Fatti del G20 di Londra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le proteste del 1º aprile davanti alla Bank of England.

La locuzione fatti del G20 di Londra è comunemente utilizzata per riferirsi agli episodi di violenza che sono iniziati a Londra da mercoledì 1º aprile 2009 in concomitanza con la riunione del G20 qui riunitasi.

In un contesto di disagio sociale come conseguenza di una profonda crisi finanziaria e recessione che ha colpito il mondo occidentale e molti paesi del resto del mondo, la riunione dei principali presidenti è stata l'occasione per protestare contro la disoccupazione portatata dalla globalizzazione e da politiche capitaliste, dando raduno non solo a gruppi anarchici e no-global ma anche a persone colpite dalla crisi che hanno perso occupazione e casa.

Nonostante la maggior parte dei manifestanti avessero intenzioni pacifiche, per prevenire eventuali episodi di violenza i poliziotti furono autorizzati a contenere e reprimere la protesta. Tale manovra fu chiamata Operation Glencoe[1], nome che rimanda allo storico massacro di Glencoe[2].

Il 1º aprile un passante, Ian Tomlinson, morì poco dopo essere stato spinto a terra da un poliziotto.[3]

La città blindata[modifica | modifica wikitesto]

In occasione di ospitare la riunione del G20 a Londra, ove i principali capi di governo delle nazioni più industrializzate del mondo decideranno le direttive per la nuova economia di globalizzazione e porre rimedio alla crisi economica (2008-2009); il governo britannico ha predisposto una spesa di 8,4 ml per garantire la sicurezza nella città adoperando migliaia di forze dell'ordine in assetto antisommossa, installazione di 3.000 telecamere all'angolo delle principali strade e cecchini di guardia nei tetti di edifici.[4]

Cronaca dei fatti del G20[modifica | modifica wikitesto]

Mercoledì 1 aprile[modifica | modifica wikitesto]

Kettling della polizia nei confronti dei partecipanti alla protesta.

Gli scontri iniziano mercoledì 1 aprile. Cariche di manifestanti irrompono nella sede londinese della Bank of England infrangendo i posti di blocco delle forze dell'ordine e vandalizzano l'istituto bancario rompendo vetrine e oggetti all'interno. Un poliziotto viene ferito alla testa da una sbarra metallica.[4]

Durante un corteo pacifico, successivamente trasformatosi in ondata di violenza soprattutto a Cannon Street, la polizia ha eseguito 11 arresti.[4] L'associazione Campagna per il Cambiamento climatico ha denunciato le riviste Evening Start e Daily Mail per i loro articoli riguardanti l'arrivo degli anarchici e gli scontri.[5][6] La marcia è iniziata in modo pacifico come previsto dall'ente, ma l'arrivo dinanzì la Royal Bank of Scotland ha scisso il corteo in diverse frange che hanno fatto leva sulla crisi, appiccando fuoco a un manichino di Sir Fred Goodwin[7] e rompendo le vetrate della banca e di alcune sedi HSBC[7].

Ian Tomlinson, un venditore ambulante diretto verso casa, morì poco dopo essere stato spinto a terra da un poliziotto. Una seconda autopsia rivelò che Tomlinson morì di emorragia addominale. Un poliziotto è stato interrogato per sospetto di omicidio colposo e le indagini sulle circostanze della sua morte sono tuttora in corso.[8]

Per diverse ore la polizia ha formato un cordone invalicabile per proteggere la Banca d'Inghilterra, effettuando 87 arresti. Si è stimata la presenza di oltre 5.000 manifestanti alle proteste violente e non del 1º aprile.[9]

Giovedì 2 aprile[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) http://cms.met.police.uk/met/news/major_operational_announcements/operation_glencoe_policing_and_security_for_the_g20_london_summit
  2. ^ (EN) http://blogs.mirror.co.uk/anything-you-say/2009/03/scotland-yard-tact-and-operati.html
  3. ^ (EN) Ian Tomlinson death: Guardian video reveals police attack on man who died at G20 protest
  4. ^ a b c Proteste anti-G20. Londra sotto assedio, Affari italiani, 1º aprile 2009. URL consultato il 2 aprile 2009.
  5. ^ http://www.climatecamp.org.uk/g20-complaint
  6. ^ Robert Mendick, Nigel Rosser, Anarchists plan City riots for G20 leaders' arrival in London", Evening Standard.
  7. ^ a b BBC NEWS | UK | Police clash with G20 protesters
  8. ^ (EN) Tomlinson officer questioned on suspicion of manslaughter
  9. ^ BBC NEWS | UK | Further protests at G20 summit

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Londra Portale Londra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Londra