Favila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Favila
Favila
Illustrazione del XVIII secolo di Favila
Principe delle Asturie
In carica 737 - 739
Predecessore Pelayo
Successore Alfonso I delle Asturie
Nome completo Favila di Pelayo
Altri titoli il titolo che si attribuì fu principe delle Asturie
Nascita ca. 715
Morte Cangas de Onís, 739
Padre Pelayo
Madre Gaudiosa
Consorte Froleba

Favila di Pelayo Favila anche in spagnolo, Fàfila in catalano, Fávila in galiziano e in portoghese (715 circa – Cangas de Onís, 739) fu il secondo principe delle Asturie dal 737 al 739.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Figlio del principe delle Asturie, Pelayo e di sua moglie Gaudiosa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Monastero romanico di San Pedro de Villanueva del XII secolo (non lontano da Cangas de Onís)
Dettaglio del portone del Monastero romanico di San Pedro de Villanueva del XII secolo (non lontano da Cangas de Onís) in cui è narrato l'ultimo giorno di vita del re Favila: da sin. a destra: partenza per la caccia e bacio alla moglie Froleba sulla porta del palazzo, caccia col falcone e, non inquadrato dalla foto, la lotta con l'orso.

Nel 737, fu il successore politico di suo padre nel territorio asturiano. Governò per soli due anni, morendo prematuramente, secondo la leggenda, a causa delle ferite che aveva riportato nella lotta con un orso.

La cosa più probabile fu invece un assassinio politico, visto che la sua morte consentì a suo cognato, sposato con sua sorella Ermesinda, Alfonso, duca di Cantabria, di salire sul trono del Regno delle Asturie, e, per la prima volta, di farsi chiamare re.

Fu sepolto accanto a sua moglie Froleba nella chiesa della Santa Croce (sembra che sia stata fatta erigere da Favila) a Cangas de Onís, capitale del regno.

Discendenza[1][modifica | modifica sorgente]

Principato delle Asturie
Asturie
Cruz de Asturias.svg

Pelayo
Favila
Modifica

Favila e Froleba, a quanto risulta dalle iscrizioni nella fondazione della chiesa della Santa Croce, ebbero dei figli di cui non si hanno altre notizie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Dinastie reali di Asturie e Leon

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Principe delle Asturie Successore Cruz de Asturias.svg
Pelayo 737–739 Alfonso I delle Asturie

Controllo di autorità VIAF: 102342954