Fatu Hiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Futu Hiva
FatuIva BaieDesVierges Panorama 20061111.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 10°29′S 138°38′W / 10.483333°S 138.633333°W-10.483333; -138.633333Coordinate: 10°29′S 138°38′W / 10.483333°S 138.633333°W-10.483333; -138.633333
Arcipelago Isole Marchesi
Superficie 84 km²
Altitudine massima 1125 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Francia Francia
Isole Marchesi Polinesia francese
Demografia
Abitanti 584 (2002)
Densità 7 ab./km²
Cartografia
Fatuhiva.map.svg
Mappa di localizzazione: Polinesia francese
Futu Hiva

[senza fonte]

voci di isole della Francia presenti su Wikipedia

Fatu Hiva è un'isola dell'Oceano Pacifico, la più meridionale dell'arcipelago delle Isole Marchesi, situata a 47 km da Moho Tani e 75 da Hiva Oa.

Di origine vulcanica, come d'altronde buona parte delle Marchesi, presenta picchi che raggiungono facilmente i 1000 metri d’altezza e le cui pareti, quasi verticali, sono spesso a picco sul mare. È presente una vegetazione molto variegata, conseguente alle piogge abbondanti che fanno dell’isola la più umida di tutto l’arcipelago.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu la prima isola dell’arcipelago ad essere scoperta dall’uomo bianco, ad opera dello spagnolo Alvaro de Mendana che vi arrivò il 21 luglio del 1595, credendo però di aver raggiunto le coste delle Isole Salomone. Solo più tardi capì d’aver scoperto una nuova terra, a cui diede il nome di Marquesas de Mendoza, in onore del vice-re del Perù che aveva finanziato la sua impresa esplorativa.

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

L’isola possiede meno di 600 abitanti, quasi tutti distribuiti nei due villaggi principali: Omoa e Hanavave. Il declino demografico ha caratterizzato buona parte degli ultimi decenni del '900. Già scarsamente popolata, Fatu Hiva ha visto col tempo andarsene sempre più persone: negli anni '60, per contribuire alla costruzione del centro per esperimenti nucleari a Mururoa; più recentemente sotto forma di emigrazione scolastica; e sempre più frequentemente "economica", per la ricerca di nuove prospettive di vita altrove, vista la scarsa prospettiva di sviluppo dell’isola, fortemente caratterizzata dalle attività di tipo primario (soprattutto la pesca).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]