uomini politici. La Tōseiha costrinse alle dimissioni Masaki (che nel frattempo aveva raggiunto scalato posizioni gerarchiche nelle forze armate) per il suo coinvolgimento e fece degradare molti ufficiali della sua fazione.

Per rappresaglia Saburo Aizawa, un ufficiale della Kōdōha, uccise il leader dell'Tōseiha Tetsuzan Nagata dando luogo al cosiddetto Incidente di Aizawa del 12 luglio 1935. Il tribunale militare chiamato a giudicare Aizawa, presieduto dal generale Heisuke Yanagawa (capo della Prima Divisione dell'Esercito Imperiale e schierato con la Kōdōha) riuscì però a presentare l'uccisore come un patriota altruista e Nagata come un personaggio intrigante e assetato di potere[5]. Come conseguenza dell'Incidente il Ministro della Guerra Senjuro Hayashi, seguace di Araki, venne costretto alle dimissioni e il reparto di Yanagawa venne destinato alla Manciuria. Ciò convinse la Kōdōha della necessità di un'azione diretta e provocò una rapida evoluzione degli eventi: all'inizio del 1936 la Prima Divisione venne direttamente coinvolta in un tentativo di colpo di stato che prese il nome di Incidente del 26 febbraio.

Il fallimento del golpe portò alla completa epurazione dei membri della Kōdōha dalle alte gerarchie delle forze armate e alle dimissioni del suo leader Sadao Araki dall'Esercito Imperiale. Nel frattempo la Corte marziale decise la fucilazione di Aizawa che venne ucciso il 3 luglio 1936. La Kōdōha cessò praticamente di esistere e, di conseguenza, la Tōseiha perse gran parte della propria ragione di esistere[6].

Anche se i membri della Tōseiha presero il controllo dell'Esercito Imperiale, gli ideali di potere spirituale e misticismo imperiale propugnati dalla Kōdōha rimasero all'interno delle forze armate così come la sua tradizione di insubordinazione portata avanti da giovani ufficiali (Gekokujo) che di lì a poco sarebbe riemersa con lo scoppio della Seconda guerra sino-giapponese[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Richard Sims, pag. 193
  2. ^ a b Andrew Crosier, pag. 200
  3. ^ Ian Buruma, pag.98
  4. ^ Edwin P. Hoyt, Japan's War, p 118-119
  5. ^ Mikiso Hane, pag. 282
  6. ^ Meirion Harries, pag. 191
  7. ^ Jeremy Black, War in the Modern World Since 1815

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ian Buruma, Inventing Japan, 1854-1964, Modern Library, 2004, ISBN 0812972864
  • Jeremy Black, War in the Modern World Since 1815, Routledge, 2003, ISBN 0415251400.
  • Richard Sims, Japanese Political History Since the Meiji Renovation 1868-2000, Palgrave Macmillan, 2001, ISBN 0312239157.
  • Mikiso Hane, Modern Japan: A Historical Survey, Westview Press, 2001, ISBN 0813337569
  • Andrew Crosier, The Causes of the Second World War, Wiley-Blackwell, 1997, ISBN631186018
  • Meirion Harries, Soldiers of the Sun: The Rise and Fall of the Imperial Japanese Army, Random House, 1994
  • Edwin P. Hoyt, Japan's War: The Great Pacific Conflict, 1853 to 1952, McGraw, 1986