Farman F.222

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Farman F.222
French aircraft F.222 in Africa during WW II.jpg
Descrizione
Tipo bombardiere pesante
Equipaggio 5-7
Costruttore Francia Farman
Francia SNCAC
Data primo volo giugno 1935
Utilizzatore principale Francia Armée de l'air
Esemplari 35
Sviluppato dal Farman F.220
Dimensioni e pesi
Apertura alare 36,0 m
Larghezza 21,5 m
Altezza 5,22 m
Peso a vuoto 10 488 kg
Propulsione
Motore 4 radiali Gnome-Rhône 14Kbrs
Potenza 860 CV (633 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 320 km/h (F.222/2)
Tangenza 8 000 m (F.222/2)
Armamento
Mitragliatrici 3 MAC 1934 calibro 7,5 mm
Bombe fino a 4 190 kg
2 500 kg (normale)

Bombardieri della seconda guerra mondiale[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Farman F.222, poi SNCAC NC.233, era un bombardiere pesante quadrimotore ad ala alta progettato ed inizialmente prodotto dall'azienda francese Société des avions Henri & Maurice Farman ed in seguito, dopo la nazionalizzazione delle aziende aeronautiche francesi, dalla Société nationale de constructions aéronautiques du Centre (SNCAC) tra la fine degli anni trenta e l'inizio dei quaranta.

Evoluzione dell'originario F.220, ne condivideva l'impostazione generale caratterizzata dalle forme squadrate, dall'ala di grande spessore montata alta e controventata e dalla collocazione dei motori tra i montanti alari in configurazione traente-spingente ed introducendo un carrello d'atterraggio retrattile negli elementi anteriori.

Entrato in servizio alla fine degli anni trenta costituì, allo scoppio della seconda guerra mondiale, il più moderno velivolo da bombardamento pesante in dotazione all'Armée de l'air, l'aeronautica militare francese, venendo intensamente impiegato contro le forze tedesche della Wehrmacht durante le fasi della campagna di Francia.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Francia Francia
Francia di Vichy Francia di Vichy
operarono con alcuni F.222 come aereo da trasporto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bill Guston. Bombardieri della seconda guerra mondiale. Gruppo Editoriale Fabbri, Milano. (1981)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]