Faust (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Faust
Fotografia di Faust
Paese d'origine Germania Germania
Genere Art rock
Rock sperimentale
Krautrock
Periodo di attività 1971 – in attività
Album pubblicati 26
Studio 13
Live 5
Raccolte 8
Sito web

I Faust sono una band tedesca formatasi a Wümme nel 1969 e dedita ad un art-rock elettronico, in linea con la corrente experimental rock tedesca di inizio anni settanta conosciuta con il nome di krautrock al quale vengono associati anche gruppi come i Can, gli Amon Düül, i Neu! e i primi Kraftwerk.

Membri del gruppo sono Werner "Zappi" Diermaier (batteria), Jean-Hervé Péron (basso, chitarra, voce), Hans Joachim Irmler (organo, elettronica), Arnulf Meifert (percussioni), Rudolf Sosna (chitarra, tastiere) e Gunter Wüsthoff (sax ed effetti).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo si è formato nel 1969. Si assicurarono un lucroso contratto con la casa discografica Polydor e presto cominciarono a registrare il loro album d'esordio, Faust, che fu un fiasco commerciale ma ricevette ampie lodi dalla critica per il suo approccio innovativo e contribuì a creare una schiera di fans ristretta ma devota. I Faust furono fra i primi ad avere una certa rilevanza a livello internazionale per quello che poi sarebbe stato chiamato krautrock. I Faust furono anche fra i primi ad imbarcarsi nell'allora giovanissima Virgin Records di Richard Branson, che intraprese un'audace e poderosa campagna pubblicitaria mirata all'introduzione dei Faust nel mercato britannico. "So Far", secondo album della band, è unanimemente considerato uno dei dischi più importanti (e più genialmente "fuori") della storia del rock. The Faust Tapes era un taglia-e-cuci di numerosissime registrazioni private, inizialmente non pensate per la pubblicazione, ma che oggi viene considerato fra i loro lavori più riusciti. La Virgin Records lo mise in vendita al prezzo di un singolo (48 pence) e vendette più di 100 000 copie, ma il suo prezzo irrisorio lo escluse dalle classifiche di vendita.

I Faust si sciolsero nel 1975 dopo che la Virgin rifiutò il loro quinto album (alcune delle registrazioni apparvero in seguito sul disco Munich and Elsewhere), ma le riedizioni dei loro precedenti insieme con vario materiale in aggiunta, attraverso la Recommended Records di Chris Cutler mantenne un discreto livello di interesse.

Dopo il loro scioglimento, l'attività del gruppo rimase ignota. La Recommended Records parlava di "scomparsa" del gruppo. Il sito ufficiale conferma tre soli concerti nel decennio 1980-89.

Nel 1990, Irmler, Diermeier e Péron si riunirono per esibirsi. Nel 1994, Péron e Diermeier intrapresero per la prima volta una tournée negli Stati Uniti. Da allora hanno continuato ad esibirsi con differenti formazioni.

Tutt'oggi sottovalutati e misconosciuti, restano una delle tracce seminali più influenti del rock trasversale e anche di certa musica elettronica. Moltissimi i musicisti che hanno attinto ispirazione dalle loro bizzarre metodologie di contaminazione sonora e culturale portandone avanti la sperimentazione. Tra questi vale la pena citare Legendary Pink Dots, Julian Cope, Sonic Youth, Deca.


Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Werner Diermaier al Rock in Opposition Festival tenutosi a Carmaux nell'aprile del 2007
Jean Hervé Péron al Festival R.I.O. di Carmaux

Studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Julian Cope, Krautrocksampler. Guida personale alla Grande Musica Cosmica dal 1968 in poi, a cura di L. Fusari, Fazi Editore, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo